ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
33 min
«Ecco perché la gente ruba le mascherine»
Panico da Coronavirus, il sociologo Sandro Cattacin critica le autorità: «Sbagliato fermare carnevali ed eventi».
CANTONE/ITALIA
1 ora
L'odissea di una famiglia ticinese a Malpensa
Cancellato il volo per le Canarie, senza rimborso. «Faremo causa»
CANTONE
7 ore
Nuova notizia fake, si scherza con la salute di tutti
Sono stati diffusi alcuni nostri articoli volutamente modificati. Seguite solo i canali ufficiali
CANTONE
10 ore
Giuseppe Buffi, il ricordo a 20 anni dalla sua scomparsa
Il PLR invita a una commemorazione presso il Palazzo delle Orsoline a Bellinzona
FOTO E VIDEO
VACALLO
11 ore
Rapina a un distributore di benzina
È accaduto in via del Breggia. I tre malviventi si sono dati alla fuga
CANTONE
11 ore
Quindici aziende "lasciano a casa" per il virus
Telelavoro "coatto" per evitare contagi. La lista delle aziende si allunga. L'indagine Aiti
CANTONE
14 ore
Coronavirus: «Ci sono 15 casi sospetti»
Merlani: «Attendiamo i risultati dei test». Le scuole lunedì saranno aperte normalmente
FOTO E VIDEO
AROGNO
15 ore
Fiamme e fumo in Val Mara
Sul posto sono giunti i pompieri. La situazione è ora sotto controllo
CANTONE
15 ore
Scuola di polizia: assunti in 50
Iniziano lunedì i corsi per aspiranti gendarmi. Tra le nuove reclute 6 donne
LUGANO-MILANO
15 ore
Chi ha paura di andare a Milano?
Ecco come i nostri lettori si regolano con l'epidemia
CANTONE
16 ore
Carnevali annullati: «Soldi pubblici per compensare le perdite»
L'MPS chiede al Governo di allestire in tal senso un messaggio all'indirizzo del Gran Consiglio
CAPRIASCA
16 ore
Giù le maschere, tutto torna alla normalità
Senza carnevale Or Penagin, niente orari prolungati per i locali, niente rumore e nessuna autorizzazione speciale
CANTONE
17 ore
Aiuto sociale speciale entro settembre
Un'apposita commissione valuta le motivazioni
CANTONE
08.03.2018 - 06:220
Aggiornamento : 30.08.2018 - 09:02

«Essere donna manager: una (bella) fatica»

Nel giorno della festa della donna, Alessandra Alberti si racconta. Quando assunse la direzione di Chocolat Stella, nel 1999, aveva 32 anni: «Non era cosa così scontata»

GIUBIASCO - Un po' la sorpresa. Un po' la delusione. Resta, comunque, l'ottimismo: di chi ce l'ha fatta ed è convinta che anche gli altri, anzi le altre, possano riuscire. Alessandra Alberti dirige Chocolat Stella dal 1999; davanti al calo della paercentuale di donne dirigenti in Svizzera, dall'8% al 7% in un anno, reagisce con disappunto. «Non me l'aspettavo, sono dispiaciuta. È una brutta notizia, non solo per noi donne ma per la società intera. Eppure si sta facendo tanto».

Forse non abbastanza?

«Si vede che c'è ancora molto da fare. Ma ormai siamo tutti d'accordo. Aziende, politica, associazioni: la presenza delle donne è un bene».

Non sarà che questo continuare a parlarne, e a parlarsi un po' addosso, alla fine è controproducente?

«Io credo invece che sia utile. Magari si fa un passo avanti e mezzo indietro. L'importante è non smettere di cercare di migliorarsi. Da noi anche il presidente è una donna, c'è da essere contentissimi».

Si sente in qualche modo un'eccezione?

«Con gli anni, anche nel nostro piccolo, la presenza delle donne è aumentata. Certo il lavoro diventa sempre più impegnativo. Bisogna creare le condizioni perché le donne possano conciliare carriera e famiglia».

Lei come ci riesce?

«Io figli non ne ho. Ammiro molto chi ne ha. Mi rendo conto di quello che significa».

Come si arriva ai vertici di un'azienda?

«Dipende dalla realtà in cui si opera. Nel mio caso, con l'impegno, l'entusiasmo e grazie a un presidente lungimirante. All'epoca non era scontato affidare l'incarico a una donna e di appena trent'anni. Ero arrivata in azienda tre anni prima, ero responsabile degli acquisti e della qualità quando il precedente direttore andò in pensione».

Perché lei: se l'è mai domandato?

«Forse mi ha premiato anche il fatto di trovarmi in una realtà familiare. In realtà più complesse, come quelle bancarie, magari va diversamente, non sono in grado di giudicare. Quello che posso dire è che nel frattempo passi in avanti sono stati fatti. In Camera di commercio oggi ci sono due vicedirettrici».

Nessun uomo ha mai tentato di farle le scarpe?

«Non saprei... non credo. Io, del resto, in Chocolat Stella non mi sono mai sentita una "donna". Abbiamo sempre valorizzato il lavoro di squadra, senza fare differenze di genere. Per quanto talentuosa sia, una persona da sola non può fare niente».

E come si rimane "al potere" per vent'anni?

«Con la passione. Non bisogna mai fermarsi. Ho sempre avuto nuove idee, progetti interessanti da seguire».

Quanto l'ha aiutata il fatto di essere in un settore, come quello alimentare, più affine di altri alla sensibilità femminile?

«Può darsi che sì, abbia contato. Effettivamente, a pensarci, già durante gli studi eravamo metà uomini e metà donne». 

Difficile essere donna manager in Svizzera?

«La Svizzera ha molto da migliorare. Le donne sono ancora troppo poche. Ma personalmente non ho mai avuto problemi a relazionarmi con altri interlocutori».

Nel resto del mondo come va?

«Ci sono Paesi dove avere a che fare con una donna è ancora vissuto come qualcosa di strano». 

Si è mai sentita discriminata per questo?

«Io no, ma ho visto discriminazioni». 

Il Ticino com'è?

«Deve fare di più. Penso in particolare ai tempi parziali. Io lavoro tantissime ore, me lo posso permettere. Ma bisogna fare in modo che tutte le donne abbiano l'opportunità di scegliere la carriera senza rinunciare alla famiglia. Bisogna anche sensibilizzare le donne affinché si impegnino a livello dirigenziale».

Le donne hanno qualche colpa, nel loro essere marginali?

«Colpa no. Ma devono avere più coraggio di osare. Stiamo andando nella giusta direzione. Cerchiamo di non abbassare la guardia».

C'è qualcuno che deve ringraziare?

«Chi mi ha dato fiducia. Chi ha preso decisioni coraggiose. La mia famiglia. E il cioccolato: è un buon prodotto».

Commenti
 
Fran 1 anno fa su tio
Peccato che non abbia "sfruttato" questa posizione da Manager, dando più voce alle donne nell'azienda, assumendone di più, come segno di solidarietà vera e vissuta come tale. Anche soprattutto assumendo il meno frontalieri, magari. Invece se passi davanti alla fabbrica, le targhe delle auto parlano del contrario. Siamo felici per lei, che sia avanzata a Manager, un po meno per i mancanti segni che ci si aspettava.
elvicity 1 anno fa su tio
Brava... spesso vado a prendere i regalini di natale da loro.. il negozio e i loro prodotti sono uno spettacolo !
Alessandra Albisetti 1 anno fa su fb
Complimenti
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-28 07:33:15 | 91.208.130.87