Deposit
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
2 ore
Forti piogge, nuovi disagi al traffico
Una corsia dell'A2 è stata chiusa, in direzione nord, all'altezza della galleria di San Nicolao
CANTONE
5 ore
In arrivo una serata bagnata
Allerta 3 nel Sottoceneri e nelle valli orientali. Previsti fino 120 mm di pioggia
FAIDO
5 ore
Un fungo di un chilo
Una lettrice lo ha raccolto in Leventina
LUGANO
22 ore
Un primo agosto... col fischio
La provocazione del gruppo "Taspettofuori": una gara di fischi durante l'allocuzione di Karin Valenzano Rossi.
CANTONE
1 gior
Radar un po' in vacanza, un po' nel Luganese
L'elenco dei rilevamenti della velocità previsti dal 2 all'8 agosto
MENDRISIO
1 gior
Ferrovia Monte Generoso, esercizio sospeso
La causa sono i recenti forti temporali e l’allerta Meteo di livello 3 prevista per il fine settimana.
LOCARNO
1 gior
I festival ticinesi fanno i conti con il maltempo
Sia il LongLake che il Locarno film festival hanno però dei piani B.
LUGANO
1 gior
La Città opta per i 30 all’ora nelle vie del centro
Uno studio di ingegneria esterno analizzerà la fattibilità della proposta
MONTECENERI
1 gior
Monte Tamaro Music Day rimandato a settembre
L'evento previsto per sabato ha dovuto essere posticipato a causa del maltempo
CANTONE
1 gior
Coronavirus: in Ticino 29 nuovi casi e 10 ricoverati in tutto
I pazienti Covid che necessitano di cure intensive scendono a 3.
SORENGO
1 gior
Ars Medica e Sant’Anna, l'82% del personale è vaccinato
La tendenza a vaccinarsi fra il personale medico e infermieristico è in costante aumento
LUGANO
1 gior
È iniziato il conto alla rovescia in vista della StraLugano
Dopo diversi cambiamenti dovuti alla pandemia, fra meno di un mese si potrà tornare a correre.
FOTO
GIORNICO
1 gior
Auto contro il guard rail, incidente sull'A2
Nella notte il conducente di un veicolo con targhe tedesche ha perso la padronanza del suo mezzo.
CANTONE
24.06.2021 - 06:000
Aggiornamento : 09:09

Non banalizzate la montagna, il pericolo è dietro l'angolo

Affinché le vette ticinesi siano luoghi di piacere non bisogna sottovalutarle: i consigli di Montagne Sicure

di Redazione
GIORGIA CIMMA SOMMARUGA

BELLINZONA - La campagna Montagne Sicure ha lo scopo di sensibilizzare la popolazione e i turisti, affinchè tutti possano affrontare in sicurezza le gite in altura. Ne abbiamo parlato con il responsabile del progetto, Sacha Gobbi.

Di cosa si tratta?
«Montagne sicure nasce nel 2018 ed è un progetto di prevenzione ideato dal Dipartimento delle istituzioni. Svolge una attività di sensibilizzazione durante la stagione estiva, invernale, tanto in quella di mezzo, quando i nostri boschi si riempiono di cercatori di funghi».

Cosa prevede l’organizzazione?
«Negli ultimi mesi il progetto è stato riorganizzato per consolidarsi e crescere maggiormente. È stata creata una Commissione consultiva: l’aiuto di specialisti della montagna, della prevenzione e di servizi affini quali Rega e MeteoSvizzera renderà ancora più efficaci le misure ipotizzate».

Commissione e partner.
«Certo. L’idea è stata di coinvolgere le realtà vicine alla montagna, per le loro competenze specifiche e la diffusione dei messaggi di sicurezza. Tra esse vi sono le sezioni ticinesi del Club alpino svizzero, la Federazione alpinistica ticinese, il Soccorso alpino svizzero, oltre all’Unione Trasporti Pubblici e Turistici Ticino e Ticino Turismo».

Chi va in montagna
«Un po' tutti, la bellezza del paesaggio che ci circonda è unica. Rispetto al passato si riscontra un maggiore interesse, favorito anche dalla pandemia. In Ticino la scorsa estate c’è stato un forte afflusso di turisti (soprattutto locali) e anche per quest’estate l’interesse rimane alto. Per questo ci impegniamo nel cercare di ridurre infortuni e incidenti».

Cosa può succedere?  
«In altura il cambiamento delle condizioni meteorologiche è repentino. È un fattore che si può prevenire con una corretta pianificazione dell’escursione e il giusto abbigliamento. Se le condizioni peggiorano, aumenta la possibilità di incidenti».

Quali sono i temi prioritari?
«L’abbigliamento; la conoscenza delle proprie capacità fisiche; la valutazione del bollettino meteorologico e il rispetto negli spazi più frequentati. Si pensi in particolare alla presenza di bike e e-bike. Per quest’ultimo aspetto lavoriamo in sinergia con il progetto di prevenzione “Strade sicure” coordinato dalla Polizia cantonale».

C’è chi banalizza la montagna?
«Oggigiorno spesso si postano immagini di luoghi bellissimi con descrizione del tragitto soggettiva e superficiale. Non per forza, quella indicata è la corretta versione. Quindi pensare di poter ambire a certi traguardi senza l’adeguata preparazione significa sovrastimare le proprie capacità e sottostimare i possibili rischi».

«Sconnettiti dai social e connetti il tuo cervello».
«Questo è lo slogan inventato da Massimo Bognuda, rappresentante delle guide alpine nella Commissione. Non di rado sembra che in montagna sia diventato tutto estremamente facile e alla portata di chiunque, i social media spesso contribuiscono a rinforzare questa idea».

In cosa consiste la collaborazione con la Rega?
«Il Capo Base della Rega Ticino, Paolo Menghetti, siede nella nuova Commissione Montagne Sicure. Questo fatto ci agevola per quanto riguarda le sue competenze settoriali. In particolare, la sua esperienza di soccorritore ci aiuta a capire le tipologie di incidenti e a predisporre le opportune misure di prevenzione».  

Una rete di 4'600 km sui sentieri del Ticino

Grazie alle sue straordinarie bellezze naturali, il Ticino offre scorci emozionanti e una moltitudine di strade percorribili: «La rete cantonale è composta indicativamente da 4'600 km di sentieri suddivisi nelle categorie di difficoltà crescente giallo (T1), bianco-rosso-bianco (T2-T3) e bianco-blu-bianco (T4-T5-T6)», conferma Sacha Gobbi, il responsabile del progetto Montagne Sicure. Tutti coloro che si recano in escursione sulle alture ticinesi apprezzano particolarmente le vette sopra i 3'000 metri, «le cime più alte sono l’Adula, il Basodino e il Tencia (la vetta tutta ticinese più alta)», continua Gobbi. Ampio interesse lo riscuotono anche le “Vie alte” «come la Verzasca, Carassina, Via Idra, Valle Maggia, Via dei Tre corni», precisa. E quando le giornate si allungano e la temperatura aumenta, una delle mete più frequentate sono i laghetti alpini, «i più visitati sono quelli della zona Piora Cadagno e quelli della zona del San Gottardo», conclude il responsabile del progetto Montagne Sicure.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-07-31 19:26:38 | 91.208.130.87