Ti Press
CANTONE
08.03.2021 - 15:210
Aggiornamento : 17:41

Le spingevano a prostituirsi e pretendevano i soldi

Un 31enne e un 32enne sono finiti in manette per aver gestito un giro di prostituzione nel Luganese.

Avrebbero riscosso in modo sistematico il guadagno derivante dalle prestazioni sessuali delle prostitute.

LUGANO - Un 31enne e un 32enne, cittadini rumeni residenti in Romania, sono stati arrestati negli scorsi giorni perché sospettati di aver gestito un giro di prostituzione - attività per altro attualmente vietata sul territorio cantonale in ragione delle restrizioni per contrastare la pandemia - in alcuni appartamenti del Luganese. Le manette sono scattate il 3 marzo, ma Polizia cantonale e Ministero pubblico hanno comunicato l'arresto solo oggi.

Durante l'operazione - che ha visto coinvolta anche la Polizia della Città di Lugano - sono stati acquisiti elementi tali da ritenere che gli arrestati abbiamo orchestrato un sistema di controllo delle prostitute, da cui riscuotevano sistematicamente il guadagno derivante dalle prestazioni sessuali. L'ipotesi di reato a loro carico è quindi quella di promovimento della prostituzione.

L'inchiesta è coordinata dal Procuratore pubblico Moreno Capella. Le misure restrittive della libertà sono nel frattempo state confermate dal Giudice dei provvedimenti coercitivi (GPC).

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-16 05:44:08 | 91.208.130.86