Immobili
Veicoli
Deposit
Nel tondo Roberta Schaller, giurista e criminologa di Zurigo
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
«Io prete che ho detto di no a quella donna»
Don Pierangelo Regazzi, ex arciprete di Bellinzona, vuota il sacco: «Il celibato obbligatorio non ha più senso».
CANTONE
1 ora
Figlio in ospedale? C'è chi ti porta da mangiare gratis
Questo lo scopo dell'associazione che, ora, cerca volontari nel Bellinzonese: «Abbiamo delle famiglie da aiutare»
CANTONE
7 ore
Il «bellissimo gioco» che ti fa perdere 1300 franchi
Il meccanismo è quello del noto "schema Ponzi": piramidale e senza reale possibilità di vincere
CANTONE/CONFINE
9 ore
Senza peli sulla lingua: «Il Green Pass avrà un impatto»
La testimonianza di uno storico parrucchiere e il parere del sindaco Mastromarino
LUGANO
10 ore
Pugni al Parco Ciani, in due in ospedale
La colluttazione è avvenuta attorno alle 18.30. Sconosciute per il momento le cause e la dinamica dei fatti
BELLINZONA
12 ore
Cade dalla scala a chiocciola, operaio in fin di vita
Il 40enne italiano stava lavorando presso una casa in ristrutturazione in via Tamporì a Bellinzona.
CANTONE
14 ore
Il Ticino torna in curva
Abolito il divieto di accedere agli spalti durante le partite di hockey e calcio. I tifosi festeggiano
FOTO
CANTONE
14 ore
Provvedimenti coercitivi, ecco la nuova Giudice supplente (a tempo)
L'avvocatessa Krizia Kono-Genini è stata nominata oggi dal Consiglio di Stato. Resterà in carica fino al 31 marzo
CANTONE
16 ore
L’Ambasciatrice della Polonia fa visita al Ticino
Il Presidente del Consiglio di Stato Manuele Bertoli ha ricevuto oggi a Palazzo delle Orsoline Iwona Kozlowska
LUGANO
16 ore
Nasce il Caffè Amélie, spazio di convivialità per adulti
Ogni venerdì verranno proposte diverse attività dalle 14 alle 16.30
LOCARNO
16 ore
Completato l’Ufficio presidenziale del PLR cittadino
Tre i neoeletti: Orlando Bianchetti, Franca Antognini e Daniel Mitric
CANTONE
16 ore
«Il Conservatorio è una scuola, non attività da tempo libero»
Una mozione chiede che gli over 16 possano accedere alle lezioni senza Certificato 2G
LUGANO
17 ore
Nuova sede per il SAS
Dal primo febbraio il Servizio accompagnamento sociale di Lugano verrà trasferito a Molino Nuovo.
LUGANO
18 ore
Tutto bene sui percorsi casa-scuola di Lugano
Lo studio relativo al piano di mobilità scolastica non ha riscontrato lacune gravi, ma qualche miglioramento è possibile
QUINTO
19 ore
Assist del Cantone per la Valascia SA
Il Consiglio di Stato ha dato via libera al denaro per la realizzazione delle strutture protette della Protezione civile
CANTONE / CONFINE
19 ore
Regolazione del Lago Maggiore: un pericolo per le Bolle di Magadino
Il Dipartimento del territorio ha esternato i propri timori anche all'Ufficio federale dell’ambiente.
CANTONE / SVIZZERA
20 ore
Puntualità (quasi) da record per i treni FFS
Nel 2021 il 91,9% dei convogli è arrivato in orario. È il secondo miglior risultato della storia (dopo quello del 2020)
CANTONE
20 ore
Ecco dove farsi testare il prossimo weekend
Check Point, farmacie ma non solo. Domenica 23 gennaio verrà infatti riproposto anche il Drive-In di Rivera.
SVIZZERA
02.12.2020 - 07:000
Aggiornamento : 08:27

«È così difficile capire che il sesso senza consenso è uno stupro»?

Intervista a Roberta Schaller, criminologa di Zurigo, che accusa: «La legge svizzera è inadeguata per i reati sessuali»

di Redazione
Orlando Guidetti

LUGANO - In Svizzera le donne vittime di reati legati alla sfera sessuale non sono abbastanza tutelate e oltre all’atto subito, si ritrovano davanti a una legislazione che le pone in una situazione di svantaggio per quanto accaduto. Anche uno studio commissionato al gfs.bern – istituto di ricerca e di indagini – ha evidenziato che quella svizzera è una delle leggi che meno tutelano le donne vittime di abusi. Un demerito che è stato fatto notare perfino da Amnesty International. Stando ai dati forniti dall’Ufficio Federali di statistica (UTS) in Svizzera una donna su cinque, di età superiore ai 16 anni ha già subito degli atti sessuali non consensuali. Molte di loro non arrivano nemmeno a denunciare il loro aggressore. Ne discutiamo con Roberta Schaller, Giurista e Criminologa indipendente a Zurigo.

Perché molte vittime di abusi sessuali non denunciano?
“Perché hanno paura di non essere credute e perché in fondo il nostro codice penale non le tutela abbastanza. Non importa se non si sono difese. Non importa cosa indossavano, o se si sono messe in una situazione particolare. Il sesso senza consenso è stupro. Bisognerebbe cominciare a far passare questo messaggio”.

Che approccio ha la giustizia svizzera verso le vittime di stupro?
“Dall‘aggressore ci si aspetta che si sia reso conto che stava commettendo uno stupro. Dalla vittima ci si aspetta che si sia attivamente difesa. Già questo discolpa in qualche modo l‘aggressore e discredita la vittima che non ha reagito durante lo stupro. Ben sapendo che la maggior parte delle vittime di stupro non oppone resistenza perché durante la violenza sessuale subentra la cosiddetta “paralisi involontaria“ o lo “choc“, entrambe reazioni fisiologiche e psicologiche del tutto normali. In pratica la vittima pensa, se non mi difendo, forse riesco almeno a salvarmi. Purtroppo a volte sembra quasi che se non hai opposto resistenza, allora te la sei un po‘ voluta“.

Ritiene che il diritto penale oggi vigente in Svizzera sia inadeguato in materia di reati sessuali? Il codice penale svizzero, e più precisamente l‘art. 190 CP, dice che la violenza carnale, presuppone la coercizione di una persona di sesso femminile a subire l‘atto sessuale (riferito alla sola penetrazione vaginale).
"Penso che la violenza carnale dovrebbe essere punita anche in assenza di coercizione, dove non c‘è un consenso. E dovrebbe essere punita di fronte a ogni tipo di penetrazione. E presuppone che la vittima abbia fatto di tutto per difendersi, anche se sappiamo che questa non è proprio una reazione spontanea. Perfino il sito internet svizzero sulla prevenzione della criminalità (spc) consiglia alle vittime di un’aggressione di urlare forte, mordere, cercare di divincolarsi e quant’altro”.

Cosa manca in Svizzera perché una vittima di stupro possa ottenere giustizia?
“Il rispetto dell’autodeterminazione sessuale e l’inserimento nel codice penale del consenso della vittima. Mentre la pratica giuridica è focalizzata sulla resistenza e la violenza. Ma cosi non si tiene in considerazione che la maggior parte degli stupri e delle violenze a sfondo sessuale avviene nella cerchia di amici e familiari della vittima. Per questo quasi nessuna delle vittime riesce a mettere in atto quanto auspicato dall'attuale legge, ossia resistere attivamente all'aggressore. Che quasi sempre è una persona di cui la vittima si fidava”.

Lei come spiega quest’aumento di reati legati alla sfera sessuale?
“Sta cambiando molto il ruolo della donna nella società. La donna diventa sempre più indipendente emotivamente ed economicamente, e si distanzia da certi stereotipi del passato. La violenza sessuale, per alcuni uomini, è un modo per dominare e controllare la donna”.

Se vi è un aumento nei reati sessuali, esiste quindi una concreta urgenza d'intervenire sul diritto penale?
“Assolutamente, ma non solo, dovrebbe esserci per gli specialisti del settore, avvocati, magistrati e poliziotti, una formazione obbligatoria e continua e la formazione di uno o più team all’interno della procura composti tra gli altri anche da criminologi. Il cambiamento del codice penale servirebbe comunque anche a cambiare una certa cultura dell’impunità “.

In un’aula processuale, quando si affronta un caso di stupro, capita che la vittima venga messa in condizione di sentirsi più colpevole che non l’aggressore?
“Il sesso senza consenso è stupro. Sembrerebbe così semplice. Ma non è così. La vittima deve portare in tribunale tutta una serie di prove oggettive, deve inoltre aver dimostrato di essersi difesa, di non essere troppo vulnerabile psicologicamente perché altrimenti si rischia che l’aggressore non abbia capito che ti stava violentando. Inoltre la maggior parte degli stupri sono commessi da persone conosciute dalla vittima, persone appartenenti al suo entourage, dal posto di lavoro, alle amicizie, alla famiglia. Questo comporta da una parte una non sempre immediatezza nel denunciare e dall’altra una sensazione che una violenza sessuale commessa da qualcuno noto alla vittima non sia stupro. Sommate tutti questi punti e avrete la risposta alla domanda”.

Sul sito della Polizia Cantonale ticinese, nella sezione dedicata alla prevenzione degli stupri, abbiamo visto dei consigli discutibili, lei come giudica quest’approccio?
“Premetto che ho massima fiducia nelle forze dell’ordine. Detto questo penso che intendessero dare dei consigli utili, qualora si verificasse un’aggressione da parte di uno sconosciuto. In realtà come evidenziato prima la maggior parte delle vittime è stuprata da una persona a lei nota. A questo punto cambierei i consigli del sito, che contemplano reazioni o azioni difficili da attuare, come avere a portata di mano apparecchi acustici d’allarme, spray accecanti, urlare e chiedere aiuto, tentare di far ragionare l’aggressore, ecc…, direi piuttosto alle donne che pensano di vivere una situazione dove potrebbe avvenire una violenza sessuale o pensano di aver subito una violenza sessuale di parlarne con l’aiuto alle vittime, e di fare chiarezza sull’accaduto. Essendo persone con una formazione specializzata in tal senso possono capire le dinamiche della situazione. Oppure le donne potrebbero rivolgersi a un criminologo o ancora a uno psicologo. L’importante è che qualcuno del settore raccolga la testimonianza della donna e possa fare una prima valutazione del caso”.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-21 07:26:06 | 91.208.130.87