Ti Press
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
3 ore
Prosciolto, ma senza risarcimento milionario
Il Tribunale federale ha respinto la pretesa avanzata da uno degli imputati coinvolti nel caso ISS-FaciliTI
FOTO
CONFINE
4 ore
Auto nel lago di Como, 24enne arrestato per omicidio stradale
I test alcolemici effettuati sul giovane hanno dato esito positivo: aveva bevuto prima di mettersi alla guida.
FOTO E VIDEO
CADEMARIO
4 ore
Finisce contro un'auto, gravi ferite per un centauro
Il motociclista si è scontrato con un veicolo che si immetteva su via Cantonale da una strada secondaria.
VIDEO
CANTONE
5 ore
I festival si possono fare, purchè online: il caso di Poestate
Il festival letterario si trasferisce online, grazie alla collaborazione con Tio.ch/20minuti
SVIZZERA / CANTONE
7 ore
Quell'assalto alle dogane che non c'è stato
L'Amministrazione federale delle dogane non ha rilevato «un aumento significativo» del traffico transfrontaliero.
CANTONE
8 ore
AlpTransit ritarda: «Perché il Ticino non è stato coinvolto?»
Lorenzo Quadri chiede al Consiglio federale di prendere posizione sullo slittamento dell'orario 2021
CANTONE
9 ore
Verso la RSI post-Canetta
Avviata la procedura per la successione del direttore. Il concorso pubblico previsto per luglio 2020
CANTONE
9 ore
L'orario 2021 slitta ad aprile, il DT: «Ingiustificabile»
Dal dipartimento di Zali vengono espressi «delusione e rammarico» e si denunciano «danni milionari»
CANTONE
9 ore
Un assegno di 25'000 franchi per Bluebeds
Si tratta di una donazione da parte di UBS nell'ambito dell'emergenza coronavirus
CANTONE / SVIZZERA
14.05.2020 - 12:540

Berna risponde a Marchesi: «Nessun altro ai cantoni di frontiera»

Per il Consiglio federale la responsabilità di garantire la sicurezza pubblica sul territorio compete ai Cantoni.

BERNA - Il Consiglio federale si oppone alla creazione di una base legale per sostenere finanziariamente i Cantoni di frontiera che, nell'ambito di situazioni di crisi come quelle causate dal coronavirus, sono tenuti ad assolvere compiti di polizia di confine. Un tale articolo di legge sarebbe contrario alla natura della divisione dei compiti fra Confederazione e Cantoni, argomenta il governo in una risposta ad un quesito di Piero Marchesi (UDC/TI), che sollecitava il sostegno finanziario di Berna.

Il consigliere nazionale ticinese nella sua mozione chiedeva al governo di adottare una base legale affinché i Cantoni di frontiera, «fortemente sollecitati nella lotta alla criminalità transfrontaliera», potessero essere sostenuti finanziariamente. «Considerando che la Confederazione non assicura una sicurezza adeguata dei confini, i Cantoni assumono un ruolo ancor più importante che va riconosciuto, anche finanziariamente», scriveva Marchesi.

Secondo il ticinese, i corpi di polizia dei Cantoni che si trovano nelle zone di confine sono maggiormente sollecitati rispetto a quelli di altri Cantoni, questo in particolare a causa della criminalità transfrontaliera. Inoltre, per Machesi l'attuale riorganizzazione in corso presso l'Amministrazione federale delle dogane (AFD) presenta ancora molte incognite e non offre sufficienti rassicurazioni circa l'effettivo impegno in termini di polizia di frontiera, ruolo attualmente ricoperto dal Corpo delle guardie di confine (Cgcf).

Per questo motivo, secondo il consigliere nazionale, «la richiesta di adottare una base legale che permetta di sostenere finanziariamente i Cantoni direttamente toccati appare più che giustificata».

Nella sua risposta, il Consiglio federale precisa che è la Costituzione federale a disciplinare la ripartizione delle competenze tra Confederazione e Cantoni. Da essa si evince che la responsabilità di garantire la sicurezza pubblica sul loro territorio è dei Cantoni, salvo casi particolari chiaramente definiti dalla Costituzione.

Il Consiglio federale ricorda a Marchesi che la questione dei compiti e dei ruoli delle diverse unità coinvolte nell'ambito della sicurezza interna è già stata trattata in maniera approfondita in un rapporto del marzo 2012, nel quale si menziona esplicitamente il ruolo centrale dell'AFD nel garantire la sicurezza in ambito doganale e al confine.

Il programma di trasformazione e digitalizzazione, come pure l'ulteriore sviluppo organizzativo dell'AFD sono finalizzati all'adempimento ancora più efficace ed efficiente del suo mandato a favore dell'economia, della popolazione e dello Stato. Grazie alla digitalizzazione sarà possibile accelerare le procedure ai confini ma anche sgravare i dipendenti dal punto di vista amministrativo. Le risorse così liberate verranno in gran parte utilizzate per il rafforzamento dei compiti rilevanti per la sicurezza.

Con questa ristrutturazione non andrà persa alcuna competenza specifica. L'AFD continuerà a disporre dello stesso numero di esperti e specialisti nell'ambito dei compiti rilevanti per la sicurezza, ma avrà anche più personale con un'ampia formazione di base, che potrà essere impiegato per fornire supporto in caso di necessità. Non è quindi necessario elaborare una base legale per sostenere finanziariamente i cantoni di frontiera, che già così avranno tutto il sostegno necessario.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-06-04 01:41:54 | 91.208.130.87