Cerca e trova immobili

CANTONE«Aumentare il Fondo per la gestione del territorio»

11.07.24 - 06:42
Si chiede al Consiglio di Stato se è previsto un aumento dei fondi a disposizione dei patriziati
keystone-sda.ch (MICHAEL BUHOLZER)
Fonte Tiziano Zanetti
«Aumentare il Fondo per la gestione del territorio»
Si chiede al Consiglio di Stato se è previsto un aumento dei fondi a disposizione dei patriziati

BELLINZONA - Un gruppo composto da membri del PLR (Tiziano Zanetti e Aron Piezzi) e dalla Lega (Mauro Minotti) ha chiesto al Consiglio di Stato se quest'ultimo intende aumentare i fondi messi a disposizione per la salvaguardia e la riqualifica dei territori ticinesi e questo per venire incontro alle zone colpite dalle alluvioni nelle ultime settimane.

Il testo dell'interrogazione fa riferimento al Fondo per la gestione del territorio, che permette ai patriziati, tra le altre cose, di «valorizzare il patrimonio boschivo, ripristinare prati e pascoli, fare la manutenzione dei sentieri e di sistemare i beni dai danni della natura».

Il gruppo fa anche riferimento al fatto che il Consiglio di Stato ha definito il Fondo, in più occasioni, come «un moltiplicatore di soldi pubblici» che consente di «fare investimenti altrimenti non realizzabili».

Ecco le domande dell'interpellanza

    • Il consiglio di Stato si è già chinato sulla possibilità di aumentare in caso di necessità la dotazione del Fondo per la gestione del territorio in modo da permettere agli Enti patriziali che ne facessero richiesta di poter beneficiare anche di questi aiuti, oltre che dei propri mezzi, per operare in modo celere ed efficace nel ripristino delle zone alluvionate?
    • È previsto un finanziamento straordinario (a mente dei sottoscritti sul tipo dei contributi COVID con una procedura di accesso snella e agevolata) per gli interventi urgenti da versare ai Patriziati per il ripristino delle zone di pascolo, degli accessi agli alpi e per poter ricostruire in breve tempo quanto è stato distrutto?

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE