Immobili
Veicoli

CANTONEVPOD: «No alla censura dell'innovazione nella scuola democratica»

15.01.22 - 16:00
Se il Gran Consiglio dovesse accettare il rapporto di maggioranza, non è escluso il lancio di un'iniziativa popolare
Deposit
VPOD: «No alla censura dell'innovazione nella scuola democratica»
Se il Gran Consiglio dovesse accettare il rapporto di maggioranza, non è escluso il lancio di un'iniziativa popolare

BELLINZONA - Non si placa la polemica riguardante il sistema di livelli nella scuola media. Questo pomeriggio è arrivata la presa di posizione del VPOD docenti Ticino. 

La Commissione della gestione e finanze, con il rapporto dell'11 gennaio sul Preventivo 2022 del Cantone, chiede lo stralcio della voce di spesa pari a 390'000 franchi inerente il progetto di superamento in terza media del sistema dei livelli in matematica e tedesco.

«Accodandosi ai portavoce di idee fondamentalmente reazionarie, provenienti soprattutto dal mondo politico, il rapporto in questione ha ignorato la presa di posizione favorevole della scuola media di Caslano. Pure ignorate sono le prese di posizione favorevoli della Conferenza cantonale dei genitori e di tanti organismi attivi in ambito formativo» si legge nel comunicato del sindacato.

Il VPOD docenti Ticino denuncia «questa censura ad opera di politici presi dalla presunzione di onniscienza ed onnipotenza, che con il loro agire azzardato azzoppano lo sviluppo della scuola democratica in Ticino e mortificano l’autonomia della scuola democratica nello sperimentare e nell’innovare l’insegnamento entro i limiti delle vigenti leggi scolastiche».

Quello che auspica il sindacato è che il Gran Consiglio il prossimo 24 gennaio non segua su questo punto il rapporto di maggioranza sul Preventivo 2022, «ma che lasci i mezzi ai docenti e alle sedi quantomeno per continuare a sperimentare il superamento dei livelli in terza media in un numero significativo di scuole medie». In caso di esito negativo, il sindacato si dice pronto a chiamare tutte le forze interessate a riunirsi attorno ad un tavolo «per definire il lancio di un'iniziativa popolare volta al superamento dei livelli nella scuola media». 

 

NOTIZIE PIÙ LETTE