Ti Press
Un'affluenza troppo bassa per poter restare aperti
ULTIME NOTIZIE Ticino
MESOCCO (GR)
2 ore
Ventenni escono di strada e finiscono nella scarpata
L'incidente è avvenuto la scorsa notte in zona Alp Frach. I due occupanti del veicolo sono rimasti leggermente feriti.
CANTONE
5 ore
Giornalisti sportivi riuniti in assemblea
Nel corso dell'appuntamento sono stati attribuiti i premi Giuseppe Albertini e al Merito Sportivo.
FOTO
LOCARNO
7 ore
Un Nicolao tutto blu è tornato in città
Dopo lo stop dello scorso anno, il Nicolao color blu ha potuto tornare in azione, portando regali ai più piccoli.
CANTONE / CONFINE
7 ore
Navigazione sul Lago Maggiore, una mozione per smuovere le acque
I consiglieri nazionali ticinesi chiedono al Consiglio federale di avviare i negoziati per una nuova convenzione.
CANTONE
8 ore
Quattro giorni consecutivi di nebbia: «Non capita tutti gli anni»
Facendo un bilancio del mese di novembre, MeteoSvizzera ha rilevato un'anomalia per quanto riguarda il sud delle Alpi.
FOTO
MELIDE
1 gior
Fiamme da una canna fumaria, pompieri in azione
Il fuoco è stato domato prima che si propagasse al tetto
CANTONE
1 gior
Un paio di cose da sapere quando si prenota la terza dose
Da «Ci si può prenotare anche se vaccinati da meno di 6 mesi?» a «Siamo sicuri che mi danno il farmaco giusto?».
FOTO
MELIDE
1 gior
I pompieri di Melide festeggiano Santa Barbara
La messa è stata officiata ieri sera da Don Ernesto Ratti presso la Caserma di Melide
CANTONE
1 gior
Qualche fiocco di neve in arrivo in serata?
Sarà in ogni caso una breve parentesi. Ma la neve, fino a basse quote, potrebbe tornare durante la settimana
BELLINZONA
10.09.2021 - 06:000

«Tenere aperto in settembre non sarebbe responsabile»

Il direttore di Bellinzona Sport prende posizione sulla chiusura, per i Verdi, troppo precipitosa del Bagno pubblico.

«Ogni giorno di apertura costa 3'557 franchi, mentre la media degli incassi calcolata negli ultimi anni è di 348 franchi giornalieri», illustra Andrea Laffranchini.

BELLINZONA - «La flessibilità è proprio una nostra prerogativa». Andrea Laffranchini, direttore di Bellinzona Sport, è in disaccordo con chi sostiene che il Bagno pubblico della capitale sia stato chiuso in modo troppo affrettato. Sul tema, i Verdi ieri hanno presentato al Municipio un'interpellanza in cui chiedono lumi sulla «poca flessibilità» mostrata dal Comune viste le temperature ancora estive di questi giorni, sostenendo che la stagione balneare sarebbe potuta proseguire anche oltre il 5 settembre.

Costi troppo superiori agli incassi - «Per noi flessibilità significa distribuire in modo proporzionato e socialmente corretto le molte risorse che la Città di Bellinzona mette a disposizione dei propri cittadini», spiega Laffranchini. Proprio per questo, un'apertura prolungata non sarebbe sostenibile. Tesi questa supportata con cifre e dati statistici: la media degli incassi nel mese di settembre - nel 2017 si è tenuto aperto fino al 24 -, calcolata sugli ultimi sei anni, è di 348 franchi al giorno. A fronte di costi giornalieri di 3'557 franchi. «Non sarebbe responsabile spendere 106’719 franchi al mese (o 26'880 franchi a settimana) per dare accesso a pochissimi utenti, di cui la maggior parte abbonati», sottolinea Laffranchini.

Non ci sono solo i Bagni - Evidentemente un ente pubblico non deve interessarsi solo ai numeri nudi e crudi, ma deve avere pure una responsabilità sociale. Motivo per il quale la decisione di non prolungare l’apertura del Bagno Pubblico va contestualizzata con tutte le infrastrutture sportive presenti sul territorio della capitale e gestite da Bellinzona Sport - ventidue campi di calcio, una pista di atletica, due piste di ghiaccio, un centro tennistico, una dozzina di palestre, una piscina coperta e, appunto, il Bagno pubblico -, e proporzionata a chi ne usufruisce: gli utenti (circa 7'700) e le società sportive (oltre 60).

La meteo non può essere un criterio - Un bacino di utenti che si moltiplica durante la stagione estiva, con l’apertura del Bagno pubblico, ma che con l'inizio delle scuole torna a scemare: «Ad oggi, in settembre a calcare l’erba delle piscine sono ormai pochi intimi. Troppo pochi per poter tenere aperti in contemporanea Bagno pubblico e piscina coperta. Ci stiamo comunque impegnando per cercare di rendere più attrattive le infrastrutture sportive della Città di Bellinzona, compreso il Bagno pubblico», conclude Laffranchini. Insomma, una chiusura basata unicamente sulla meteo - le cui previsioni spesso hanno una precisione solamente di qualche giorno - non può entrare in considerazione.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Don Quijote 2 mesi fa su tio
Paturnie acquatiche!
chris76 2 mesi fa su tio
una non risposta... si potrebbe pensare ad aperture solo il mercoledì pomeriggio ed il weekend per esempio.
Evry 2 mesi fa su tio
La dittatura dei Rosso-Verdi, a Bellinzona la permettete voi. auguri
SteveC 2 mesi fa su tio
Aprire e chiudere i bagni pubblici in date prestabilite a tavolino è una cosa che va avanti da decenni, guai a sforare
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-05 18:25:33 | 91.208.130.86