Immobili
Veicoli
Deposit
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
5 ore
Due mozioni in tema di giustizia
Maddalena Ermotti-Lepori si è concentrata sul tema della mediazione, mentre Roberta Soldati sulla conciliazione
CANTONE
6 ore
Scuole medie, bocciata la sperimentazione
Il Gran Consiglio ha affossato il credito di 237'000 franchi richiesto dal Governo.
CANTONE
11 ore
«È arrivato il momento di chiederci se possiamo convivere con il virus»
Anche Marco Chiesa invoca il "Freedom Day"
CANTONE
12 ore
Due nuovi cantieri all'orizzonte in Ticino, Governo «soddisfatto»
La Confederazione ha dato l'ok per il collegamento A2-A13 Bellinzona-Locarno e il potenziamento dell'A2 Lugano-Mendrisio
CANTONE
12 ore
Il 15 maggio si voterà (anche) su un tema cantonale
I ticinesi saranno chiamati a esprimersi sul Decreto in merito al pareggio del conto economico entro il 31 dicembre 2025
LOCARNO
12 ore
Locarno punta sul Bio
L'incentivo sarà decennale. Nei primi quattro anni verranno rimborsati i costi per la certificazione (massimo 2'000 fr.)
CANTONE
13 ore
Polizia cantonale: nominato un nuovo Ufficiale
Si chiama Pablo Biffi e dirigerà la Centrale comune d’allarme (CECAL), subordinata allo Stato Maggiore Operativo
CANTONE
16 ore
Le nuove officine FFS nel Piano settoriale dei trasporti
Il Consiglio federale ha approvato l'integrazione di diversi progetti, tra cui quello previsto ad Arbedo-Castione
CANTONE
16 ore
Galleria del San Gottardo chiusa
Fino alle 13 di oggi il tunnel non è percorribile a causa di un mezzo pesante in avaria
CANTONE
16 ore
La SUPSI ha diritto ai sussidi federali
Lo ha stabilito oggi il Consiglio federale, che ha riconosciuto la richiesta
CHIASSO
16 ore
I ragazzi delle medie ricordano l'Olocausto
Il percorso letterario creato dagli allievi di quarta vive la sua prima Giornata della memoria.
CANTONE
16 ore
La legge sull'apertura dei negozi resta in vigore
Non è però prevista una commissione consultiva. Lo ha deciso il Tribunale federale
PARADISO
17 ore
Più gente in Paradiso
I residenti nel Comune luganese sono aumentati di 190, arrivando a toccare quota 4'531.
CANTONE
24.06.2021 - 06:000
Aggiornamento : 09:09

Non banalizzate la montagna, il pericolo è dietro l'angolo

Affinché le vette ticinesi siano luoghi di piacere non bisogna sottovalutarle: i consigli di Montagne Sicure

di Redazione
GIORGIA CIMMA SOMMARUGA

BELLINZONA - La campagna Montagne Sicure ha lo scopo di sensibilizzare la popolazione e i turisti, affinchè tutti possano affrontare in sicurezza le gite in altura. Ne abbiamo parlato con il responsabile del progetto, Sacha Gobbi.

Di cosa si tratta?
«Montagne sicure nasce nel 2018 ed è un progetto di prevenzione ideato dal Dipartimento delle istituzioni. Svolge una attività di sensibilizzazione durante la stagione estiva, invernale, tanto in quella di mezzo, quando i nostri boschi si riempiono di cercatori di funghi».

Cosa prevede l’organizzazione?
«Negli ultimi mesi il progetto è stato riorganizzato per consolidarsi e crescere maggiormente. È stata creata una Commissione consultiva: l’aiuto di specialisti della montagna, della prevenzione e di servizi affini quali Rega e MeteoSvizzera renderà ancora più efficaci le misure ipotizzate».

Commissione e partner.
«Certo. L’idea è stata di coinvolgere le realtà vicine alla montagna, per le loro competenze specifiche e la diffusione dei messaggi di sicurezza. Tra esse vi sono le sezioni ticinesi del Club alpino svizzero, la Federazione alpinistica ticinese, il Soccorso alpino svizzero, oltre all’Unione Trasporti Pubblici e Turistici Ticino e Ticino Turismo».

Chi va in montagna
«Un po' tutti, la bellezza del paesaggio che ci circonda è unica. Rispetto al passato si riscontra un maggiore interesse, favorito anche dalla pandemia. In Ticino la scorsa estate c’è stato un forte afflusso di turisti (soprattutto locali) e anche per quest’estate l’interesse rimane alto. Per questo ci impegniamo nel cercare di ridurre infortuni e incidenti».

Cosa può succedere?  
«In altura il cambiamento delle condizioni meteorologiche è repentino. È un fattore che si può prevenire con una corretta pianificazione dell’escursione e il giusto abbigliamento. Se le condizioni peggiorano, aumenta la possibilità di incidenti».

Quali sono i temi prioritari?
«L’abbigliamento; la conoscenza delle proprie capacità fisiche; la valutazione del bollettino meteorologico e il rispetto negli spazi più frequentati. Si pensi in particolare alla presenza di bike e e-bike. Per quest’ultimo aspetto lavoriamo in sinergia con il progetto di prevenzione “Strade sicure” coordinato dalla Polizia cantonale».

C’è chi banalizza la montagna?
«Oggigiorno spesso si postano immagini di luoghi bellissimi con descrizione del tragitto soggettiva e superficiale. Non per forza, quella indicata è la corretta versione. Quindi pensare di poter ambire a certi traguardi senza l’adeguata preparazione significa sovrastimare le proprie capacità e sottostimare i possibili rischi».

«Sconnettiti dai social e connetti il tuo cervello».
«Questo è lo slogan inventato da Massimo Bognuda, rappresentante delle guide alpine nella Commissione. Non di rado sembra che in montagna sia diventato tutto estremamente facile e alla portata di chiunque, i social media spesso contribuiscono a rinforzare questa idea».

In cosa consiste la collaborazione con la Rega?
«Il Capo Base della Rega Ticino, Paolo Menghetti, siede nella nuova Commissione Montagne Sicure. Questo fatto ci agevola per quanto riguarda le sue competenze settoriali. In particolare, la sua esperienza di soccorritore ci aiuta a capire le tipologie di incidenti e a predisporre le opportune misure di prevenzione».  

Una rete di 4'600 km sui sentieri del Ticino

Grazie alle sue straordinarie bellezze naturali, il Ticino offre scorci emozionanti e una moltitudine di strade percorribili: «La rete cantonale è composta indicativamente da 4'600 km di sentieri suddivisi nelle categorie di difficoltà crescente giallo (T1), bianco-rosso-bianco (T2-T3) e bianco-blu-bianco (T4-T5-T6)», conferma Sacha Gobbi, il responsabile del progetto Montagne Sicure. Tutti coloro che si recano in escursione sulle alture ticinesi apprezzano particolarmente le vette sopra i 3'000 metri, «le cime più alte sono l’Adula, il Basodino e il Tencia (la vetta tutta ticinese più alta)», continua Gobbi. Ampio interesse lo riscuotono anche le “Vie alte” «come la Verzasca, Carassina, Via Idra, Valle Maggia, Via dei Tre corni», precisa. E quando le giornate si allungano e la temperatura aumenta, una delle mete più frequentate sono i laghetti alpini, «i più visitati sono quelli della zona Piora Cadagno e quelli della zona del San Gottardo», conclude il responsabile del progetto Montagne Sicure.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-27 04:39:04 | 91.208.130.85