tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
2 ore
Siete pronti a riaprire l'ombrello?
Da domani in Ticino ritornano temporali e la pioggia ci accompagnerà fino a venerdì tirandoci fuori dalla zona canicola
RONCO SOPRA ASCONA
3 ore
Antonio Ciseri, un itinerario tra edifici civili e religiosi
In occasione del bicentenario della nascita è stato ideato un percorso per scoprire le opere del pittore
FOTO E VIDEO
CANTONE
6 ore
Ecco qui i nuovi treni delle FLP
Presentati oggi ad Agno sostituiranno i “veterani” del 1978. Zali: «Un passo non da poco verso il futuro»
LUGANO
10 ore
La benedizione di barche e natanti sul Ceresio
La impartirà domenica pomeriggio il vescovo di Lugano Valerio Lazzeri
FOTO
ACQUAROSSA
10 ore
Centauro cade, la moto prende fuoco
Incidente poco prima delle 6 sulla strada cantonale, all'altezza di Lottigna
MENDRISIO
10 ore
La versione degli studenti: niente aggressione alla polizia
I presenti ai fatti avvenuti nelle prime ore di venerdì contestano la ricostruzione su ogni punto.
CANTONE
11 ore
Dal Ticino una mano al Nepal: inviati 20 concentratori d'ossigeno
L'importante donazione per contrastare il coronavirus giunge dall'associazione Kam For Sud
CANTONE
1 gior
Il Ticino ha 28 nuovi avvocati e avvocate
La cerimonia di promozione si è tenuta oggi nell'Aula Magna dell'Università della Svizzera italiana.
CANTONE
1 gior
Riparazioni e incentivi, due novità per le carrozzerie
Ha avuto luogo la 64esime assemblea di Carrosserie Suisse Sezione Ticino
CANTONE
1 gior
Occhio ai radar, ecco dove
La polizia ha diffuso la lista dei controlli mobili previsti per settimana prossima
TENERO
1 gior
Scompare in acqua, è in pericolo di vita
Principio di annegamento al lido Mappo. Un 83enne grigionese è stato ricoverato in condizioni critiche
TICINO/GRIGIONI
1 gior
Il Lucomagno si prepara all'esplosione
Ancora chiusa la strada del passo. Lavori in corso sulla parete che ha ceduto
MENDRISIO
1 gior
Poliziotti attaccati da una ventina di giovani: due arresti
In totale sono sette le persone che sono state medicate al Pronto soccorso.
RIVA SAN VITALE
1 gior
Frontale a Riva: due feriti
Gli occupanti delle due automobili coinvolte avrebbero riportato lesioni non gravi.
MENDRISIO
1 gior
Tiziano Calderari lascia la Presidenza del PLR di Mendrisio
Entro settembre, la Sezione annuncerà il suo successore
BELLINZONA
1 gior
Critiche alla Commissione giovani: «È uno specchietto per le allodole»
Inoltrata un'interpellanza volta a chiarire l'operato della Commissione
LOCARNO
1 gior
Alle Medie di Locarno 2, la miglior media vicinissima al 6
Sono stati premiati oggi i migliori allievi dell'istituto al termine del loro percorso nella scuola obbligatoria
CANTONE
1 gior
Tre casi di variante Delta in Ticino
Il medico cantonale Merlani e il direttore del Dss De Rosa in conferenza stampa: segui la diretta
CANTONE
23.03.2021 - 10:060
Aggiornamento : 12:24

La badante "mano-lesta" e le bande dell'Est

Nel 2020 i reati contro il patrimonio in Ticino sono diminuiti. Ma la Polizia ha avuto comunque un bel daffare

La statistica criminale della pandemia: dalle truffe ai furti in appartamento, ecco cosa è successo

BELLINZONA - Una badante dalla mano lesta, una banda di nomadi con un'organizzazione disseminata sul territorio, traffici di auto di lusso con l'Est Europa. E ancora: auto rubate, truffe in aumento. I furti in Ticino sono diminuiti grazie al Covid - come i crimini in generale - ma la malavita anche quest'anno si è esibita in una buona dose d'imprese più o meno ardite. A scattarne la fotografia, la statistica dei reati contro il patrimonio pubblicata oggi dalla Polizia cantonale.

I furti con scasso, si legge in una nota, sono passati dai 1'240 del 2019 agli 870 del 2020 (-30%). Simile diminuzione pure per i furti senza scasso (1’676, -26%). Anche i furti con scasso nelle abitazioni seguono la stessa tendenza. Nel 2020 infatti se ne sono contati 497 (693 nel 2019), di cui il 30% solo tentato.

Stessa sorte per i furti nei veicoli (291, -22%), mentre sono più stabili i veicoli rubati (606, -9%) per effetto del calo dei furti di velocipedi (406, -8%).

La tendenza - scrive la Polizia - è stata in linea con gli anni precedenti nei primi mesi del 2020, per poi crollare precipitosamente durante il lockdown e altrettanto rapidamente risalire con le riaperture estive. 

La banda di nomadi - Numerosi i casi da ascrivere ad autori nomadi, che hanno portato all’arresto di una quindicina di persone nonché al chiarimento di diverse serie di furti con una refurtiva complessiva di oltre 200'000 franchi. Una delle bande finite nel mirino è risultata estremamente organizzata e coordinata da due fratelli croati. Dopo aver reclutato donne di giovane età, procuravano loro alloggio in B&B o piccoli alberghi fornendogli attrezzi da scasso. Il provento dei furti veniva poi nascosto in alcune zone del Cantone e recuperato da un altro complice che attraversava ripetutamente il confine a bordo di un camper.

Giovani "topi" d'appartamento - Un gruppo di giovani, residenti prevalentemente nel Sopraceneri, si è reso responsabile di oltre venti furti in abitazioni, ditte e depositi, ma anche in alcune piantagioni di canapa light con l’obiettivo di rivendere la refurtiva al dettaglio.

Taccheggio organizzato - Un duro colpo è stato inferto anche alle attività di taccheggiatori e borseggiatori, che fanno spesso capo a gruppi organizzati che operano sull’intero territorio nazionale. Prediligono grandi magazzini e negozi di elettronica, con refurtiva di decine di migliaia di franchi. Un’inchiesta ha permesso di scovare una banda composta da cittadini rumeni soggiornanti in Svizzera con regolare permesso, che dopo i borseggi si recavano presso i bancomat più vicini per tentare prelevamenti con le tessere bancarie sottratte. Tutti i membri sono stati arrestati.

Le auto di lusso - Restano frequenti i tentativi di truffa alle assicurazioni da parte dei proprietari delle vetture che, dopo averle vendute/cedute a una persona compiacente all’estero, ne dichiarano il furto, spesso avvenuto nel fine settimana. Con l’arresto di uno dei componenti della banda è cessata una serie di furti di veicoli di alta gamma iniziata nel 2019. L’uomo, un cittadino polacco, era stato fermato con tutta l’attrezzatura necessaria (computer portatili, copie di chiavi, jammer). Una delle vetture rubate, del valore di oltre 200'000 franchi, è stata ritrovata e recuperata in Polonia.

Quaranta ladri di biciclette - Sono sempre più frequenti anche i furti di biciclette elettriche e l’attività effettuata ha permesso di identificare oltre 40 autori. La refurtiva complessiva per il solo 2020 ammonta a più di 850'000 franchi. In relazione a una serie di oltre 60 furti concentrati in particolare nel Locarnese e iniziata nel 2014, è stato possibile arrestare l’autore e recuperare almeno la metà dei mezzi, sia in Svizzera che in Italia, dove l’uomo era solito rivenderli.

Truffe in aumento - Il reato di truffa è uno dei pochi a essere aumentato nel corso del 2020 (630, +8%). Quelle di prossimità a danno di anziani sono fra le più frequenti. Le importanti e periodiche campagne di prevenzione hanno permesso di contenere il numero delle vittime, rendendo però ancora più intraprendenti i loro autori che in alcuni casi non hanno esitato a fingersi ricoverati nel reparto di cure intense di un ospedale ticinese, millantando di essere affetti da coronavirus e di aver bisogno di denaro per potersi sottoporre alle necessarie terapie.

Il falso nipote e la badante ladra - I casi di falso nipote si sono tutti concentrati tra luglio e ottobre dove, a fronte di 200 tentativi, in 7 occasioni il colpo è andato a segno per un ammontare complessivo delle somme sottratte di 200’000 franchi. In questo settore di attività è stato identificato e arrestato un uomo che, unitamente a dei complici e spacciandosi per agenti di polizia, ha convinto un’anziana a trasferire il suo intero patrimonio, sottraendogli pure svariati gioielli e valori. L’inchiesta ha pure permesso di sventare una truffa simile nel Canton Ginevra. Infine si segnala l’arresto di una badante che ha prelevato dal conto del suo assistito, in 24 occasioni, denaro per oltre 21'000 franchi.

Il rip-deal - Gli episodi denunciati di rip-deal sono stati 8 e gli autori sono riusciti a sottrarre complessivamente oltre un milione di franchi. Gli autori identificati sono stati una decina, in parte già arrestati. Le inchieste hanno inoltre permesso di stabilire che durante il periodo del confinamento sono stati intessuti contatti con più parti lese facendo in modo che, al momento della riapertura dei confini, si potessero concretizzare più truffe possibili. Fra i diversi fermi si segnala quello di tre nomadi mentre tentavano un colpo nel Luganese per oltre 100'000 franchi, e quello di un cittadino rumeno che in estate ha varcato il confine con a bordo una valigia contente oltre 10'000'000 tra euro e franchi facsimile. Banconote destinate alle organizzazioni attive in questo genere di truffe.

Bancomat sotto tiro - Il fenomeno dello skimming è stato piuttosto contenuto, con 25 denunce e alcuni fermi fra cui quello di tre cittadini rumeni che hanno agito in tutta la Svizzera posizionando le loro apparecchiature di clonazione su alcuni bancomat con l’intento di recuperare in seguito i dati. Un’indagine svolta in collaborazione con le autorità estere nei confronti di un gruppo di moldavi ha fatto invece luce su una nuova tecnica. Tramite un foro erano in grado di allacciarsi al sistema operativo del bancomat, forzandolo a erogare parte del denaro.

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-19 19:51:54 | 91.208.130.87