Archivio Tipress (immagine illustrativa)
BELLINZONA
19.10.2021 - 12:290

«Non toccate le settimane bianche»

A Bellinzona l'Unità della sinistra chiede al Municipio di fare dietrofront sull'abolizione della proposta fuori sede

BELLINZONA - «Giù le mani dalla scuola e dalle settimane bianche». È la posizione dell'Unità di sinistra di Bellinzona sulla recente decisione del locale Esecutivo comunale, presa nel contesto del preventivo 2022, di sospendere le settimane bianche. «La scuola dell'obbligo deve pensare in primo luogo al benessere dei bambini e delle bambine, e nessun taglio è ammissibile».

Secondo il Municipio, le settimane bianche sarebbero meno importanti di quelle verdi. Una motivazione che non va giù al gruppo in Consiglio comunale dell'Unità di sinistra: «La settimana bianca non è semplicemente una settimana di sci, bensì è un’esperienza di crescita preziosa: lo sci è una delle attività proposte, ma non è assolutamente – e non deve essere – il centro di questa offerta. Il valore di questa esperienza è plurimo: motorio, formativo e sociale». Insomma, si tratta di esercizio fisico, di conoscenza del territorio e comprensione del cambiamento climatico, e di condivisione del tempo con i compagni di classe.

L'Unità della sinistra chiede quindi che Collegio dei direttori delle scuole comunali e Municipio facciano dietrofront, «organizzando sin da subito la proposta di scuola fuori sede per le quarte elementari per l'inverno 2021-2022».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-03 20:16:22 | 91.208.130.89