Depositphotos
ULTIME NOTIZIE Ticino
LOCARNO
19 min
Sparatoria di Solduno, l'ex compagno non poteva avvicinarsi
Prima di esplodere i colpi, il 20enne ha probabilmente rincorso la malcapitata giù per le scale.
GIORNICO
1 ora
Tre nuovi volti nel PLR di Giornico
I nuovi membri sono Elena Traversi, Sara Capri e Andrea Norghauer, diventato pure presidente.
CANTONE
2 ore
Più radar nel Luganese che in tutto il resto del cantone
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 25 al 31 ottobre sulle strade del nostro cantone
CANTONE
3 ore
«Per un salario minimo sociale»
Il Partito socialista ha lanciato un'iniziativa popolare atta a garantire «almeno 21,50 franchi all'ora».
LUGANO
4 ore
Al Moncucchetto c'è «Buona Cucina»
Il ristorante di Lugano ha ricevuto il premio assegnato dall'Accademia italiana della Cucina.
CANTONE
5 ore
Rally del Ticino: «È ora di dire basta»
Un'interrogazione dei Verdi chiede lumi sulla compatibilità con gli impegni presi per la protezione del clima.
CANTONE
5 ore
Trasparenza totale in politica: «Giù le maschere!»
Il caso Fidinam-Pandora riporta d'attualità il tema delle «relazioni d'interesse» tra politica e parastato
CANTONE
6 ore
Mobilità e Covid: «È evidente che qualcosa è cambiato in peggio»
Un'interrogazione di Marco Passalia chiede al Consiglio di Stato di chinarsi sulla situazione dei trasporti ticinesi
CANTONE
9 ore
In Ticino 18 positivi e due nuovi ricoverati
I pazienti Covid che necessitano di cure ospedaliere salgono a 11 in tutto.
LUGANO
9 ore
PharmaDay, 5'500 franchi per l'ASI
Le quote di iscrizione del congresso medico-farmaceutico sono state devolute all'associazione Autismo Svizzera italiana.
FOTO
CANTONE
10 ore
«Dentro il tunnel c'era uno scenario apocalittico»
Era il 24 ottobre 2001, quando nella galleria del San Gottardo morirono undici persone in un tragico incendio
CANTONE
13 ore
«Le ragazze non sono tornate»
Da qualche mese i locali a luci rosse dovrebbero aver ripreso l'attività a pieno regime. Ma così non è.
CANTONE
1 gior
A2, lavori fino alle 10 per le prossime due domeniche
Le attività interessano il tratto compreso tra Melide e Gentilino
LUGANO
09.11.2020 - 20:460
Aggiornamento : 10.11.2020 - 09:11

«Come faccio a farlo tornare in ufficio se è ancora positivo?»

Aziende in apprensione. Un malato di Covid non deve rifare il test per rientrare al lavoro. Ecco un caso particolare.

«Dopo la quarantena possono restare tracce di virus innocue», dice l'infettivologo Christian Garzoni. Intanto c'è chi esplicitamente limita pure la vita intima dei propri dipendenti. Confusione anche tra i disoccupati.

LUGANO - Avete preso il Covid-19? Vi tocca fare almeno dieci giorni di quarantena. Poi, se per ulteriori 48 ore non presentate sintomi, potete tornare al lavoro. Più o meno la stessa cosa accade se siete entrati in contatto con una persona positiva al nuovo coronavirus. Il comune denominatore sta nel fatto che le direttive cantonali e federali non impongono alcun tampone per rientrare a lavorare. 

O bianco o nero – Il sistema di reinserimento professionale messo in piedi dalle autorità inizia a fare storcere il naso ai datori di lavoro. Diversi quelli che impongono il tampone ai propri dipendenti. A spese del singolo collaboratore. «Il medico – sostiene un imprenditore del Luganese – ti dice che puoi tornare a lavorare appena stai meglio. Basta che rispetti le direttive sulla quarantena.  Ebbene, un mio dipendente si è ammalato di Covid. Dopo 12 giorni, secondo il Cantone, avrei potuto farlo tornare in azienda. Non mi sono fidato e gli ho imposto un nuovo test, a sue spese. Risultato? Di nuovo positivo. Come faccio a farlo tornare? Qualcuno me lo dica. Al momento gli ho chiesto di optare per lo smart working». 

Piccole tracce innocue – Alla luce del caso in questione (che non è isolato), dopo un Covid, sarebbe dunque il caso di ritestare chiunque si appresti a rientrare su un posto di lavoro? Una scelta senza senso, secondo Christian Garzoni, specialista in malattie infettive. «Il tampone dopo un Covid resta ogni tanto positivo a lungo. Spesso non perché è rimasto virus vivo, ma perché ci sono ancora piccole tracce innocue. Non serve alcun tampone prima di tornare a lavorare. Così si rischia di lasciare a casa persone a lungo, senza ragione».

Decisioni individuali – La Svizzera ha scelto questa via. Considerando che un tampone di nuovo positivo non per forza equivale a un rischio di contagio. «La quarantena e l’isolamento finiscono sulla base della durata e della fine dei sintomi, non serve alcun tampone negativo. Il datore di lavoro può comunque prendere decisioni individuali, ma occorre sapere che non ci sono né basi legali né fondamenta scientifiche per farlo. Gli esperti lo sconsigliano. Si tratta di un’inutile perdita di soldi e di un inutile sovraccarico del sistema che esegue tamponi».

Auto censura – Il nuovo coronavirus, con la sua tremenda ondata autunnale, sta facendo tremare molti proprietari d’azienda. Si assiste a un fenomeno piuttosto emblematico e paradossale. Alcuni dipendenti, pur di non rischiare di contagiare i colleghi, si auto censurano e rinunciano a qualsiasi sprazzo di vita sociale. «Anche a semplici passeggiate», come conferma un impiegato del Mendrisiotto. 

Ci si spinge anche nel campo dell’intimità – Alcuni datori di lavoro, nel panico, arrivano addirittura a chiedere rinunce "intime" al dipendente. «Lavoro nel sociale – racconta un giovane del Locarnese –, sono single. E mi hanno fatto notare esplicitamente che è meglio che, in questo periodo, eviti incontri con nuove ragazze che non conosco. È stato detto anche ai miei colleghi». 

La vita privata non si può toccare – Garzoni anche su questo ha una posizione netta. «Un datore di lavoro non può chiedere una cosa del genere. Può fare appello come tutti alla responsabilità del singolo. Ma la vita privata resta vita privata. Tra l’altro, allo stato attuale delle cose, anche cenando con un normale amico, potrebbe esserci il rischio di contagio. È un virus con cui dobbiamo imparare a convivere. Serve responsabilità ovviamente. Ma serve anche più serenità, su tutti i fronti».
 

Il caso della disoccupata in attesa del tampone

Caos anche tra i disoccupati. Ai tempi del Covid, si sa, trovare lavoro è più difficile. Tra colloqui annullati e posizioni soppresse, la vita di chi è senza impiego è ancora più dura. Come se non bastasse, a una 30enne disoccupata del Luganese accade questo: «Settimana scorsa mi hanno fissato un colloquio con una consulente dell’Ufficio regionale di collocamento. Sabato ho iniziato ad avere i primi sintomi da Covid-19. Così lunedì ho chiamato il mio medico di base per farmi organizzare un appuntamento per il tampone. Nel frattempo, ho chiamato la disoccupazione, ho spiegato che avrei dovuto probabilmente annullare l’appuntamento a causa del Covid. La consulente mi ha detto che mi sarei dovuta presentare ugualmente, non avendo un certificato del medico. Quando le ho spiegato di avere dei sintomi, mi ha chiesto il certificato medico. Paradossale. Ma come faccio a portare un certificato medico se non ho ancora l’esito del tampone e soprattutto se non posso uscire di casa?»

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-22 19:23:47 | 91.208.130.89