Immobili
Veicoli

CANTONEPiovono milioni sul Parco del Piano

05.10.21 - 09:19
Il Consiglio di Stato ha richiesto un credito di 2'231'400 franchi per gli investimenti nel prossimo quadriennio.
CdS
Piovono milioni sul Parco del Piano
Il Consiglio di Stato ha richiesto un credito di 2'231'400 franchi per gli investimenti nel prossimo quadriennio.

BELLINZONA - Il Consiglio di Stato ha licenziato un messaggio concernente la richiesta di un credito quadro per gli investimenti di 2’231’400 franchi e uno per la gestione di 488’860 franchi quali finanziamenti cantonali al Parco del Piano di Magadino (PPdM) nel periodo 2021-2024.

Il Parco occupa più della metà della superficie del Piano di Magadino, ossia 2’360 ettari di spazio agricolo e naturalistico che si estendono lungo il fiume Ticino, dalla foce della Morobbia fino alle Bolle di Magadino, per una lunghezza di circa 11 chilometri e una larghezza di 2 chilometri. «L’importanza del Parco nella valorizzazione del territorio - ricorda il Consiglio di Stato in una nota odierna - non si limita all’area strettamente interessata dal Piano di utilizzazione cantonale: essa si estende, in effetti, a tutto il territorio che lo circonda, al quale è intimamente legato».

I primi quattro anni - Il primo quadriennio di attività del Parco (2017-2020) è stato caratterizzato da attività di organizzazione della struttura operativa e di avvio dei progetti, in particolare in ambito naturalistico (risanamento e interventi di valorizzazione e manutenzione di biotopi, provvedimenti per la tutela di specie particolari), di gestione del progetto d’interconnessione, di coordinamento tra le aziende agricole, di sostegno al programma di fattoria aperta e a sistemi colturali interessanti per la biodiversità, di lotta contro le neofite invasive, di realizzazione di postazioni di bike sharing, nonché di attività relative all’informazione.

I futuri progetti - Il programma di lavoro per il quadriennio 2021-2024 prevede in particolare attività di gestione in ambito d'interventi sulla rete dei sentieri e dell’organizzazione regolare di una festa del Parco. «Sul fronte degli investimenti - precisa il Cantone - sono annunciati progetti di valorizzazione paesaggistica, di sostegno all’agricoltura, di valorizzazione dei biotopi e della biodiversità, di risanamento di siti inquinati e lotta contro le neofite, di sviluppo e sistemazione dell’offerta di svago di prossimità, di migliorie degli accessi al Parco (trasporti pubblici e mobilità sostenibile) e di comunicazione».

Il totale dei costi di gestione previsti superano il milione e duecentomila franchi (1'243'400), i cui finanziamenti sono coperti per circa il 78% dal Cantone e dai Comuni del Parco (39% a testa), per il 18% dalla Confederazione e per il 3% da terzi. Per quanto concerne gli investimenti, sono previste spese per quasi sei milioni di franchi (5'865'000), finanziati per il 38% dal Cantone, per il 25% dai Comuni del Parco, per il 33% dalla Confederazione e per il 4% da terzi.

Il Piano di utilizzazione cantonale del Parco (PUC-PPdM) era stato approvato dal Gran Consiglio nel 2014 mentre la Fondazione del Parco del Piano, chiamata ad attuare le misure del PUC è stata istituita in novembre 2016. Il Consiglio di Fondazione è composto da 17 membri, in rappresentanza dal Cantone, dai Comuni interessati territorialmente dal Parco(Bellinzona, Cadenazzo, Cugnasco-Gerra, Gambarogno, Gordola, Lavertezzo, Locarno, Sant’Antonino, Tenero-Contra), dal Consorzio correzione fiume Ticino, dagli Enti regionali per lo sviluppo del Locarnese e Bellinzonese e Valli, dalle Organizzazioni turistiche Lago Maggiore-Valli e Bellinzona-Alto Ticino, dalle associazioni agricole (ASCEI e UCT) e di protezione dell’ambiente (WWF).

COMMENTI
 
Gimmi 1 anno fa su tio
Prioritá a creare un bel ambiente per le zanzare!!
Tato50 1 anno fa su tio
Quando e a che ora ? ;-))
Mattiatr 1 anno fa su tio
Dovevi prepararti meglio, io per esempio ho lasciato là la gerla così si riempie da sola ;-)
Tato50 1 anno fa su tio
Non c'è più; l'ho portata via perché ho saputo il giorno e l'ora ;-))
NOTIZIE PIÙ LETTE