Immobili
Veicoli
Keystone/Tipress
Una centrale tedesca a carbone. A destra, il verde Nicola Schönenberger
ULTIME NOTIZIE Ticino
VERZASCA
5 ore
«Chi me lo fa fare di continuare?»
Il lupo colpisce ancora: cinque pecore uccise. L'agricoltore "amatoriale" Claudio Scettrini è demoralizzato.
FOTO
TAVERNE
6 ore
Il capriolo Vedeggio se l'è vista brutta
Intervento della SPAB e del guardiacaccia a Taverne
BALERNA
9 ore
Una serata sulle aggregazioni nel Mendrisiotto
La organizza la Sezione PS Mendrisiotto e Basso Ceresio per mercoledì 1° giugno
CANTONE
9 ore
Il Luganese nel mirino dei radar
Ecco dove verranno piazzati i controlli settimana prossima
FOTO
LUGANO
10 ore
Si porta a casa la bicicletta per un franco
L'asta pubblica in Piazza della Riforma a Lugano ha permesso di raccogliere 7'777 franchi
LUMINO
11 ore
Il carnevale estivo ci sarà
Confermato l'evento tanto discusso, che avrà luogo da venerdì 24 a domenica 26 giugno.
LOSTALLO (GR)
12 ore
Incidente con la moto, 21enne ferito
È successo ieri a Lostallo. Il giovane ha perso il controllo del mezzo
MENDRISIO
13 ore
La Soleggiata “sconfina” nel Luganese
Il progetto torna per la terza edizione, che avrà luogo anche al Parco Guidino di Paradiso
LOCARNO
16 ore
Ecco il progetto per il restauro del Pretorio di Locarno
Il Cantone ha scelto la proposta del gruppo interdisciplinare rappresentato dallo studio Bardelli Architetti associati
FOTO
LOCARNO
17 ore
«Avevamo il mondo davanti e pensavamo di poterlo cambiare»
Il 24 aprile del 1971 nasceva il primo evento autogestito in Ticino: il «Cantiere della Gioventù» a Locarno.
CANTONE
17 ore
Il PC-7 Team si allena nei cieli luganesi
Voli acrobatici sopra l'aerodromo di Agno il 1. e il 2 giugno prossimi
CANTONE
17 ore
I ghiacciai si mettono in mostra
Al via l'esposizione itinerante dedicata ai ghiacciai presenti sul nostro territorio e al lavoro della Sezione forestale
LUGANO
18 ore
A tu per tu con la vela
Domenica 12 giugno avranno luogo le porte aperte al Circolo velico Lago di Lugano
LUGANO
21 ore
Due foreign fighters ticinesi, pentiti ma non troppo
Negli ultimi tre anni due ticinesi sono stati condannati per avere combattuto all'estero. Li abbiamo intervistati
CANTONE
1 gior
«Ma quindi casa tua è in affitto?», c'è una nuova truffa su WhatsApp
Che segue una analoga di poco meno di un anno fa. E il consiglio del Centro di cibersicurezza di Berna vale ancora
LUGANO
02.03.2020 - 23:110

La rinuncia tedesca al carbone: «Corretta, ma troppo lenta»

Nicola Schönenberger (Verdi del Ticino) analizza la scelta della Germania di rinunciare alle centrali entro il 2038.

Per il capogruppo è «una scelta coraggiosa e consapevole. Va accolta in maniera positiva, ma il passo annunciato non è sufficiente».

di Redazione
Serena Perrone

LUGANO - Il governo federale di Angela Merkel ha stanziato 40 miliardi di euro che serviranno alla compensazione dei gestori delle centrali e alle misure sociali per i lavoratori che rimarranno senza impiego. Nicola Schönenberger, 43 anni, biologo e genetista delle piante, è entrato in politica per la sua passione per la natura e ricopre anche la carica di consigliere comunale a Lugano.

È sorpreso dalla decisione della Germania?
«Si tratta di una scelta coraggiosa e consapevole che va accolta in maniera positiva, anche perché si sovrappone all’abbandono del nucleare approvato dopo il disastro di Fukushima. La Germania, essendo uno dei maggiori produttori di gas a effetto serra dell’Ue, ha chiaramente una responsabilità elevata». 

Le proteste degli ambientalisti sono giustificate?
«Sì, sebbene l’obiettivo prefissato vada in una direzione corretta, a fronte dell’urgenza climatica con la quale siamo confrontati, il passo annunciato dalla Germania non è sufficiente. Fissare l’uscita del carbone al 2038 non permetterà di mettere al riparo dai cambiamenti climatici né di rispettare gli obiettivi dell’accordo di Parigi, vale a dire limitare il riscaldamento medio globale a +1,5°C rispetto all’era preindustriale». 

Si calcola che soltanto per Rwe, il più grande produttore tedesco di energia fossile, l’abbandono del carbone implicherà la scomparsa di seimila posti di lavoro. Come si farà fronte ai disagi? 
«I 40 miliardi stanziati non comprendono gli investimenti che la Germania dovrà compiere per riuscire a sostituire un terzo dell’energia prodotta con nuove fonti. Ciò vuol dire che si perderanno migliaia di posti di lavoro, ma se ne creeranno altrettanti, se non di più, in un settore, quello delle energie rinnovabili, che è senz’altro più sostenibile».  

Mühlenberg, in Svizzera, ha cessato la sua attività da tre mesi. Quando chiuderanno le centrali nucleari più potenti, le altre fonti riusciranno a fornire la quantità di energia necessaria?  
«Potenzialmente sì, infatti secondo un recente studio del Politecnico federale di Losanna, sfruttando meglio i tetti presenti in Svizzera con l’installazione di pannelli fotovoltaici, si potrebbe coprire il 40% del fabbisogno di energia elettrica. Purtroppo attualmente si sfrutta solo un decimo del potenziale solare, non è dunque ancora sufficiente a supplire alla mancanza in futuro dell’energia di tipo nucleare». 

Quali sono gli altri cambiamenti necessari in ambito energetico?
«Oltre a cambiare vettore, da nucleare a solare, bisognerebbe anche ripensare completamente la maniera in cui si distribuisce l’energia. I tetti infatti sono ripartiti in maniera decentrale, quindi in futuro non avremo poche grosse centrali nucleari, ma avremo una miriade di piccole centrali solari che produrranno in maniera decentralizzata. Non da ultimo bisognerebbe ridurre i consumi energetici tramite, ad esempio, case più efficienti dal punto di vista del riscaldamento». 

 

Lavoratori increduli: «Non sembra ancora vero»
«Non mi sembra ancora vero... Un intero Paese ha approfittato di questa ricchezza naturale». Günther Schwellnus ha iniziato il suo apprendistato da Rwe ed ha lavorato per la multinazionale del carbone più grande della Germania per 46 anni. «La pressione si era fatta sempre più forte e il governo federale ha dovuto cedere. Sarà un processo lento e duro, le energie rinnovabili non sembrano ancora dare sufficienti garanzie per rimpiazzare il 35% del fabbisogno energetico».

Günther Schwellnus, che sui campi messi a disposizione da Rwe per il benessere dei suoi 6'000 dipendenti ha imparato a giocare a tennis, fino a diventare campione del mondo seniori con la nazionale tedesca, sottolinea il riguardo che il colosso ha sempre avuto verso dipendenti e cittadini. «I villaggi abbattuti per estrarre il carbone sono sempre stati pagati in maniera adeguata ai proprietari di case e terreni, fino a ricostruirli nei minimi dettagli a lavoro compiuto. L'immenso bacino di Hambach, a tutt'oggi in funzione, verrà trasformato in un lago per lo svago e la pesca». 

Romano Pezzani

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Nordica 2 anni fa su tio
Mentre la Svizzera non è nemmeno uscita dal nucleare la Germania è uscita dal nucleare e adesso esce dal carbone... quindi prima di criticare un’altra nazione bisogna fare qualcosa nel proprio paese e poi giudicare...
Evry 2 anni fa su tio
Schönenberger dovrebbe essere in grado di leggere il tedesco, la differenza sta nel capirlo e in seguito di non esternare le sue personali percezioni !!! tante Sparlate al vento pur di farsi notare !
Nmemo 2 anni fa su tio
Nicola Schönenberger (Verdi del Ticino), veda di aggiornarsi. Almeno in sintesi e per correttezza segnali: “Merkel am Ende-13 Jare für nichts-Warum die Methode Angela Merkels nicht mehr in unsere Zeit passt”(Ferdinand Knauss-FBV).
Nmemo 2 anni fa su tio
Quanto deciso in Germania è aspramente contestato e in termini di consensi elettorali al prossimo appuntamento si fa sempre più critico. In Polonia l’esigenza di energia è primaria alle immissioni ambientali. Si auspica che la più grande e più inquinante centrale termoelettrica a carbone d’Europa (Belchatów 5.4 MW; 27 TWh/a; 30Mt di CO2/a), resti attiva ancora per i prossimi cento anni.
vulpus 2 anni fa su tio
L'importante è che poi sappiano dove andare a recuperare l'energia mancante. Qualche centrale atomica?Vien da ridere pensando a quello che stà accadendo ora. Il coronavirus contribuisce in modo marcato alla riduzione dei gas effetto serra!.La famosa corrente necessaria da distribuire, quando è notte o piove e il vento non soffia dove la prenderanno?
Evry 2 anni fa su tio
Entro il 2038 ?? ma scherziamo o teniamo la gente per stupida !!! Da anni il problema è conosciuto e la Germania si permette di allungare i tempi !! bravi e bravo anche il Schönenberger de.
Fufabi 2 anni fa su tio
Eccone uno dei tetti! Poi quando nevica su tutti a pulirli che se no la confederazione si spegne.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-28 03:28:49 | 91.208.130.89