Tipress
Raffale De Rosa è stato eletto in Consiglio di Stato una settimana fa, sostituendo Paolo Beltraminelli
ULTIME NOTIZIE Ticino
CONFINE
39 min
Auto ticinese parcheggiata di fronte al Duomo... e arriva il carro attrezzi
AVEGNO-GORDEVIO
2 ore
Vaccino alla francese per le bestie infette
CANTONE
3 ore
In 50 per i candidati al Consiglio nazionale del PPD
MENDRISIO
3 ore
La piazza si prepara per la Festa della Musica 2019
CANTONE
4 ore
«E ora aprite le porte e mostrateci come vivono»
CANTONE/EMIRATI ARABI UNITI
4 ore
La sostenibilità ticinese a Dubai
BELLINZONA
5 ore
Distrutta l'opera del progetto "Land Art": «Siamo amareggiati»
ITALIA/CANTONE
6 ore
La madre di Eleonora: «Non ho sbagliato niente»
CANTONE / BERNA
6 ore
Fiscalità dei frontalieri: «Visto chi comanda in Italia ci sono poche speranze»
CANTONE
6 ore
Rally matematico, ecco i vincitori
CUGNASCO
8 ore
Auto svolta e urta una moto, un ferito
CANTONE
10 ore
Cambio di sede per evitare la bocciatura: «È così che si aiutano i nostri ragazzi?»
CANTONE / STATI UNITI
11 ore
Notte travagliata per la New Orleans Jazz Orchestra e Nicolas Gilliet
CANTONE / BERNA
12 ore
«Serve un rapporto sull’efficienza dell'Ministero Pubblico della Confederazione»
BEDRETTO
12 ore
Il Passo della Novena è di nuovo aperto
CANTONE
14.04.2019 - 09:420

De Rosa ha firmato l’iniziativa del Cardiocentro? «Non mi ricordo»

Da parte del neo consigliere di Stato né conferme né smentite: «C’è un prima e un dopo. Oggi sono un ministro super partes»

BELLINZONA - «Non mi ricordo se ho firmato l’iniziativa del Cardiocentro». Raffaele De Rosa - interpellato dal Caffè in merito ai suoi legami con “l’ospedale del cuore” - non conferma né smentisce.

Assicura però la neutralità della sua posizione: «C’è un prima e un dopo. Prima della mia candidatura e dopo. Dopo cioè la mia elezione in governo e la decisione di assegnare a me il DSS. Quand’anche avessi firmato l’iniziativa del Cardiocentro… non ci sarebbe alcun problema. Oggi io sono un ministro super partes», ha dichiarato al domenicale il neo consigliere di Stato, cercando di dissipare le polemiche che lo hanno travolto negli scorsi giorni.

Il Cardiocentro di recente ha espresso soddisfazione per l’approdo del sindaco di Riviera a Palazzo delle Orsoline, sostituendo quel Paolo Beltraminelli con cui i rapporti si erano incrinati. Argomenti e «giochi politici» a cui il neo ministro della sanità ticinese ha però detto di non volersi piegare. «Mi sembra di assistere ad una sorta di caccia alle streghe. Ho già detto che il Cardiocentro è un’eccellenza del cantone, ma lo stesso posso dire dell’Ente ospedaliero cantonale. Un gioiello».

Già nel mirino - Parole di distensione da parte di De Rosa, che difficilmente però saranno sufficienti a calmare le acque. Negli ultimi giorni il numero uno del DSS è infatti già finito nel mirino di diversi deputati. Il primo affondo è arrivato da Fabrizio Sirica (PS), che tramite i social ha sollevato alcuni dubbi in merito al sostegno ricevuto dal ministro da parte del Cardiocentro. È stato poi il turno di Matteo Quadranti (PLR), Raoul Ghisletta (PS) e Gina La Mantia (PS), che in un’interrogazione dedicata interamente all’ospedale del cuore hanno riservato una domanda - l’ultima - per chiedere a De Rosa se «era a conoscenza di essere candidato raccomandato dal Cardiocentro».

2 mesi fa Diciotto domande sul Cardiocentro
2 mesi fa Sirica: «Quanto il Cardiocentro ha sostenuto De Rosa?»
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-20 22:00:03 | 91.208.130.85