Cerca e trova immobili
Esondata la Moesa, lanciata l'allerta. Case e auto inghiottite dal fango a Sorte

LOSTALLO (GR)Esondata la Moesa, lanciata l'allerta. Case e auto inghiottite dal fango a Sorte

21.06.24 - 21:05
In corso le verifiche casa per casa, bloccate le strade di accesso all'area
LETTORE TIO/20MINUTI
Esondata la Moesa, lanciata l'allerta. Case e auto inghiottite dal fango a Sorte
In corso le verifiche casa per casa, bloccate le strade di accesso all'area

LOSTALLO - Il Cantone dei Grigioni ha diramato un'allerta valida per l'intera Mesolcina a causa dell'esondazione della Moesa. Come abbiamo già avuto modo di riferire, il fiume è uscito dagli argini in più punti, in particolare tra Lostallo e Sorte dove è finita sott'acqua anche la strada cantonale.

L'A13 è chiusa a causa di un cedimento, ha dichiarato un portavoce della Polizia cantonale grigionese alla Rsi.

In quest'ultima località si registra la situazione peggiore: un enorme smottamento e l'esondazione di riali secondari hanno interessato numerosi edifici e automezzi. Alcune case del nucleo, da due a quattro secondo le fonti, sono state letteralmente inghiottite dal fango. Sono mancate sia l'elettricità che la connessione a Internet.

Sul posto sono immediatamente intervenuti soccorritori, polizia e pompieri e anche la Rega. L'elicottero sarebbe intervenuto per evacuare alcune persone da una cascina isolata e minacciata dalle intemperie.

Al momento non è stato possibile sapere se vi siano persone coinvolte e informazioni giunte in redazione in merito a presunti dispersi non sono state confermate. Interpellato dal CdT, il sindaco di Lostallo Nicola Giudicetti spiega che «i controlli casa per casa sono tuttora in corso». Nessuna persona dovrebbe essere rimasta coinvolta, aggiunge Giudicetti. La palestra è aperta ed è a disposizione dei cittadini ma anche dei viaggiatori rimasti bloccati a causa della chiusura delle arterie viarie.

Le strade di accesso all'area sono state bloccate e gli abitanti sarebbero stati invitati a lasciare le abitazioni. A Lostallo alcune strade si sono letteralmente trasformate in fiumi fangosi e lo stesso vale per la frazione di Cabbiolo. I solitamente esigui corsi d'acqua che scendono dai monti sono rigonfi di acqua e detriti. La portata della Moesa alla stazione di rilevamento di Lumino ha superato i 600 metri cubi al secondo.

Le autorità cantonali hanno diffuso le seguenti raccomandazioni di comportamento:

«In caso di pericolo d'inondazione, non scendete negli scantinati e nelle autorimesse sotterranee. Non circolate con l'automobile o la bicicletta sulle strade allagate; non avvicinatevi ai corsi d’acqua in piena poiché correte il pericolo di essere travolti da un'onda improvvisa o dal crollo degli argini; non recatevi nella zona interessata; recatevi ai piani superiori dell’edificio».

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE