Foto Tipress
CANTONE
27.11.2020 - 22:460

Referendum e iniziative popolari: «Sospendiamone i termini»

La richiesta al Governo arriva dal Partito Comunista.

La motivazione sta nella preoccupazione relativa al rischio di contagio durante le raccolte firme.

BELLINZONA - Evitare il rischio di contagio sospendendo, in via eccezionale, i termini per referendum e iniziative popolari. A chiederlo al Governo è il Partito Comunista.

«Riteniamo - si legge nello scritto inviato al Consiglio di Stato - che l'attuale situazione pandemica e le conseguenti e opportune misure di protezione sanitaria impediscano un normale svolgimento dei diritti previsti della nostra democrazia diretta».

«Durante le raccolte di firme per iniziative popolari e referendum - si prosegue - il limite degli assembramenti a 5 persone, per quanto giustificato, rischia di venir infranto da spontanei capannelli di persone interessate a discutere del tema. Allo stesso modo entrare in contatto, pur con tutte le attenzioni del caso, con numerosi cittadini presentandosi in piazza con bancarelle o raccolte volanti espone i nostri attivisti e i nostri interlocutori ad un rischio di contagio accresciuto».

«Non riteniamo - si conclude - si possa costringere né i nostri militanti né, in generale, tutti i nostri concittadini a scegliere fra la propria salute e quella dell'esercizio dei propri diritti politici, già pesantemente toccati con la decisione di annullare le elezioni comunali dello scorso aprile».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-07-30 11:39:08 | 91.208.130.87