Cerca e trova immobili

MENDRISIOPresunto stupro sul treno, fermati due richiedenti asilo

09.10.23 - 17:40
La reazione della Lega: «Un disastro annunciato»
TiPress
Presunto stupro sul treno, fermati due richiedenti asilo
La reazione della Lega: «Un disastro annunciato»

MENDRISIO - Le indagini, partite dopo la denuncia per una violenza sessuale ai danni di una minorenne, hanno portato al fermo dei presunti responsabili. Stando a quanto riferisce il CdT si tratterebbe di due richiedenti l'asilo. La loro posizione è ora al vaglio degli inquirenti che dovranno chiarire ruoli e rispettive responsabilità in quanto accaduto. A tale scopo potranno quindi rendersi utili le immagini delle telecamere di videosorveglianza.

I fatti hanno avuto luogo alcuni giorni fa su un treno in transito nel Mendrisiotto. La notizia ha subito scatenato la frangia politica più attenta sul tema dei richiedenti asilo. «Un disastro annunciato», sottolinea infatti la Lega dei ticinesi in un comunicato. Il partito di via Monte Boglia punta il dito contro i «fautori della politica immigrazionista». «Il gravissimo reato commesso non è che la prevedibile conseguenza di una politica migratoria improntata all’accoglienza scriteriata in cui la Svizzera persiste per motivi ideologici». La Lega dei Ticinesi esige ora che «la sciagurata politica del “devono entrare tutti” – che rappresenta un pericolo per la popolazione - termini immediatamente».

Gli fa eco il deputato del Mendrisiotto Stefano Tonini. «Abbiamo la conferma che la politica di asilo di Berna, basata su ammissioni senza controllo, non funziona più. Spaccio, aggressioni sessuali e furti perpetrati dagli ospiti dei centri per richiedenti asilo sono ormai tristemente noti a tutti. Abbiamo il dovere di garantire la sicurezza degli abitanti del Mendrisiotto e per questo non possiamo più permetterci di garantire ospitalità a chi sfrutta il sistema sociale svizzero ripagandoci con atti illegali. Chi commette reati simili dev’essere condannato e rispedito al proprio paese senza aver più la possibilità di mettere piede in Svizzera».

NOTIZIE PIÙ LETTE