Immobili
Veicoli
Foto Tipress
+7
CANTONE
21.09.2016 - 18:000
Aggiornamento : 19:31

È sfilato il corteo "anti-Lia"

Un gruppo di artigiani ticinesi contro la nuova Legge sulle imprese artigianali è stato ricevuto da Claudio Zali

BELLINZONA - Un gruppo formato da una trentina di artigiani ticinesi contrari alla Legge sulle imprese artigianali, conosciuta anche come Lia, ha manifestato mercoledì pomeriggio a Bellinzona contro l'obbligo di iscrizione all'albo che entrerà in vigore il 1° ottobre.

La nuova legge si prefigge di regolamentare le attività artigianali per combattere gli abusi, in un settore messo sotto pressione negli ultimi anni da una forte concorrenza dall'estero, che offre sul mercato ticinese servizi a prezzi che mettono in difficoltà gli artigiani locali.

Gli artigiani contrari alla legge hanno sfilato in corteo dalla stazione di Bellinzona fino al Palazzo delle Orsoline con striscioni e manifestato la loro contrarietà alla nuova legge che prevede l'iscrizione all'albo gratuita per i confederati, ma non per i ticinesi, che dovranno sborsare 600 franchi.

Come riferisce la Rsi, il Consigliere di Stato Claudio Zali, ha ricevuto una delegazione dei rappresentanti degli artigiani contrari alla nuova legge, annunciando la ridiscussione della LIA che avverrà la prossima settimana.

Foto Tipress
Guarda tutte le 11 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 5 anni fa su tio
Sempre più casini da sto governo.
siska 5 anni fa su tio
Bravissimi e senza peli verso chi ha l'arroganza di essere qualcuno! Bravi e non cedete al politico di turno che di voi se ne fa uno sbaffo....dopo sempre dopo!
patrick28 5 anni fa su tio
Bravi sono con voi. ZALI SOLO CASINI FAI
ugobos 5 anni fa su tio
hanno votato tutti a favore tranne un astenuto o contrario. sti fenomeni leggono cosa votano? ma che razza di teste vuote sono? volete più gente in assistenza? gia la voglia di lavorare è quel che è avanti cosi. prima cosa ridurro il lavoro. Non riesco capire uno come Zali che porta avanti una cosa del genere. ti diverti vero? nuovo lavoro per i giovani. assistenza. La grecia si avvicina. toglieta subito sta cretinata. poi si si per favorire i ticinesi ma andate a quel paese che state solo rovinando il ticino. che è gia messo male
spank77 5 anni fa su tio
...alla nuova legge che prevede l'iscrizione all'albo gratuita per i CONFEDERATI, ma non per i TICINESI, che dovranno sborsare 600 franchi.... ????? ????? ?????? Ma i Ticinesi non sono confederati ????? ???????????????
marde 5 anni fa su tio
Bravi complimenti non ho potuto partecipare ma sono pienamente con voi , ripeto : perché ci sono i padroncini che entrano dall'estero a fare lavori a sbaffo dobbiamo pagare noi oltretutto per mantenere altri burocrati della commissione paritetica. Ora basta !!!!!!!!! noi artigiani siamo già regolarmente inscritti e paghiamo fior di contributi .

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-25 23:22:42 | 91.208.130.86