Ti Press (archivio)
A sinistra Alessandro e Luigi Fontana (proprietari del Mulino), a destra Jean Claude Binaghi (sindaco di Maroggia)
MAROGGIA
25.11.2020 - 09:530

«Speriamo trovino la forza per ripartire»

Il Municipio di Maroggia ha voluto esprimere vicinanza ai proprietari del mulino distrutto dalle fiamme.

La speranza è che l'attività possa riprendere «per ridare al Comune uno dei suoi simboli più significativi».

MAROGGIA - Il devastante rogo che ha distrutto il Mulino di Maroggia ha toccato in modo profondo l’intera comunità locale. Lo spaventoso scenario di fuoco e di fumo non ha solo distrutto l’imponente edificio che ha caratterizzato la qualità dell’intero comparto urbanistico del comune, «ma ha pure toccato in modo profondo e commovente il senso di identità e della storia di Maroggia che il Mulino ha concorso a scrivere in modo peraltro indelebile».

Per questo motivo, il Municipio ha voluto esprimere pubblicamente la sua vicinanza ai proprietari (Alessandro e Luigi Fontana), confidando che grazie alle loro notevoli, riconosciute e apprezzate caratteristiche imprenditoriali, trovino la forza e la collaborazione necessaria per riprendere l’attività e contestualmente ridare al Comune uno dei suoi simboli più significativi di preziosa operatività.

Nel contempo, l'Esecutivo tiene a ringraziare tutte le persone che fanno parte degli Enti di pronto intervento, le quali si sono costantemente impegnate nel domare l’incendio e nel garantire la sicurezza alle persone e alle abitazioni vicine.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-16 14:01:13 | 91.208.130.86