«Yulin l’inferno? Non avete visto Tomohon»
Action Project Animals
+3
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
6 ore
In 120 per la filantropia strategica
Sono i partecipanti alla prima edizione della Biennale sul tema, che si terrà il 30 settembre al Palazzo dei Congressi
LUGANO
10 ore
Ben 34 franchi per 9 ore di autosilo: «Ma non mi scandalizzo»
L'episodio diventa lo spunto per una chiacchierata sulla mobilità col futuro sindaco Michele Foletti.
CANTONE
11 ore
Morti sul lavoro: «Assicurare almeno che sia fatta giustizia!»
Una mozione interpartitica chiede un intervento contro le "morti bianche".
FOTO
LUGANO
11 ore
Un pieno(ne) d'endorfine
La terza edizione del Festival luganese è stato un successo. Ben 1'500 persone hanno popolato la Darsena del Ciani.
CANTONE
11 ore
Anticorpi anomali coinvolti nel 20% dei decessi da Covid-19
All'importante scoperta hanno contribuito anche due ricercatori dell'EOC: Alessandro Ceschi e Paolo Merlani.
TENERO-CONTRA/SVIZZERA
12 ore
Oltre 100 milioni per il Centro sportivo di Tenero
91,8 sono previsti per la creazione di un edificio per il nuoto. Altri 12,1 per gli alloggi.
LUGANO
13 ore
Incidente sull'A2, traffico in tilt in direzione sud
Tra lo svincolo di Lugano Nord e la galleria di Grancia è stata chiusa una corsia.
CANTONE
13 ore
Suter con la maglia UDC, Speziali: «Non è il Massimo»
Botta e risposta tra il presidente PLR Speziali e il presidente di GastroTicino che passa all'UDC
CANTONE
13 ore
«Il 9 aprile è stato un giorno molto triste»
Si è concluso il processo per il delitto di Muralto. La sentenza sarà pronunciata venerdì 1. ottobre
CANTONE
13 ore
Nominato un nuovo ufficiale della Polizia cantonale
Alessio Lo Cicero condurrà il nuovo Reparto Giudiziario RG4.
CANTONE
15 ore
Il permesso B? «Non è un reale domicilio»
Il Tribunale federale ha chiarito un punto importante per gli stranieri che chiedono una residenza in Ticino
CANTONE / BERNA
15 ore
«Il Ticino è vittima del suo successo»
Karin Keller-Sutter giustifica il "no" del governo alla mozione di Marco Chiesa.
FOTO
CANTONE
15 ore
Un expo virtuale ticinese, una prima mondiale
Ated-ICT Ticino e il partner ADVEPA hanno lanciato un progetto all'avanguardia per le aziende ticinesi
CANTONE
16 ore
La difesa: «L’imputato ha già pagato»
L’avvocato Ravi ha chiesto una condanna per omicidio colposo e la scarcerazione immediata.
BELLINZONA
16 ore
Progetto rustici al via
L'intenzione è di sensibilizzare i proprietari di questa particolare tipologia abitativa ad affittare queste strutture.
CANTONE
16 ore
Aperta la consultazione sul superamento dei corsi A e B in III media
La consultazione è rivolta agli attori che operano all’interno della scuola media e nel settore postobbligatorio.
FOTO
ASCONA
17 ore
New Orleans e Ascona, il gemellaggio celebrato da un'opera di street art
Realizzato da due sorelle valmaggesi, il dipinto verrà presentato questo sabato a suon di jazz e... jambalaya
CONFINE
17 ore
Tragedia del motoscafo, si va verso l'accordo
La turista belga potrebbe chiedere il patteggiamento.
CANTONE
18 ore
Ha ucciso per soldi? «Non è credibile»
Il processo per il delitto di Muralto del 9 aprile 2019 si è oggi riaperto con l’arringa difensiva
CANTONE
18 ore
Meno ricoverati e casi in Ticino, ma c'è un altro morto
Stabili i positivi, oggi 26. Non ci sono nuove quarantene di classe.
MENDRISIO / STABIO
18 ore
Ligornetto: il nucleo si può chiudere, ma Stabio si rivolge a Losanna
Il Tram ha respinto il ricorso contro la chiusura al traffico in determinate fasce orarie.
CANTONE
19 ore
Sui controlli dei Certificati Covid, USI e SUPSI si spaccano
Da uno scambio di note interne emerge lo scetticismo del rettore dell'USI per la "via" imboccata dalla SUPSI
CHIASSO
20 ore
Una serata test in vista di Nebiopoli
Sabato al Palapenz si terrà un "evento di test" per capire come potrà essere organizzata l'edizione 2022 del carnevale.
LUGANO
20 ore
Strade chiuse in centro città nel weekend
Per permettere lo svolgimento di Lugano Bike Emotions 2021 il traffico sarà limitato e alcune piazze chiuse.
MURALTO/ LUGANO
21 ore
Bocche cucite sui test non fatti sul corpo della vittima
Processo per il delitto in hotel: il giudice Ermani aveva "bacchettato" il medico legale. Nessuno al momento replica.
LUGANO
22 ore
«Io non giocherò più al calcio, ma ti spacco la faccia»
Torna la violenza nel calcio regionale. Ma l'origine del male risale a tanti anni fa.
CANTONE
22 ore
Gli universitari ticinesi tornano in classe: «È come ricominciare da capo»
Dopo un anno di studio da casa, condito da noia e solitudine, tre studenti ci raccontano il loro ritorno in aula.
CANTONE
1 gior
Massimo Suter passa all'UDC
La conferma arriva da un post pubblicato sulla pagina Facebook della sezione ticinese del partito
CANTONE
1 gior
Contratti collettivi in regola, oppure «ci saranno conseguenze legali»
Christian Vitta pensa che «non ci sia una volontà di agire in maniera sistematica» non rispettando i salari minimi
CANTONE
27.12.2019 - 08:010
Aggiornamento : 02.01.2020 - 15:58

«Yulin l’inferno? Non avete visto Tomohon»

Davide Acito, della rete animalista Action Project Animals, racconta la sua ultima esperienza: «Nelle gabbie animali protetti e scimmie che gridano come esseri umani»

LUGANO - Chi credeva che il mercato cinese di Yulin - nel quale i cani vengono abbattuti e venduti come cibo - fosse il peggior inferno in terra possibile per gli animali, non ha visto cosa accade in Indonesia. A portare i segni di questa terribile esperienza è Davide Acito, italiano trapiantato in Ticino, già noto per le diverse missioni di salvataggio canino in Cina, nonché presidente della rete animalista Action Project Animals (Apa). 

Esperienza toccante - Un’esperienza, quella da poco vissuta dal 32enne, che lo ha toccato nel profondo. Nel mostrare le immagini raccolte al mercato di Tomohon (nel nord del Sulawesi), la sua voce si strozza e inizia a tremare. Mentre "zooma" sullo sguardo di un cane in gabbia, con un suo simile morto ai piedi, in una pozza di sangue, si riesce soltanto a intuire l’orrore che Acito ha toccato con mano.  

In gabbia dalla specie protetta alla scimmia - «Sono appena tornato da una missione in Indonesia, come quelle portate a termine in Cina», ci spiega. «Ho assistito all’ennesima crudeltà. Qui la situazione, ed è incredibile a dirsi, è persino peggiore rispetto a Yulin. Non solo a causa del “dog meat trade” (il commercio di cani come cibo), ma anche per il commercio di fauna selvatica. Ho visto in gabbia esemplari di varani, che sono anche in via di estinzione, di pitoni e persino di scimmie. Animali legati e incatenati prima di venire uccisi crudelmente in questo mercato. Soprattutto negli occhi delle scimmie riesci a leggere il terrore e la consapevolezza di quanto sta per accadere loro. Le ho sentite piangere, e sembrava il lamento di un bambino. Sono scene che ti lasciano segni indelebili nell’anima».

Anche l’Indonesia, insomma, riesce a non farsi mancare lo stesso orribile spettacolo di Yulin: «Ovviamente è pieno di cani stipati nelle gabbie in attesa d'essere abbattuti. Alcuni sono già morti e questa situazione non fa che gettare ulteriormente nel terrore gli animali ancora vivi, ma consapevoli del destino che di lì a poco li sta per attendere». 

Viaggi della speranza - Per Acito questa era la seconda missione a Tomohon. «La prima volta ci siamo presentati con le autorità locali. Abbiamo salvato da una terribile morte sia cani che gatti. Alcuni di questi esemplari partiranno nei prossimi mesi, smistati tra Svizzera, Germania, Italia… Per fortuna la nostra rete ci permette di trovare loro nuove famiglie in tutta Europa e non solo».

Questo secondo viaggio, più che una missione di salvataggio, doveva però fungere da testimonianza visiva di quanto accade a migliaia di chilometri da noi. «Volevamo realizzare una sorta di documentario. Siamo arrivati lì con un’associazione locale, la Animal Friends Manado Indonesia (AFMI) e altre organizzazioni europee. Insieme vogliamo portare sul tavolo del Parlamento europeo quanto abbiamo visto. Di tutto questo si discuterà a Strasburgo. Noi eravamo lì per raccogliere immagini, prove di quanto accade».

Ma Acito, e chi come lui combatte la crudeltà sugli animali, era lì anche per discutere ancora una volta con le autorità locali. «Ci hanno assicurato che la situazione era migliorata rispetto alla nostra ultima visita. Invece non era vero. Anzi, se possibile è persino peggiorata».

Controlli severi come soluzione - La chiave per porre fine a queste torture, secondo Acito, starebbe in due semplici check point. «Ci sono due strade principali percorse da chi pratica questo commercio crudele. Diciamo che questo mercato si va a concentrare in una zona precisa. È proprio lì che noi interverremo. Bloccheremo le strade mettendo dei presidi fissi con dei militari di guardia, la Polizia e un veterinario. A ogni camion diretto al mercato verrà richiesto un certificato di quarantena e un certificato di buona salute per ciascun singolo cane». La speranza è che questa richiesta, impensabile per chi guadagna da questo orrore, faccia crollare a picco il traffico di animali. «Saremo noi a coadiuvare il lavoro della autorità, prima con delle idee - quella dei check point è un esempio -, in secondo luogo finanziandole noi stessi e intervenendo con i sequestri».

Lo striscione quale monito - Per sensibilizzare la popolazione locale, è stato appeso nel mercato uno striscione che vuole ricordare, a ogni singolo abitante, che non solo l’animale è un amico, ma che in quelle condizioni igieniche il rischio di contrarre malattie come la rabbia è molto elevato. 

Paura, ma voglia di combattere - Acito non nasconde di aver provato, oltre alla repulsione, anche un po’ di paura: «Non sono luoghi tranquilli. Oltre a non essere liberi di piangere di fronte a quell’orrore siamo anche in pericolo. In quest'ultimo viaggio mi hanno rincorso con un bastone, in Cina mi hanno persino arrestato». 

Eppure il 32enne non vuole mollare: «Siamo appoggiati dalle autorità governative e dai politici europei. Qualcosa si sta muovendo, ma non basta. Dobbiamo parlarne tutti. Il mondo deve essere unito nel cambiamento. Basta animali a Tomohon».

Per delle donazioni all'associazione: https://www.actionprojectanimal.org/donate/

Action Project Animals
Guarda tutte le 7 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pulp 1 anno fa su tio
Ogni tanto ci sono notizie che leggo e non commento. Questa sarebbe una di quelle, visto che capisco il ragazzo che tenta di migliorare una situazione ai nostri occhi mostruosa, ma visto che riguarda una cultura che non mi appartiene, posso fare ben poco. Poi però leggo dei commenti come quello che precede il mio e mi faccio delle domande. Da una parte, abbiamo nel mondo delle popolazioni che molto probabilmente non hanno avuto la stessa evoluzione culturale di quella avvenuta in occidente negli ultimi 100 anni e quindi compiono quelle che noi vediamo come barbarie, senza avere un sussulto di coscienza per ciò che accade. Dall'altra abbiamo invece nella nostra evoluta cultura, persone che vorrebbero infettare dei cani (alla fine farli morire…. tanto moriranno comunque…. o così recita il post) e questo per far morire delle persone, ree di non avere lo stesso bagaglio culturale che abbiamo noi.
centauro 1 anno fa su tio
@pulp Semplifichiamo il tutto...salviamo degli animali da atroci uccisioni!
pulp 1 anno fa su tio
@centauro Si.... ma preferirei spiegare e far comprendere che sono "atroci".... sennò diventa un esercizio sterile. Poco porta a quella causa chi paragona cacciatori o pescatori nostrani a crudeli uccisori. È questo il punto umani ma al contemo uomini nel senso atavico e animalesco del termine
Gio65 1 anno fa su tio
Dato che Natale è passato e che non necessità più il buonismo, io avrei un idea. Data l'impossibilità di fermare questo orrendo mercato e considerato che i cani purtroppo siano destinati a questa sorte, perchè non infettare i cani e trasmettere terribili malattie a questi inutili trogloditi che a nulla servono al genere umano?
centauro 1 anno fa su tio
@Gio65 Parli come Adolf Hitler!
geiger 1 anno fa su tio
Conosco personalmente Davide, un bravo ragazzo con un grande cuore... Netri, sei un poveretto....
centauro 1 anno fa su tio
@geiger Confermo, un bravo ragazzo con un grande cuore......ma non lo conosco.
ni_na 1 anno fa su tio
Sacrosanta verità. Nessun animale merita queste sofferenze, né per un crudele mercato, né per un crudele bisogno di soddisfare il palato ad ogni costo, anche della vita e della sofferenza di milioni di animali. Ci vorrebbe un cambio di coscienza globale. Gli animali non sono oggetti. Aprite gli occhi.
Dioneus 1 anno fa su tio
Maledetti
matteo2006 1 anno fa su tio
Mi allaccio all'articolo dei cuccioli trovati nel baule di una auto: NON COMPERATE ANIMALI DA QUESTE PERSONE. Purtroppo se continuano ad esserci dei salvataggi significa che il mercato è ancora attivo e questo lo vedo da ormai troppi anni, dai tempi del mercatino di ticino com parlo di almeno 10-15 anni dove si vendeva liberamente decine e decine di annunci di cuccioli chiaramente provenienti da allevamenti non a norma. Scrissi sia a ticino com che al veterinario cantonale di intraprendere delle misure per fermare questo mercato; ticino com si è appellata alla legge che non vietava la vendita, il veterinario ha detto che va fatta denuncia e che in ogni caso è molto complicato perseguire chi vende perchè ci vogliono troppe risorse. Diciamo che è più semplice non fare nulla e lasciare che sia il cittadino a doversi impegnare per fermare il traffico di animali in questo caso. Ogni uno prenda il cane della razza che vuole ma pensate a come viene trattato prima che arrivi in casa vostra e anche i futuri cuccioli di quell'allevamento che state pagando per continuare il suo lavoro/commercio.
Nicklugano 1 anno fa su tio
Ovviamente era un commento relativo alla boiata di F.Netri
Nicklugano 1 anno fa su tio
Più ancora ci mancava il tuo commento da microcefalo !
marcopolo13 1 anno fa su tio
Non avete mai visto un allevamento di maiali svizzero...! Iniziamo a vedere le schifezze che facciamo in casa, prima di andare dall'altra parte del mondo.
Pepperos 1 anno fa su tio
@marcopolo13 Condivido. Personalmente cerco di mangiare poca carne in generale.
matteo2006 1 anno fa su tio
@marcopolo13 E quello di polli e quello di mucche e allora? Queste persone sono libere di fare quello che meglio credono con il loro tempo se tu vuoi dedicarti ai maiali svizzeri ben venga io sono d'accordo che bisogna trattare bene gli animali anche se sono da macello e abolire qualsiasi tipo d'allevamento intensivo seguito da un consumo di carne moderato e di qualità (per esempio).
F.Netri 1 anno fa su tio
Ci mancava l'animalista piangente, per terminare l'anno in gloria.
centauro 1 anno fa su tio
@F.Netri Sei frustrato!
pillola rossa 1 anno fa su tio
@F.Netri L'anima-lista ha un approccio animico ed empatico verso la vita, il narcis-ista invece gode nel distruggere gli altri, soprattutto chi si adopera per il bene altrui. Il suo ego deve sempre essere al centro dell'attenzione, lodato e riverito; senza il riconoscimento degli altri crollerebbe miseramente perché è di sola facciata.
matteo2006 1 anno fa su tio
@user1010 Hai ragione ma il tuo non è da meglio.
geiger 1 anno fa su tio
@miba e' un poveretto... lasa perd
miba 1 anno fa su tio
Ormai si sa che l'uomo è il peggior essere vivente sulla terra e che arriva a fare cose che nessun altro essere vivente arriva a fare
centauro 1 anno fa su tio
@miba Spero un giorno che il genere umano scomparirà e il mondo sarà esclusivo per i soli animali e vegetali.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-23 04:30:40 | 91.208.130.85