TiPress - foto d'archivio
CANTONE
04.05.2020 - 13:590

Dipendenti statali pagati al 100%, la Lega non vuole disparità

Interrogazione al Consiglio di Stato in merito allo stipendio versato a dipendenti statali e docenti durante il lockdown

BELLINZONA - «Corrisponde al vero che tutti i dipendenti pubblici avranno diritto allo stipendio al 100% indistintamente dalle ore fatte in periodo di lavoro ridotto?». È la domanda che la Lega dei ticinesi sottopone al Consiglio di Stato in un’interrogazione.

L’obiettivo dei tre deputati firmatari - Fabio Badasci, Omar Balli ed Enea Petrini - è mettere in evidenza la «disparità di trattamento» tra il settore pubblico e chi «ha comunque dovuto lavorare a favore della comunità e faticare per mantenere le norme imposte contro la diffusione e rispettivamente chi ha dovuto stare a casa perdendo però il 20% di salario».

Il settore privato ha potuto far capo al lavoro ridotto con uno stipendio ridotto all’80% per le ore perse. Ogni datore di lavoro era comunque libero di coprire il 20% perso tramite un contributo aziendale. Ma l’eventuale stipendio al 100% di impiegati statali e docenti - scrivono i leghisti - «è coperto dal Cantone e quindi da noi cittadini, anche da quelli che si sono visti il salario decurtato del 20%».

Al Governo ticinese viene domandato «come intende affrontare la questione», così come intende comportarsi con «le ore in esubero e non consumate di chi era a casa».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-03 12:04:09 | 91.208.130.89