ULTIME NOTIZIE Ticino
BELLINZONA
3 ore
La foca in arancione per una buona causa
CANTONE
6 ore
De Rosa: «Inaccettabile un aumento delle casse malati»
CANTONE
6 ore
Sistemare via Chiesa in vista della cittadella della gioventù
BRIONE VERZASCA
7 ore
Suonano le sirene, ma è un falso allarme
LUGANO / ITALIA
7 ore
Una ditta luganese vuole assumere 400 persone a Napoli
MENDRISIO / CANTONE
9 ore
Tutti questi alberi verranno abbattuti?
AIROLO
9 ore
Cent'anni e non sentirli per Aldo Piccinonno
LOCARNO
9 ore
Cartelli illegali: «Il Municipio ha fatto una doppia figuraccia»
MENDRISIO
10 ore
Tre condanne e un arresto per i migranti passatori
CANTONE
10 ore
Abusi al Dss: la nomina fa discutere
LUGANO
11 ore
Campioni del mondo alla Lugano Bike Emotions
CANTONE
12 ore
Fungiatt dispersi in valle Morobbia, ma è un'esercitazione
CANTONE
13 ore
«Valera verde e senza chimica»
CONFINE / SVIZZERA
14 ore
Svizzero truffato. Il falso intermediario sparisce con la provvigione per lo chalet
CANTONE
15 ore
Aeroporto di Agno, continua l’emorragia di passeggeri
LOCARNO
01.03.2014 - 15:360
Aggiornamento : 23.11.2014 - 23:44

Il progetto di valorizzazione del percorso sull’idrovia Locarno-Milano-Venezia prosegue

LOCARNO - Si è svolto mercoledì scorso a Locarno l’incontro del gruppo di lavoro transfrontaliero per il ripristino dell’idrovia Locarno-Milano-Venezia che raggruppa il Consorzio Villoresi, la Regione Lombardia (Direzione generale Commercio, Turismo e Terziario), la provincia di Novara, l’Associazione Locarno-Milano-Venezia e la Città di Locarno.

 

L'incontro è stato voluto anche per far chiarezza sulla situazione venutasi a creare a Milano a causa delle proteste per la realizzazione di un canale artificiale che avrebbe dovuto collegare senza possibilità di navigazione il sito Expo al Naviglio Grande, progetto che sembrerebbe ora essere stato definitivamente abbandonato. Si precisa a questo proposito che entrambi i percorsi navigabili e ciclabili che seguono i canali Villoresi e Naviglio Grande non vengono compromessi da questa decisione e che il progetto globale di valorizzazione turistica dello storico collegamento in vista di Expo 2015 continua come previsto.

 

Durante la riunione di mercoledì infatti Il presidente del Consorzio Villoresi Alessandro Folli ha in particolare confermato che le opere previste sui canali Villoresi e Naviglio Grande per raggiungere la Darsena in barca entro Expo 2015, come pure la posa e la valorizzazione dei percorsi pedonali e ciclabili che costeggiano le vie d’acqua, verranno ultimate entro marzo 2015. I lavori presso le dighe di Panperduto (conche di navigazione, ostello, museo delle acque italo-svizzere) sono già in stadio avanzato. Per Expo 2015, con trasbordi a Porto della Torre e a Turbigo, dal Lago Maggiore sarà quindi possibile raggiungere la Darsena di Milano anche in barca.

 

Oltre alla valorizzazione e promozione congiunta dell’itinerario di indiscusso fascino tracciato dal Lago Maggiore e dal fiume Ticino, con possibilità di visite a musei, castelli, monti sacri e gastronomia, è attualmente in fase di definizione la collaborazione per il trasporto con barche turistiche da parte del Consorzio Villoresi (proprietario della nuova barca “LO-VE-MI” realizzata grazie a fondi europei provenienti dal progetto interreg idrotour) e della Navigli Lombardi Scarl (che garantisce il servizio turistico sulle tratte attualmente navigabili dei navigli). In quest’ambito è stato consegnata dal Sindaco Carla Speziali al Presidente del Consorzio Villoresi Alessandro Folli la bandiera di Locarno da issare a prua della barca “LO-VE-MI” che inizierà il servizio turistico nel corso del prossimo mese di maggio. Durante l’incontro sono pure stati affrontati temi inerenti il dopo-Expo quali la realizzazione della conca di Porto della Torre la cui inaugurazione è prevista per settembre 2016 e la possibile sottoscrizione di un prossimo progetto interreg da realizzare congiuntamente tra Regione Piemonte, Regione Lombardia e Associazione Locarno-Milano-Venezia.

 

Da rilevare infine che il sito dell’Expo sarà circondato da un canale artificiale con laghetto alimentati dall’acqua proveniente dal Lago Maggiore, acqua che verrà utilizzata inoltre per alimentare le pompe di calore e per climatizzare i vari padiglioni.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-18 03:47:36 | 91.208.130.87