Archivio Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
18 sec
Feste da brividi: si "scaldi" chi può
Guarda il live. Niente cene aziendali, niente aperitivi sociali, niente veglioni. Che dicembre ci attende?
CANTONE
16 min
"Di più per te", potenziato il trasporto pubblico del Bellinzonese
Il nuovo modello è stato presentato questa mattina. Entrerà in vigore il 13 dicembre.
MASSAGNO
26 min
Il disavanzo cresce, ma il moltiplicatore resta al 77%
L'Esecutivo di Massagno ha presentato il preventivo 2021, condizionato dalla pandemia
CANTONE
1 ora
Emergenza freddo, un aiuto a chi è in difficoltà
Il DSS ricorda il dispositivo attivo in caso di bisogno, sia per residenti che per stranieri.
CANTONE
1 ora
Il San Salvatore è pronto ad accogliere i turisti
Sabato 5 dicembre si potrà riprendere a fare su e giù dal crinale del “Pan di Zucchero” luganese.
CANTONE
1 ora
Un giapponese da quarantena
Lo scarabeo di Newman è diffuso ormai in tutto il Sottoceneri. L'Ufag creerà una "zona rossa" con misure di contenimento
CANTONE
2 ore
«Guido io? Guidi tu? Per la sicurezza di tutti: chi guida non beve»
Il DI torna a sensibilizzare la popolazione sui pericoli di mettersi al volante dopo aver alzato il gomito.
CANTONE
2 ore
Ticinesi sugli scudi agli SwissSkills
Si sono conclusi i campionati svizzeri delle professioni, che quest'anno si sono svolti in modo decentralizzato.
CANTONE
2 ore
Dieci nuove vittime del Covid-19 in Ticino
Nelle ultime 24 ore 27 persone sono state ricoverate in ospedale, mentre 29 lo hanno lasciato.
CHIASSO
3 ore
Pigioni commerciali: «Un colpo mortale da evitare»
Dopo la decisione del Nazionale, una mozione chiede al Municipio di attivarsi rapidamente
FOTO E VIDEO
FAIDO
3 ore
Incendio nel bosco domato nella notte
Le fiamme divampate sopra il paese di Cavagnago in località Deiro, ancora ignote le cause all'origine del rogo
CANTONE
23.10.2020 - 08:090
Aggiornamento : 13:59

Gli annunci di lavoro hanno toccato il fondo

Ci sono segnali di ripresa per i lavoratori interinali, secondo la nuova CEO di Adecco Monica Dell'Anna

Un secondo lockdown rischierebbe però di danneggiare ulteriormente il settore

LUGANO - L'Europa è nuovamente nella morsa del coronavirus. E così anche il nostro paese, su cui aleggia ora lo spettro di un temuto secondo lockdown. Una misura, questa, che le autorità vogliono però evitare a tutti i costi, in quanto arrecherebbe ulteriori danni all'economia.

La crisi che stiamo attraversando interessa anche i lavoratori temporanei. E che in particolare la scorsa primavera ha toccato il fondo: «Se guardiamo gli annunci di lavoro pubblicati, il Ticino ha raggiunto il valore più basso dal 2015 e ha registrato il più forte calo in Svizzera» ci dice Monica Dell'Anna, dallo scorso 1. giugno CEO di Adecco Svizzera. In Ticino il Covid-19 ha avuto un forte impatto sul lavoro interinale «con la chiusura dei cantieri nell'edilizia e di reparti produttivi».

Durante il secondo trimestre 2020, secondo un sondaggio Swissstaffing, in Ticino il numero di lavoratori temporanei è calato dell'80-90%. Questo calo - osserva Dell'Anna - «non è dovuto a licenziamenti, ma alla mancanza di nuove assunzioni». E si parla anche di contratti a tempo determinato giunti a scadenza. Il gruppo Adecco, assicura comunque la CEO, «è stato in grado di salvare molti posti di lavoro essendo stato tra i primi a richiedere l'indennità per lavoro ridotto per i lavoratori temporanei». Sono circa ventimila quelli che in Svizzera ne hanno beneficiato.

Tra ripresa e incertezza - Ora la situazione potrebbe però migliorare, come ci dice ancora Dell'Anna: «Senza un ulteriore lockdown è probabile che il punto più basso della crisi sia stato raggiunto». Lo conferma l'indice di Swissstaffing, che nei prossimi mesi prevede un ravvivamento dell'attività commerciale. La seconda ondata di coronavirus rischia tuttavia di rendere tutto più difficile: «Gli ultimissimi sviluppi riguardo il numero d'infezioni potrebbero causare una maggiore incertezza. Il Ticino vedrà probabilmente sviluppi simili al resto della Svizzera. La ripresa dipende comunque fortemente dal settore e dal gruppo professionale considerati» ci spiega Dell'Anna.

Annunci: +10% - «Con la riapertura da metà giugno - aggiunge - la situazione è migliorata. A livello nazionale assistiamo da maggio 2020 a una ripresa non omogenea in tutta la Svizzera». E segnali di ripresa si osservano anche sul fronte degli annunci di lavoro che, durante il periodo estivo, sono aumentati del 10% rispetto al trimestre precedente. «Pur essendo ancora in calo del 15% rispetto all'anno precedente a livello nazionale, si tratta comunque di un significativo miglioramento» afferma la CEO di Adecco Svizzera.

Verso soluzioni flessibili - Monica Dell'Anna ha preso le redini di Adecco nel pieno di una crisi. Una crisi che, che a livello globale nel primo trimestre di quest'anno ha portato a una flessione del fatturato della società pari al 9%. In Svizzera, ci dice la CEO, il mese di aprile è stato il più difficile dal punto di vista dei ricavi, con un -33%. «Da maggio in poi c'è stato un graduale miglioramento». Per la società è però attesa una ripresa discontinua e non lineare, «soprattutto perché i governi di molti paesi introducono costantemente nuove misure per contenere il numero di nuovi casi Covid-19». Comunque «nel medio termine crediamo che la crisi guiderà l'aumento della domanda di soluzioni flessibili per le risorse umane».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-12-01 13:16:36 | 91.208.130.89