Ti Press
BELLINZONA
28.04.2020 - 12:440
Aggiornamento : 14:09

Dicastero fuori controllo: «Una situazione allarmante»

PPD, PLR, PS e MPS prendono posizione sui sorpassi di spesa nel settore delle opere pubbliche

BELLINZONA - Dopo la Lega, anche il PPD+GG prende posizione sul terremoto che ha scosso il settore delle opere pubbliche di Bellinzona. Un settore che «ha dimostrato i suoi limiti»: sorpassi complessivi per oltre 5 milioni di franchi su tre cantieri, conduzione dei lavori «approssimativa», controlli «lacunosi» e informazioni verso il Capo Dicastero e l’intero Municipio «incomplete e tardive».

A preoccupare il partito, in particolare, è la situazione segnalata nel cantiere dello Stadio Comunale di Bellinzona. Oltre al danno economico arrecato (sorpassi superiori al 43% del valore dell’opera) è stata evidenziata indicativamente una causa: il superamento dei costi è subordinato a opere non deliberate. Un fatto, anche dal punto di vista politico, giudicato assolutamente inaccettabile.

PLR preoccupato ma fiducioso - Anche il PLR di Bellinzona esprime «preoccupazione» per quanto comunicato dal Municipio, ma anche fiducia nelle prime misure prese. Chiede quindi trasparenza e che si faccia chiarezza, invitando però ad attendere l’esito delle procedure per trarre conclusioni.

Al contempo, la Sezione PLR di Bellinzona appoggia il «gesto di responsabilità» del municipale Christian Paglia, il quale per il periodo delle procedure in corso e per favorirle appieno e in piena trasparenza ha deciso di fare un passo indietro sulla gestione del relativo settore del dicastero di sua competenza.

L'MPS non è sorpreso - Decisamente di altro tono la presa di posizione dell'MPS, che parla di «colpevole leggerezza gestionale e amministrativa della compagine social-liberale di Bellinzona», argomentando non solo con i sorpassi di spesa ma anche con la «strage di anziani» alla casa di Sementina.

La vicenda dei sorpassi di spesa non sorprende comunque l'MPS: «È probabile che alla base vi sia soprattutto una volontà di realizzare in fretta ed ogni costo delle opere da poter poi presentare come la dimostrazione concreta e visibile della nuova città che avanza, che realizza, che si ammoderna e si sviluppa».

Il PS chiede trasparenza - Trasparenza e coinvolgimento del Consiglio Comunale per fare chiarezza sulla questione. È quanto chiede la sezione cittadina del PS, che «con incredulità» ha appreso la recente situazione venutasi a creare all'interno del Dicastero opere pubbliche. La sospensione del Direttore delle opere pubbliche e l'autosospensione del capodicastero sono, per il partito, le premesse essenziali «per permettere di effettuare le verifiche già avviate per tramite di un audit interno e di un'inchiesta amministrativa, le quali dovranno essere affiancata anche dall'auspicato audit esterno».

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-08-01 01:59:21 | 91.208.130.86