Keystone
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
15 min
Covid-19: non si capisce più nulla
Cifre che dicono tutto e niente. Valanghe di interrogativi. E l'epatologo Andreas Cerny non ci tira certo su di morale.
CANTONE
1 ora
Il coronavirus colpisce i Bed&Breakfast
Raiffeisen: «Probabilmente molti alloggi sono stati riconvertiti in appartamenti in affitto».
MENDRISIO
1 ora
La prima cieca laureata USI «Io, salva grazie alla lettura»
Per Cecilia Soresina, non vedente dalla nascita, la lettura ha rappresentato molto più che una semplice passione:
CANTONE
7 ore
Canicola bye bye
Il rischio di una nuova ondata di calore viene definito «molto basso» dagli esperti di Meteosvizzera
CANTONE
13 ore
La "bonaccia" prima della tempesta
«Tale dato non deve trarre in inganno» avverte Fernando Piccirilli, capo della nuova Sezione esecuzione e fallimento
FOTO
CANTONE
13 ore
Gli avvoltoi monaci sono tornati, puntualissimi
La scorsa estate ne erano stati avvistati quattro esemplari, quest'anno ce n'è (per ora) uno in più.
LUGANO
14 ore
«Tanta tristezza, ma ci sono altre priorità»
Niente rally del Ticino a causa del Covid. La delusione degli ultimi vincitori, Andrea Crugnola e Moira Lucca.
CANTONE
15 ore
Test in tempo reale, ecco il dispositivo portatile
Il progetto si chiama MicroCoVSens ed è sviluppato da SUPSI, IOR ed EPFL.
CANTONE
15 ore
Meno criminalità transfrontaliera durante il lockdown
Il fenomeno è dovuto alle restrizioni di viaggio. Per Berna i controlli sistematici alla frontiera «non sono necessari»
CANTONE / SVIZZERA
16 ore
Settore sanitario: il Governo risponde picche a Carobbio e Marchesi
La prima chiedeva di formare più medici, il secondo di non essere dipendenti dalla manodopera estera.
CONFINE
17 ore
Tragedia a due passi dal Gambarogno
Una donna è deceduta mentre si trovava in riva al lago. Inutile l'intervento dei soccorritori
QUINTO
17 ore
Al doppio della velocità consentita sull'A2
Un 54enne del Locarnese è stato fermato il 10 agosto in territorio di Quinto
CANTONE
17 ore
Anche il Rally del Ticino si arrende al virus
La 23esima edizione della competizione è stata rimandata al giugno del 2021.
CANTONE
18 ore
A caccia di punti (e a tutto sport) con B2Mission
B2Mission fa muovere le aziende in tutta la Svizzera. Così si rafforza lo spirito di squadra e si promuove la salute
LOCARNO
18 ore
Polizia in Piazza per aver un «maggior dialogo con la popolazione»
La campagna itinerante permetterà agli agenti incontrare i cittadini di Locarno e quelli dei Comuni convenzionati.
CANTONE
18 ore
Tre nuovi casi di Covid-19 in Ticino
Il totale d'infezioni da inizio pandemia ha raggiunto quota 3'463. Il bilancio dei morti resta fermo a 350.
CANTONE
01.08.2020 - 21:450
Aggiornamento : 22:51

Marina Carobbio Guscetti è orgogliosa, «ma bisogna agire urgentemente»

Gli effetti della pandemia si faranno sentire ancora per molto, secondo la Consigliera agli Stati

Nella sua allocuzione a Chiasso, la socialista ha sottolineato l'urgenza di agire su problemi sociali, ambientali e del lavoro

CHIASSO - «Il 1° agosto è una grande opportunità per riflettere sulla Svizzera che vogliamo, sullo sviluppo sostenibile del nostro territorio, e su come garantire anche in futuro la coesione nazionale e sociale tra le diverse componenti del nostro paese, siano esse linguistiche, culturali, di genere o di origine».

Lo ha detto la Consigliera agli Stati ticinese Marina Carobbio Guscetti, nel suo discorso odierno a Chiasso. «L'importante è che tutti noi ci riconosciamo in una Svizzera solidale, capace di dare delle risposte alle incertezze del futuro e a non lasciare indietro le persone più fragili e in difficoltà» ha ribadito l'esponente del PS, citando il preambolo della Costituzione «la forza di un paese si commisura al benessere dei più deboli dei suoi membri».

Orgogliosa del Ticino - In primis, durante l'allocuzione, si è fatto avanti l'orgoglio ticinese: «Come cittadina e consigliera agli Stati del Canton Ticino sono orgogliosa di come, nella fase acuta della pandemia, il Ticino si sia unito per portare avanti le misure a salvaguardia della salute pubblica, rivendicando e ottenendo non solo comprensione ma anche misure concrete da parte delle autorità federali» ha detto Carobbio Guscetti.

Poi, un personale ringraziamento a tutte e tutti coloro che hanno aiutato il prossimo, «in un’ondata di volontariato che ha pervaso il Ticino e che ha visto protagoniste anche diverse realtà nei vostri comuni». Secondo Carobbio Guscetti, è importante «costruire ponti fra le generazioni e sistemi di aiuto e sostegno affinché le persone ammalate, anziane e più fragili, non si ritrovino mai più isolate».

Problemi in diversi settori - «L’emergenza sanitaria ci ha anche mostrato l’importanza di lavori essenziali nei settori della sanità e della cura, della vendita e della sicurezza», ha continuato la Consigliera agli Stati, «ambiti in cui lavorano donne che hanno ancora stipendi inferiori a quelli dei loro colleghi uomini».

È importante che «ai bassi salari, alle disparità salariali e alla mancanza di personale sanitario vada urgentemente posto rimedio». Carobbio Guscetti chiede quindi dei passi concreti a livello politico, sia federale che cantonale.

«La pandemia farà sentire i suoi effetti ancora per molto», secondo la Consigliera, e sono quindi necessarie risposte sociali urgenti ed efficaci. Tra queste, il lavoro ridotto, le indennità di perdita di guadagno e i prestiti agevolati. «Che però non bastano per affrontare la grave crisi che si sta avvicinando».

Secondo la socialista, «ci vogliono misure per combattere le disuguaglianze e l’aumento della povertà, bisogna rafforzare gli ammortizzatori sociali, sostenere le aziende virtuose, e garantire anche in futuro la perequazione finanziaria tra Confederazione e cantoni, come quella tra comuni finanziariamente più forti e più deboli».

Un occhio anche all'ambiente - «Durante le settimane di riduzione forzata della mobilità, abbiamo visto che i valori di emissioni atmosferiche dovute al traffico motorizzato sono nettamente diminuiti», ha spiegato Carobbio Guscetti, secondo la quale «dovremo impegnarci a ridurre definitivamente questi valori, per preservare l’ambiente, la qualità di vita e la salute della popolazione che vive accanto ad autostrade e strade fortemente trafficate».

Un problema particolarmente presente nel Mendrisiotto, e per il quale la Consigliera favorisce un miglioramento del trasporto pubblico nella regione.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Marcello Von Platz 1 sett fa su fb
Ogni volta sempre c'è molto da fare... cominciasse a risolvere almeno il problema del trovare un lavoro.
Pat Santini 1 sett fa su fb
Il bisogna agire urgentemente mi fa' ridere 😊😊
Marta 1 sett fa su tio
I socialisti hanno messo in piedi la pessima idea della la LAMAL ed ora tocca a loro correggersi e smantellarla a favore di una legge veramente sociale!
Ivana Kohlbrenner 1 sett fa su fb
Se non togliamo la libera curcolazione non ne usciremo
Evry 1 sett fa su tio
Discorso che va bene il 6 gennaio di ogni anno........ Detti roboanti e nulla di più. Auguro buona salute
klich69 1 sett fa su tio
BLA BLA BLA...in tanto i Ticinesi faranno la fine dei dinosauri.
Diego Pix Paini 1 sett fa su fb
"Bisogna agire urgentemente" Sono oramai decenni che la litania primagostiana recita queste parole... Hanno lo stesso peso di quando il 31.12 (come me) ci si riempie la bocca di buoni propositi per l'anno nuovo.... tanto poi l'1.1 sono già finiti nella mucchia dei "farò poi" assieme alla dignità... 🤣🤣🤣🤣
seo56 1 sett fa su tio
Che sonno!!
Trasp 1 sett fa su tio
Pensiero socialista; fare del bene con i soldi degli altri, cioè il socialista decide e gli altri pagano. Grazie
Luro 1 sett fa su tio
@Trasp Guardi che i soldi sono quelli delle nostre imposte che si spera siano utilizzati al meglio in servizi alla comunità (e non per diminuire L’insignificante debito pubblico svizzero!) ; servizi che nessun gruppo “privato” o singolo cittadino sarebbe capace di finanziare. Lei pensa che senza condivisione dei “nostri” soldi l’acqua sgorgherebbe ancora dal suo rubinetto al prezzo corrente? E se la sanità è sempre più cara è proprio perché è diventata una fonte di profitto e non un servizio pubblico finanziato da quei soldi che sono nostri e anche suoi.
Trasp 1 sett fa su tio
@Luro ???
VECCHIOTTO 1 sett fa su tio
Lasciatela dormire
Tony Greco 1 sett fa su fb
Sveglia sveglia🤦‍♂️
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-14 07:15:45 | 91.208.130.85