tipress (Archivio)
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
Guasto sulla linea e i treni vanno in tilt
Disagi importanti per chi oggi pomeriggio viaggiava su rotaia con ritardi fino a quasi un'ora
CANTONE
2 ore
Votazioni, le reazioni dei partiti
Tra conferme e colpi di scena, ecco i commenti a caldo alle votazioni cantonali e federali
CANTONE
2 ore
«Speriamo che il rimborso non legittimi comportamenti violenti»
Il commento del Consiglio Stato sui risultati della votazione cantonale.
LUGANO
2 ore
Rogo in un appartamento a Pregassona
Si è registrato fortunatamente solo un ferito lieve: un caso d'intossicazione leggera
CANTONE
2 ore
Matrimonio per tutti: «Ha vinto l'amore»
I Verdi applaudono quella che definiscono una «vittoria storica».
CANTONE
3 ore
Ribaltone alle urne: Ghiringhelli canta vittoria
L'iniziativa sulla legittima difesa è stata approvata dai ticinesi con il 52,4 per cento di voti favorevoli
MALCANTONE
4 ore
Vernate Unita premiata alle urne
Le comunali "ritardate" hanno premiato la lista civica, nel comune del Malcantone
AGNO
4 ore
Fiamme in un negozio di parrucchiere
I pompieri sono intervenuti a mezzogiorno in piazza Vicari ad Agno
ASCONA
5 ore
Ascona e New Orleans ora sono “sister cities”
Il gemellaggio sancito da un evento questo sabato fra arte, musica e gastronomia
CHIASSO
5 ore
«È davvero possibile, siamo tornati a vivere!»
Un successo il party di Nebiopoli, organizzato dal Comitato direttivo del Carnevale.
AGNO
5 ore
Un successo la pagaiata di notte
Il gruppo ha percorso il tratto in kayak da Agno a Caslano.
CANTONE
6 ore
Ultime gocce, poi un tiepido autunno
Ancora qualche precipitazione, specie nel Sottoceneri, poi di nuovo il sole.
CANTONE
08.10.2020 - 12:120

«Chiediamo un aiuto per scongiurare la crisi»

GastroTicino prende atto delle nuove misure anti Covid-19 e invita le Autorità a intervenire economicamente.

Massimo Suter: «Facciamo di tutto per evitare un secondo lockdown».

BELLINZONA - Un appello alle autorità cantonali e federali «affinché prevedano al più presto aiuti economici, così da scongiurare pesantissime ripercussioni economiche». È la reazione di GastroTicino alle nuove norme decise dal Consiglio di Stato dopo la tendenza al rialzo dei contagi da Coronavirus.

Preoccupazioni per l'inverno - Da febbraio, come noto, il settore della ristorazione si è adattato seguendo le norme di volta in volta emanate dalle autorità, nel tentativo di trovare un equilibrio tra rispetto della salute pubblica ed economia.

Proprio per questo GastroTicino non nasconde la propria preoccupazione per il futuro del settore nei mesi invernali, «quando - sottolinea - non sarà più possibile ospitare i clienti all’aria aperta».

Soluzione per arredare e riscaldare gli spazi esterni - Per questo motivo il 2 settembre ha invitato il Cantone e i Comuni a valutare la possibilità di poter concedere facilitazioni per arredare e riscaldare le terrazze esterne o gli spazi sul suolo pubblico con tende, gazebi chiusi e altre strutture simili.

Paure - Al di là di queste facilitazioni il timore di un peggioramento della situazione sanitaria, motiva GastroTicino a «monitorare con attenzione l’evolversi della situazione. I soci - viene precisato dall'associazione in una nota - saranno informati con puntualità tramite il proprio sito su ogni cambiamento così che possano osservare ogni norma prevista dai Piani di protezione».

In tal modo, si assicura, «sarà tutelata la salute dei clienti, del proprio personale e saranno resi sempre più sicuri i propri locali, infondendo un senso di fiducia alla popolazione».

«Evitiamo un secondo lockdown» - «Come negli scorsi mesi – ribadisce Massimo Suter presidente cantonale di GastroTicino e vicepresidente di GastroSuisse – continueremo ad affrontare questa drammatica situazione di incertezza in modo coscienzioso e responsabile, consapevoli che il nostro comportamento ha avuto e avrà un forte impatto nel combattere la diffusione del Coronavirus. Grazie al continuo contatto con le autorità e l’intenso lavoro a livello federale e cantonale, è stato possibile da una parte introdurre aiuti mirati che hanno permesso la sopravvivenza di molte nostre aziende, e dall’altra di adottare misure che non fossero talmente proibitive da condizionare in modo pesante la gestione ordinaria di bar e ristoranti. Anche le misure decise oggi, non modificano in modo sostanziale quanto già il nostro settore era tenuto a mettere in pratica: ricordiamo solo l’obbligo di stare seduti per la clientela e di fornire il nominativo per ogni tavolo. Faremo di tutto per collaborare con le autorità, così da evitare un secondo lockdown che avrebbe effetti devastanti e irreparabili sul nostro settore».

Chiusure discoteche e club - Tra le decisioni prese dal Governo, anche quella di chiudere le discoteche, club e sale da ballo. «È una decisione che ci si poteva aspettare, visto quando accaduto in realtà simili alla nostra. Ed è sempre con senso di grande responsabilità – spiega Michael Lämmler, membro di CdA di GastroTicino, professionista specializzato nel settore dei grandi locali, degli eventi e dell’intrattenimento – che ne prendiamo atto».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Gio20 11 mesi fa su tio
Vi posso regalare qualche fazzoletto cosi potete andare avanti a piangere un po’. Voi ristoratori avete riaperto e avete ricominciato a incassare dal 11 maggio e sono certo che avete ricuperato la perdita dei due mesi precedenti. Le agenzie di viaggio non hanno fatturato un franco da fina febbraio e nessuno li aiuta! I nostri politici non si degnano nemmeno di ascoltarli per capire in che stato si trova il settore
Diablo 11 mesi fa su tio
Se parliamo di locali notturne e discoteche é una cosa,....ma se parliamo di ristoranti mi deve spiegare Suter quando dice "non sarà più possibile ospitare i clienti all’aria aperta".....quando mi pare che ogni inverno non sia possibile ospitare clienti all aria aperta ...
Don Quijote 11 mesi fa su tio
Sarebbe ora d'introdurre un test che rilevi un minimo QI per accedere a posti come quello del medico cantonale o consigliere di stato e un altro per poter eleggere i candidati con il voto, altrimenti saremmo sempre in balia della stupidità umana. Certi commenti denotano un'ignoranza colossale!
seo56 11 mesi fa su tio
Mi pare che di aiuti ne avete avuti abbastanza. Anche se chiude un qualche EP non è la fine del mondo.
Skorpio69 11 mesi fa su tio
eccolo la il piangin puntuale come un orologio svizzero....te le regalo io le mascherine per i tuoi dipendenti ..
bami57 11 mesi fa su tio
Prima di concedere aiuti ad innaffiatoio chiedere il rendiconto dello stesso periodo dello scorso anno (quando non c'era il coronavirus) a chi ne fa richiesta.........
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-26 18:32:53 | 91.208.130.89