keystone-sda.ch (Sgt. Samuel Ruiz)
Bimbi afghani salvati dai militari.
CANTONE
23.08.2021 - 09:190

«Sosteniamo concretamente il popolo afghano»

Giorgio Fonio e Fiorenzo Dadò chiedono al Consiglio di Stato di convincere Berna a fare la propria parte.

La decisione del Consiglio federale di non voler accogliere contingenti di cittadini afghani ha infatti lasciato «senza parole» molte persone.

BELLINZONA - Il Consiglio federale - di recente - ha dichiarato di non voler accogliere contingenti di cittadini afghani in fuga dal proprio Paese, caduto nuovamente di recente nelle mani dei talebani.

Una scelta, questa, che ha fatto storcere il naso da più parti e che non è piaciuta neppure ai deputati del Centro Giorgio Fonio e Fiorenzo Dadò, che hanno deciso d'interrogare il Consiglio di Stato affinché convinca Berna a fare la propria parte. «Quello che sta accadendo in Afghanistan è sotto gli occhi di tutti», scrivono i due deputati. «Le sofferenze di cui è vittima la popolazione ha sconvolto ognuno di noi. Uomini e donne perseguitati dai talebani che rischiano la vita e genitori che pur di mettere in salvo i propri figli (anche neonati), nella più totale disperazione, li consegnano ai soldati americani pregandoli di portarli con loro gettandoli attraverso il filo spinato».

Per questo, negli ultimi giorni si sono moltiplicati gli appelli al Consiglio federale affinché si faccia parte attiva nell'accogliere i profughi. Appelli per ora rimasti inascoltati. «Pensando al nostro Paese e alla sua tradizione umanitaria - precisano Fonio e Dadò - questa decisione lascia basiti e senza parole. Le immagini drammatiche di un popolo terrorizzato e fortemente in pericolo, dovrebbero muovere la coscienza verso un approccio orientato all’apertura e al sostegno». Per questo, come detto in precedenza, i due deputati chiedono al Consiglio di Stato se non ritenga necessario «farsi parte attiva presso il Consiglio federale offrendo la propria disponibilità nell’accogliere sul nostro territorio dei profughi afgani, in particolare donne, bambini e persone vulnerabili». 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Nmemo 4 sett fa su tio
Andare con gli eserciti per cambiare l’identità di un Paese nel tempo di mia memoria è riuscito e servito un'unica volta: quando si è abbattuto il nazi-fascismo in Germania e Italia. Ma allora gli eserciti hanno vinto. Ora in quel Paese si affacciano altri interessati, non per assistere il Paese ma per i preziosi giacimenti di materie prime. È il Ticino della politica nostrana che già “stramba” con i problemi locali di assistenza ai bisognosi, che si deve caricare di problemi di portata geo-politica internazionale quando già se ne occupa il Consiglio federale?
Mattiatr 4 sett fa su tio
Facile dire di fare qualcosa senza nemmeno buttar giù una proposta. Cosa possiamo fare? Va bene tutto ma ste uscite tanto per farsi vedere dovrebbero esser accompagnate da qualcosa di concreto altrimenti sono solo CO2 in uscita dai polmoni.
seo56 4 sett fa su tio
Molte persone hanno invece applaudito la decisione del CF…. Ma guarda un po’
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-20 18:40:59 | 91.208.130.86