Ti Press
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
14 min
Frana sulla strada per Mergoscia, disagi al traffico
La polizia ha momentaneamente chiuso la strada, in entrambe le direzioni
CANTONE
2 ore
Vandali in azione, ennesimo distributore K.O.
Ignoti hanno sventrato, e razziato, un altro distributore automatico
CANTONE
5 ore
Ecco le località in cui spunterà un radar
La polizia cantonale informa sui controlli di velocità previsti tra dal 17 al 23 agosto 2020
BIOGGIO
6 ore
Passeggiata con amara sorpresa
Non è il primo furto che avviene ai danni dei veicoli parcheggiati in zona Mulini
BREGGIA
6 ore
Acqua di nuovo potabile a Cabbio e Muggio
Si consiglia però di farla scorrere per cinque minuti in tutti i rubinetti.
CANTONE
7 ore
Lavori notturni (con deviazioni) allo svincolo di Bellinzona Sud
Inizieranno lunedì prossimo e dovrebbero terminare entro la metà di settembre.
ASCONA
7 ore
Soppressa la fermata Via Pancaldi Mola
Dal 17 agosto e fino a nuovo avviso
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
9 ore
Auto contro un muro: ferite serie per una 82enne
L'incidente ha avuto luogo oggi poco dopo mezzogiorno in via Ravecchia a Bellinzona
FOTOGALLERY
QUINTO
9 ore
La Nuova Valascia prende sempre più forma
Procedono spediti i lavori al cantiere della futura pista dell'Ambrì-Piotta.
CANTONE
11 ore
Vedeggio-Cassarate chiusa per 7 notti
Si tratta delle notti fra il 17 e 19 agosto e tra il 23 e il 28 agosto.
FOTO E VIDEO
CANTONE
12 ore
Otto modi per scoprire la biodiversità delle foreste ticinesi
Il DT lancia un video promozionale e otto percorsi didattici sulla scia dell’omonima campagna federale.
VIDEO
CANTONE
13 ore
«Meno fatica + attenzione»
È la nuova campagna di sensibilizzazione per chi si sposta in sella a un e-bike.
CANTONE
13 ore
Il Ticino registra tre nuovi casi di coronavirus
Da inizio settimana sono 17 i tamponi risultati positivi al Covid-19 nel nostro cantone
VIDEO
CANTONE
15 ore
Ragazzo di Cadenazzo aiuta un senza tetto
Il video "gira" su TikTok. Tutta scena? No. Chi lo ha realizzato, lo ha fatto col cuore.
CANTONE
16 ore
«Non ci sono dati che il virus è più debole. Usate le mascherine»
Cifre che dicono tutto e niente. Valanghe di interrogativi. E l'epatologo Andreas Cerny non ci tira certo su di morale.
CANTONE
17 ore
Il coronavirus colpisce i Bed&Breakfast
Raiffeisen: «Probabilmente molti alloggi sono stati riconvertiti in appartamenti in affitto».
MENDRISIO
17 ore
La prima cieca laureata USI «Io, salva grazie alla lettura»
Per Cecilia Soresina, non vedente dalla nascita, la lettura ha rappresentato molto più che una semplice passione:
CANTONE
23 ore
Canicola bye bye
Il rischio di una nuova ondata di calore viene definito «molto basso» dagli esperti di Meteosvizzera
CANTONE
1 gior
La "bonaccia" prima della tempesta
«Tale dato non deve trarre in inganno» avverte Fernando Piccirilli, capo della nuova Sezione esecuzione e fallimento
FOTO
CANTONE
1 gior
Gli avvoltoi monaci sono tornati, puntualissimi
La scorsa estate ne erano stati avvistati quattro esemplari, quest'anno ce n'è (per ora) uno in più.
LUGANO
1 gior
«Tanta tristezza, ma ci sono altre priorità»
Niente rally del Ticino a causa del Covid. La delusione degli ultimi vincitori, Andrea Crugnola e Moira Lucca.
CANTONE
1 gior
Test in tempo reale, ecco il dispositivo portatile
Il progetto si chiama MicroCoVSens ed è sviluppato da SUPSI, IOR ed EPFL.
CANTONE
1 gior
Meno criminalità transfrontaliera durante il lockdown
Il fenomeno è dovuto alle restrizioni di viaggio. Per Berna i controlli sistematici alla frontiera «non sono necessari»
CANTONE / SVIZZERA
1 gior
Settore sanitario: il Governo risponde picche a Carobbio e Marchesi
La prima chiedeva di formare più medici, il secondo di non essere dipendenti dalla manodopera estera.
CONFINE
1 gior
Tragedia a due passi dal Gambarogno
Una donna è deceduta mentre si trovava in riva al lago. Inutile l'intervento dei soccorritori
QUINTO
1 gior
Al doppio della velocità consentita sull'A2
Un 54enne del Locarnese è stato fermato il 10 agosto in territorio di Quinto
CANTONE
1 gior
Anche il Rally del Ticino si arrende al virus
La 23esima edizione della competizione è stata rimandata al giugno del 2021.
CANTONE
1 gior
A caccia di punti (e a tutto sport) con B2Mission
B2Mission fa muovere le aziende in tutta la Svizzera. Così si rafforza lo spirito di squadra e si promuove la salute
LOCARNO
1 gior
Polizia in Piazza per aver un «maggior dialogo con la popolazione»
La campagna itinerante permetterà agli agenti incontrare i cittadini di Locarno e quelli dei Comuni convenzionati.
CANTONE
1 gior
Tre nuovi casi di Covid-19 in Ticino
Il totale d'infezioni da inizio pandemia ha raggiunto quota 3'463. Il bilancio dei morti resta fermo a 350.
VIDEO
ONSERNONE
1 gior
Swing the World è più dolce sul Pizzo Zucchero
L'altalena di Fabio Balassi ed Elisa Cappelletti è comparsa anche in Valle Onsernone
CASTEL SAN PIETRO
1 gior
Strada chiusa per oltre cinque mesi
Via Monte Generoso, fra la piazzetta di Gorla e la zona Croce, non sarà percorribile fino a febbraio 2021
MONTEGGIO
1 gior
Assalto al portavalori: due arresti
Un italiano in manette a Chiasso, un altro in Polonia. E cinque persone indagate all'estero
CANTONE
1 gior
Rientri dai paesi a rischio: controlli più efficienti
Ora le autorità cantonali ticinesi ricevono le informazioni sui viaggiatori direttamente dal Canton Zurigo
BIBORGO
1 gior
La Val Pontirone "ostaggio" di Swisscom
Nessuna copertura di rete mobile: un'interpellanza chiede al Comune di intervenire
FOTO
LOCARNO
1 gior
«Rilanciamo l'Astrovia con un'app»
Il percorso tra la foce della Maggia e Tegna è in stato d'abbandono. Ecco le idee per rinnovarlo
BELLINZONA
1 gior
Massaggi e minacce: mobbing in ufficio
L'azienda coinvolta sarebbe molto importante. Più dipendenti si sono rivolti ai sindacati.
LUGANO
2 gior
Il Covid colpisce anche via Nassa
Bucherer licenzia, ma tutto il settore orologiero in Ticino è in difficoltà. «Mancano i clienti arabi e americani»
CANTONE
2 gior
Gobbi sorpreso dalla decisione sugli eventi: «Si parlava di fine anno»
Secondo il Presidente del Governo cantonale, la decisione porrà molte competenze e costi sulle spalle dei cantoni
LUGANO
2 gior
Rivoluzione tecnologica nel calcio, un incontro con Massimo Busacca
L'evento con l'ex fischietto e oggi capo del Dipartimento arbitrale della Fifa è previsto stasera a Lugano
CANTONE
2 gior
Pornografia fra minorenni: «A chi sgarra confischiamo il telefono»
Il fenomeno dello scambio di materiale via chat o social è in aumento. Così come le segnalazioni alla magistratura.
LOCARNO
2 gior
I primi premi (tutti online) del Locarno Film Festival
Sono quelli delle iniziative dedicate al cinema del Sud-est asiatico "Open Doors Hub" e "Open Doors Lab"
LUGANO
2 gior
Riconoscimento per il restauro del portale
Sara Beretta Piccoli e Giovanni Albertini chiedono la posa di una targa commemorativa.
CONFINE
2 gior
Pregiudicato napoletano estradato a Ponte Chiasso
Gravi capi d'imputazione, da omicidio ad associazione mafiosa. Avrebbe dovuto trovarsi in custodia cautelare a Napoli
MINUSIO
2 gior
Cade con la moto e si ferisce
Un centauro è finito a terra questa mattina mentre circolava su Vian San Gottardo a Minusio.
FOTO
MESOCCO (GR)
2 gior
Centro sportivo vittima dei ladri
Qualcuno si è introdotto nel locale dopo aver tentato di sfondare la vetrina e aver rotto alcune finestre
CONFINE
2 gior
Valle Cannobina, anziano disperso da tre giorni
Il turista tedesco era uscito con la moglie per un'escursione sul Monte Giove, ma si sono persi di vista
CERENTINO
2 gior
Lavori di pavimentazione a Cerentino
La strada cantonale sarà chiusa completamente al traffico in località Da l'Ovi.
SONDAGGIO
CANTONE
2 gior
«I turisti persi tra marzo e maggio non si possono recuperare»
Per gli alberghi ticinesi si prospetta un calo del giro d'affari di almeno il 25%, nonostante il turismo interno
CANTONE
2 gior
Covid, due mesi senza decessi
È di 3'460 il totale dei tamponi finora risultati positivi da inizio pandemia nel nostro cantone.
CANTONE
03.05.2020 - 15:330
Aggiornamento : 18:24

Due genitori su tre preoccupati per la riapertura delle scuole

A dirlo è un sondaggio promosso dalla Conferenza cantonale dei Genitori.

Nonostante i timori, la maggioranza non è contraria alla riapertura delle sedi scolastiche

VEZIA - Soddisfazione (relativa) per l'esperienza avuta con la scuola a distanza e apprensione per l'ormai prossima riapertura degli istituti. È questo, in estrema sintesi, l'esito del sondaggio promosso tra il 24 e il 28 aprile dalla Conferenza cantonale dei Genitori.

I risultati del sondaggio - Ad emergere è l’apprensione per la riapertura delle scuole principalmente a causa dei rischi per la salute dei famigliari, oltre che dei bambini stessi. Il 52% dei genitori ha dedicato tre ore o più ogni giorno per seguire i figli nelle attività scolastiche, pur riuscendo a trovare un equilibrio famigliare positivo. Sebbene si ritenga soddisfacente la relazione avuta con la scuola è, però, auspicato un maggior contatto diretto con i docenti ed una più importante differenziazione dell’insegnamento. Espressa preoccupazione pure per il periodo di vacanze estive.

Solo qualche disagio - Alla domanda se la situazione di scuola a casa abbia creato disagi nelle famiglie, la metà dei genitori ha dichiarato di avere raggiunto un equilibrio tra i vari impegni. Tuttavia, emerge che per il 34% delle famiglie l’impegno è stato a volte problematico, e che per circa il 20% abbastanza critico, se non addirittura insostenibile.

Apprensione per il rientro - Sul tema dell’apertura scolastica nel ciclo dell’obbligo, emerge che 2 genitori su 3 sono preoccupati per il rientro a scuola. Il nodo da sciogliere è quello della salute dei figli (39%) e degli altri famigliari (52%), oltre che della difficoltà di conciliare lavoro e impegni famigliari (10%).

La maggioranza è favorevole - Nonostante le preoccupazioni sulla salute, nella settimana del sondaggio oltre la metà dei genitori non era contraria alla riapertura delle sedi scolastiche, e di questi il 36% era esplicitamente favorevole a una ripresa dell’istruzione a scuola per i propri figli, in caso di apertura l’11 maggio.

Al sondaggio hanno partecipato 2’600 famiglie con figli scolarizzati, domiciliate in tutto il Cantone. Un totale di 4'700 genitori e 5'000 figli ha risposto a domande relative alla riapertura degli istituti, alla gestione degli impegni famigliari e alla collaborazione con la scuola nel periodo della chiusura.

Al momento in cui le famiglie si sono espresse in questo sondaggio non erano note le ultime decisioni del Consiglio federale e del Cantone sulla riapertura delle scuole, né erano note le direttive del DECS sulla riapertura delle scuole dell’obbligo o i recenti aggiornamenti dell’Ufficio federale di sanità pubblica.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 3 mesi fa su tio
Ma quanti grulli: avanti fuori tutti, tutto aperto. Ma quando, senza andare a scomodare scienziati ( ma lo saranno poi tutti? Chi li conosce?), abbiamo quì in Ticino persone come il dott. Lepori vice capo area EOC, che , afferma a chiare lettere che è un grosso pericolo quello che si stà facendo, aprendo tutto: la pandemia ricomincerà a mietere infetti e vittime, senza poi permettere di capire quali siano le categorie che diffondono il virus. Per cui vista le poche giornate che gli allievi frequenteranno le aule, sarebbe stato meglio lasciarli a casa. Come del resto aprire alberghi, bar , ristoranti, fabbriche e industrie tutte assieme. Incomprensibile come pareri contrastanti, da parte di chi è alla testa del sistema sanitario, non porti a maggior prudenza nelle decisioni.
sedelin 3 mesi fa su tio
@vulpus poi verrà un terremoto e un'alluvione. seguirà un virus ancor più cattivo, moriranno milioni di persone, non ci sarà posto nei cimiteri. verrà pure il morbillo che mieterà milioni di vittime, ecc ecc ecc.
F/A-18 3 mesi fa su tio
@vulpus Ma è chiaro che ci sarà un nuovo aumento dei contagi con altri morti e via discorrendo, e questo fino a quando almeno il 60% delle persone non ha sviluppato gli anticorpi e fino a quando non arrivi il vaccino anticov. Questa è la politica adottata è decisa dalla nostra confederazione svizzera. Siamo in guerra ed i soldati devono difendere la patria ben sapendo di rischiare la pelle, chi invece si nasconde è un disertore ed in tempo di guerra viene fucilato sul posto. Tu da che parte stai?
pillola rossa 3 mesi fa su tio
@sedelin Ahahahah...
sedelin 3 mesi fa su tio
il sindaco di vernate, cossi, dovrebbe essere estromesso dalla politica. come si permette di polemizzare sulle decisioni del decs e della confederazione? i ragazzi hanno bisogno di modelli adulti propositivi, che dialoghino e che non sputino veleno di pancia. il momento é tale da rendere tutti solidali, pacifici: sembra che cossi non stia imparando nulla da questa esperienza :-(
sedelin 3 mesi fa su tio
faccio parte della fascia che vorrebbe vedere TUTTI i bambini e i ragazzi a scuola da subito. non c'è pericolo, il pericolo vero é la paura dei genitori ansiosi che la trasmettono ai figli. loro sono tranquilli, sani e immuni.
lollo68 3 mesi fa su tio
@sedelin La penso allo stesso modo e vorrei vedere riaperte anche le scuole superiori, ma posso capire la paura per chi si considera a rischio (adulto o bambino).
MIM 3 mesi fa su tio
Io non faccio parte dei due su tre. La riapertura delle scuole, per la salute di mio figlio, va effettuata senza indugio. Ricordatevi che il 100% delle persone infettate produce l'anticorpo. Il 100%!!!!
lollo68 3 mesi fa su tio
@MIM Completamente d'accordo! Mio figlio, come compito, ha dovuto argomentare l'insegnamento a distanza esprimendo la sua opinione (pro o contro). È decisamente contro: dare compiti o pagine da leggere non è insegnare! A lui manca il contatto umano malgrado abbia tre fratelli. Ho 4 computer accesi tutto il giorno e a dipendenza dei compiti anche la sera. Con il Wi-Fi acceso e le relative onde abbiamo più probabilità di prendere un tumore che il Covid19! La riapertura deve cominciare anche dalle scuole superiori come era stato promesso dai politici visto che erano state le prime a chiudere!
Don Quijote 3 mesi fa su tio
@MIM Per una volta faccio a meno di contradirti :-)
F/A-18 3 mesi fa su tio
Questa è la generazione degli smidollati cresciuti nella bambagia, tutto è dovuto. Io direi che chi non vuole lavorare se ne può stare a casa ma senza stipendio. Il rischio c’è in tutto quello che facciamo dal primo giorno di vita, anzi, dal concepimento perché qualcuno viene eliminato prima dei nove mesi.
Rossana Galli 3 mesi fa su fb
Genitori siete preoccupati ? Non mandate i vostri figli a scuola siete voi a decidere i Governanti vengono sl secondo posto
Ivano Bettinsoli 3 mesi fa su fb
C’è chi teme il virus e chi teme il lavoro
Francesco Bushidō 3 mesi fa su fb
Insegnanti, medici, infermieri...la vita non è fatta solo di stipendi rubati. Mettetevi in malattia, in 104, in infortunio...ma non è che dovete passare la vita a rubare stipendi senza lavorare. Nel lavoro, quello vero tipo in fonderia, è compreso il rischio, il pericolo. Troppo bello giochicchiare con la psiche degli alunni, o facendo i turni di notte negli ospedali a dormire, o facendo i primari o i dottori fighi con le stagiste. Dovete lavorare, lavorare duro e nel lavoro c'è anche il rischio. Come per tutti gli autonomi, c'è rischio. Che strano, un autonomo vuole solo aprire, non vede l'ora di lavorare, non pensa alla malattia...che strana la vita...
Mareva Salmina 3 mesi fa su fb
Certo, non c’è dubbio che tutti sono contenti di rivedere i propri amici, chi risponderebbe altrimenti??? Ma i genitori sono pronti a spiegare loro e far comprendere loro a che condizioni? In che situazione di sacrificio e restrizione? Pensate sarà veramente un ritorno alla socialità e ai rapporti d’amicizia di una volta? No. E come farà a comprenderlo un bambino di 4, 5, 6 anni... Come coglierà le proibizioni. Non le comprenderà, impossibile. Ne soffrirà. Rimarrà deluso e confuso. E il docente faticherà a gestire questa frustrazione. Ne sarà dispiaciuto. Si dirà, perché illuderli di rientrare alla scuola che hanno lasciato? Ai tipi di rapporti e vicinanza a cui erano abituati?? Mi tolgono la vicinanza e l’abbraccio con l’amico e la maestra, mi tolgono i momenti di gioco comune, mi ritrovo limitato nella mia libertà di movimento, a che fare con una didattica “da tavolino” a cui non sono abituato, a cui la mia natura di bambino libero, senza schemi chiusi nel manifestare la mia gioiosa e spontanea affettività, non mi ci può abituare ... sono tanti i dubbi e da dover gestire in una settimana. In fretta e furia. In fretta e furia ... tutto quello a cui mandiamo incontro i nostri figli lo abbiamo dovuto fare e decidere in fretta e furia. La fretta e furia non è mai una buona consigliera ... e i bambini non meritano la fretta e furia ... meritano gli si dedichi più tempo e riflessione, per un rientro che di certo dovrà avvenire, ma pianificato con la calma e con la serenità giuste. Per ogni genitore e docente e bambino ... la serenità ... a settembre forse avremmo avuto questo: la serenità che il tempo necessario ci avrebbe dato per affrontare (genitori e bambini) e pianificare (docenti) tutto al meglio!
lollo68 3 mesi fa su tio
Mio figlio come compito ha dovuto argomentare l'insegnamento a distanza e prendere una posizione (pro o contro). È decisamente contro: dare compiti o pagine da leggere non è insegnare. Un robot potrebbe fare la stessa cosa! Il contatto umano è quello che gli è mancato di più anche se ha 3 fratelli. Io aggiungo che 4 computer accesi tutto il giorno e a dipendenza dei compiti anche la sera è troppo. Le onde elettromagnetiche non sono salutari: ero abituata alle giornate senza Wi-Fi acceso. Abbiamo più possibilità di prenderci un tumore che il Covid19 e non sarei stupita di dover portare uno dei figli dall'oculista. Sono più nervosi e tornare a scuola può solo fare loro del bene! Aprite però anche le scuole superiori perché sono state le prime a chiudere e i politici ci avevano promesso che sarebbero state le prime a riaprire!
Meck1970 3 mesi fa su tio
I ragazzi sono stufi di stare a casa, si stanno deprimendo. Cosa fanno a casa fino a settembre? Inoltre diversi ragazzi stanno ricominciando ad uscire per incontrarsi con i loro compagni di scuola. Ci sarà una qualche statistica riguardante il coronavirus per poter prendere una decisione. Ho visto in alcuni articoli che sono i docenti che stanno facendo storie per le aperture. Ma che cosa devono dire le cassiere, o chi ha lavorato fino ad oggi nei negozi alimentari? E di sicuro non prendono la il loro salario.
Bianca Fra 3 mesi fa su fb
Io capisco chi li vuole mandare.. Avrei solo voluto che non ci fosse l'obbligo scolastico, lasciate la scelta ai genitori
Manuela Pitta 3 mesi fa su fb
Io personalmente preferisco tenere a casa mio figlio di 5 anni piuttosto che farlo andare all’asilo...ora è sereno, tranquillo...sta a casa con noi, gioca in giardino, fa le attività che ci invia la maestra e ogni tanto riesce anche a vedere i nonni da lontano. L’idea di farlo andare all’asilo dove niente è più come prima, niente giochi liberi, seduto ad un banco ad 1 metro di distanza da ogni bambino, a 2 metri di distanza dalla maestra che indosserà la mascherina e dove ogni mattina troverà ad attenderlo un termometro anziché il sorriso della maestra anche no. E poi per due giorni alla settimana senza mensa con orari impossibili per genitori che lavorano entrambi e non potranno contare sull’aiuto dei nonni? Tutto questo per 13 giorni? I bambini non possono per quanto glielo si dica mantenere le distanze. Meglio capire come evolve la situazione nelle prossime settimane con tutte le aperture e poi posso valutare con i dati alla mano se mandare mio figlio all’asilo.
Dioneus 3 mesi fa su tio
Sarà un pandemonio. Ma oggi ho visto un sacco di grulli in giro per la città, addirittura ragazzi che giocavano a calcio (poi fatti sloggiare dalla polizia). Continuando con questa intelligenza, non si aprirà lunedì perché la curva in 1 settimana sarà già risalita
Mattiatr 3 mesi fa su tio
@Dioneus Secondo le statistiche federali, sono state infettate più persone di 99 anni che di 15. Da questa età in giù gli infetti calano di anno in anno. Tutto ciò mi fa intuire che tutto sommato la riapertura delle scuole dell'obbligo non rappresenti questo gran problema, malgrado mi pare di aver capito che il governo ha complicato le cose in maniera assurda. In ogni caso a me farebbe piacere uno studio di qualche università Svizzera, magari quella di Losanna visto che hanno già trattato il virus, che non dica quanti morti potrebbe fare il virus, ma cosa applicare per evitare il sovraccarico degli ospedali. Buona giornata.
Adriana Giannotti 3 mesi fa su fb
Ma preoccupatevi dei bar, ristoranti e negozi .
Eesty Y Linda 3 mesi fa su fb
io non la porto mia figlia. Non mi interessa. Andrò contro la mandria ma a me quello che interessa è stare bene. x un mese non muore nessuno.
Jessy Aury 3 mesi fa su fb
Eesty Y Linda un mese? 13 giorni.. comunque la direzione mi ha mandato una mail con scritto che se un bambino non va l’assenza sarà giustifica e non arbitraria!! Almeno questo......
albertolupo 3 mesi fa su tio
Interessante notare come la preoccupazione sia 1. per i propri figli, 2. per i propri famigliari. Nessuno per i docenti. Nobili sentimenti ed in ordine inverso rispetto al rischio che avvenga un contagio.
Patricia Arianna Schera 3 mesi fa su fb
Ecco l'opinione dell'Associazione Svizzera dei Pediatri Abbiamo avuto una grande PANDEMIA MEDIATICA quella si. Coi decessi - grazie al cielo e sicuramente grazie alla prima chiusura di 2 settimane - siamo sotto la media degli anni precedenti: l'età media dei decessi è sopra gli 80 anni. Bambini e docenti veramente a rischio sicuramente resteranno a casa: https://paediatrica.swiss-paediatrics.org/fr/covid-19-questions-reponses-partie-9/
Ne Ssuno 3 mesi fa su fb
Non capisco tutta questa agitazione. Tra una settimana riapre tutto, tra 3 settimane tireremo le prime somme. Se avrà ragione il Signor Koch e compagnia saremo tutti contenti, se hanno torto riprenderemo la contabilità dei morti e magari con qualche zero in più... Sarà mica il caso di usare il principio di precauzione? Affidiamoci alle evidenze scientifiche dei probabilmente e dei forse, degli altamente incerto, sicuramente basso...
Blobloblo 3 mesi fa su tio
A tutti gli scienziati che parlano di morti e catastrofe...avete tutti i figli che vanno a scuola over 65 o nella categoria a rischio o con patologie pregresse??? Al supermercato insieme si è a scuola no?? Ma basta!!! Non sono radiazioni che ci dobbiamo rintanare nei bunker!!! Bastano le precauzioni che ci continuano a ripetere!!! Qui c’è gente che non ha ancora capito cosa è successo e soprattutto il perché delle chiusure...mica perché il virus è letale e moriremo tutti se lo prendiamo...guardate meno film!!!
Livio Marzoli 3 mesi fa su fb
Anche gli infermieri dovrebbero rientrare a settembre !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Barbara Manieri-Ranieri 3 mesi fa su fb
Non molliamo proprio ora, no all’obbligo firmate https://www.change.org/p/consiglio-di-stato-canton-ticino-no-al-ripristino-della-frequenza-obbligatoria-evitiamo-rischi-inutili?utm_source=share_petition&utm_medium=custom_url&recruited_by_id=480cac70-cbfe-11e5-b702-d5b46737dedf
Fabio Cresta 3 mesi fa su fb
Ma da dove saltano fuori tutti questi genitorini così apprensivi che magari prima del coronavirus lasciavano figli per ore e ore davanti a 📺 e tablet e adesso fanno la morale. Ma per favore
Natacha Urietti 3 mesi fa su fb
Speriamo lo siano anche quando sarà caldo... fiumi, parchi ecc... vediamo la coerenza🤔
Florian Flo 3 mesi fa su fb
Quanto catastrofismo in questa sezione commenti..
Katja Pagani-Volpe 3 mesi fa su fb
Ma perché non prendiamo spunto da questa situazione per insegnare qualcosa ai nostri figli? Come approcciarsi agli altri in casi del genere? Se tra 50 anni succede, spero di no, di nuovo una cosa simile loro non sapranno come fare perché li abbiamo chiusi in casa. Se i casi aumenteranno dopo la riapertura della scuola non sarà colpa del governo...ma colpa di quei genitori che non hanno insegnato ai propri figli che ora NON è il momento di abbracciarsi, ma che bisogna lavarsi le mani, stare distanti, tossire nel gomito, disinfettarsi le mani. La vita è una scuola...se chiudiamo i nostri figli in casa non impareranno niente.
Patrizia Gemelli 3 mesi fa su fb
Katja Pagani-Volpe penso che i bambini hanno imparato le regole, sono le scuole che non sono in grado di garantire le misure di igiene necessarie!!
Monica Gottardi 3 mesi fa su fb
Patrizia Gemelli infatti vorrei vedere se disinfettano tutti i banchi,le sedie e tutto quello che si tocca ogni giorno.
Nuccio Trotta 3 mesi fa su fb
A nessuno interessa se gli insegnanti potrebbero essere contagiati e qualcuno di loro potrebbe perdere la vita. Se questo avverrà spero che coloro che rendono possibile la riapertura delle scuole abbiano un minimo di coscienza e piangere.
Raffaella Bricalli 3 mesi fa su fb
Nuccio Trotta non sono l'unica categoria che tornerà al lavoro, anzi per dirla tutta ci sono lavoratori che hanno lavorato sempre
Nuccio Trotta 3 mesi fa su fb
Raffaella Bricalli certamente Raffaella! Dobbiamo tenere conto degli insegnanti che avranno stretto contatto con i bambini eventuali portatori asintomatici. Magari altre categorie non hanno questa tipologia di lavoro.
Nuccio Trotta 3 mesi fa su fb
Raffaella Bricalli assolutamente no Raffaella ma costoro si adoperano per salvare vite. Soprattutto in questo periodo. Sono necessari e le vite sacrificate sono per salvare altre vite. Ma la scuola? Io sono un insegnante di pianoforte di quasi 55 anni. Sinceramente ti dico che ho paura. Sono a stretto contatto con i miei allievi sovente di scuola elementare. I bambini come immaginerai facilmente non sono in grado di rispettare le norme. Faccio molte lezioni la settimana. Non sono per nulla tranquillo. E se lo dovessi prendere? Chi dovrò ringraziare? Un caro saluto. Nuccio
Rita Turrin 3 mesi fa su fb
Raffaella Bricalli tutti gli insegnanti hanno sempre lavorato!
Elena Tavasci 3 mesi fa su fb
Nuccio Trotta il tuo ragionamento mi sembra molto personale. Io non ho mai smesso di lavorare e tutti i giorni a contatto con probabili anziani contagiosi. Mi sembra che tu stia esagerando.
Nuccio Trotta 3 mesi fa su fb
Elena Tavasci forse.
Adriana Giannotti 3 mesi fa su fb
Nuccio Trotta si perché tutte le cassiere che hanno lavorato duramente e NON sono rimaste a casa non sono mai state a rischio contagio? Di loro non si parla mai, ma sempre e solo dei docenti. La scuola è giusto che riapra e sono sicura che ogni direttore prenderà i propri provvedimenti di sicurezza ed igiene.
Nuccio Trotta 3 mesi fa su fb
Bene
Nuccio Trotta 3 mesi fa su fb
Adriana Giannotti non ho davvero voglia di rispondere. Perché sento di non essere capito da te e da chi mi contesta E mi rendo conto che discutere con gente che ha già la propria irremovibile convinzione talvolta per superficialità o leggerezza non ha senso. Una perdita di tempo per me e per chi non comprende proprio. Grazie. Buon tutto. La vita è già così breve. Ciao
Adriana Giannotti 3 mesi fa su fb
Nuccio Trotta per fortuna non tutti gli insegnanti la pensano come te. Rispetto le tue paure ma rispetto anche il diritto di mio figlio. Non ha nulla a che vedere con superficialità e convinzione e che semplicemente bisogna imparare a convivere con il virus. E questo purtroppo lo dovrai fare anche tu. Invece di chiuderti potresti elaborare le tue paure pensando come affrontare questo rientro. In bocca al lupo e vedrai andrà tutto bene!
Nuccio Trotta 3 mesi fa su fb
Adriana Giannotti grazie per le tue parole. Io sono uno che lavora davvero adriana. Ma se prendessi il coronavirus grazie alle scuole che sono aperte? Tu pensi a tuo figlio. Giustamente. Io obbedirò totalmente agli ordini s scellerati di un corpus direttivo altrettanto scellerato. Ma io ho il dovere anche di pensare a me Chi mi conosce davvero sa che sono uno che si dà completamente Forse non come tutti gli insegnanti. Ma tu non sai come funziona il mio lavoro. È scvidente Ti invito ad elaborare quello che ho detto. Come tu fai con me. Se ci sarà un solo morto a causa di queste scuole aperte non credo che parlerai ancora di mie paure. No? Buon tutto.
Adriana Giannotti 3 mesi fa su fb
Nuccio Trotta non potremmo sapere se ci saranno contagi a scuola...a rischio ci sono anche bar, ristoranti e negozi. Ripeto capisco la paura ma potresti anche andare in un negozio ed infettarti. Darai poi la colpa ad un bambino? Capisci che il rischio lo troverai sempre e dappertutto. Non potrai vivere rinchiuso in casa fino a fine pandemia (che non sappiamo quando sarà). Bisogna vivere giorno per giorno con le dovute precauzioni. Poi si vedrà. Solo il tempo avrà la risposta. Buonanotte
Jessy Giu 3 mesi fa su fb
Rispetto la tua paura ma tutti dovranno tornare a lavoro e cè chi ha sempre lavorato (infermieri, medici, cassiere ecc..) anche loro avevano famiglia...con ciò non tutte le persone di queste categorie si sono ammalate!ripeto paura è lecita ma bisogna in qualche modo ricominciare!
Malati Vascolari 3 mesi fa su fb
Per i politici la coscienza è qualcosa di sconosciuto...
Nuccio Trotta 3 mesi fa su fb
Ci sarebbe da rispondere ma, non ho voglia né forza di rispondere. Dunque sia quel che sia. Assurdo le cassiere che tornino. Assurdo l'Obi aperto. Non si può morire per questo. Sono matti. Questa è una guerra contro un virus che sembrava poco di più che un'influenza ma non è più così. L'economia deve riprendere e, come sempre è stato, farà i suoi morti. Vi ringrazio per avermi risposto e contraddetto. Un caro saluto, Nuccio Trotta.
Jessy Aury 3 mesi fa su fb
Rita Turrin si ma non a contatto con i bambini!
Nuccio Trotta 3 mesi fa su fb
Adriana Giannotti riaprire scuole di musica per un mese è proprio inutile. Ma non solo quelle di musica.
La Babi 3 mesi fa su fb
Come quelli prima della chiusura di tutto, che no il bambino a scuola no, poi me lo ritrovavo al centro commerciale con la madre... ahhhh la coerenza 😱🤣 quindi la dinamica da lunedì 11 maggio sarà quella che hai descritto tu ora 👍
Anna Rota-Biadici 3 mesi fa su fb
Ma perché tutti a dar contro e a polemizzare contro l’apertura delle scuole e nessuno invece per l’apertura di ristoranti e bar che sicuramente sono molto più pericolosi dato che ci vanno anche gli anziani e altre persone a rischio, non i bambini, la categoria meno a rischio?!?
Giusy Bernardi 3 mesi fa su fb
Anna Rota-Biadici xchè la scuola è obbligatoria, andare al bar una libera scelta
Anna Rota-Biadici 3 mesi fa su fb
Allora per coerenza tutti i polemici anti scuola, immagino che potendo scegliere non andranno al bar finché i contagi non saranno stabilmente a zero.....
Rita Turrin 3 mesi fa su fb
Anna Rota-Biadici ma di sicuro ci andranno pochissimi
Ne Ssuno 3 mesi fa su fb
Anna Rota-Biadici ciò che dice ha senso però in primis nei bar ci vanno gli adulti (poi che lo siano anche di cervello vabbè...) A scuola ci vanno i bambini e aspettarsi da loro il mantenimento delle distanze sociali e di certe regole è molto difficile. In ogni caso dal punto di vista della comunicazione l'argomento bambini è inevitabilmente sentito
Anna Rota-Biadici 3 mesi fa su fb
Ne Ssuno appunto per quello che stavo cercando di riportare il campanile al centro del villaggio: i bambini sono un argomento sentito, certo, ma se si ragiona in modo un po’ più oggettivo, sono la categoria nettamente meno a rischio stando alle statistiche. Al contrario di molti di quelli che frequenteranno i ristoranti!
Anna Rota-Biadici 3 mesi fa su fb
Rita Turrin come quando hanno riaperto i Mc drive?
Ne Ssuno 3 mesi fa su fb
Anna Rota-Biadici ha ragione loro rischiano meno, ma il problema è che rischiano di sviluppare la malattia senza sintomi e di contagiare gli altri. http://www.medicalfacts.it/2020/05/03/coronavirus-nei-bambini-replica-come-negli-adulti/amp/
Rita Turrin 3 mesi fa su fb
Anna Rota-Biadici ma quello è asporto; al chiuso molti non andranno
Anna Rota-Biadici 3 mesi fa su fb
Rita Turrin io non ne sarei così sicura.... vedasi quante famiglie vanno a fare la spesa...
Anna Rota-Biadici 3 mesi fa su fb
Ne Ssuno sì lo so, ma la distanza con i nonni e le persone a rischio si doveva tenere comunque anche adesso con la scuola chiusa, quindi... E hanno anche detto che secondo le statistiche non sono i bambini a contagiare gli adulti, ma caso mai al contrario
Ne Ssuno 3 mesi fa su fb
Anna Rota-Biadici guardi legga il link le ho postato come vedrà hanno detto cose delle quali non possono essere sicuri.
Anna Rota-Biadici 3 mesi fa su fb
Ne Ssuno sul covid si è letto tutto e il contrario di tutto da parte di medici ed esperti... ma anche questo suo articolo comunque conferma che per i bambini non è pericoloso quanto per le persone a rischio. Quindi, come adesso che è chiusa non è la scuola il problema, ma far incontrare i bambini con le categorie a rischio
Dario Mario 3 mesi fa su fb
Mi permetto di dissentire qui con l'articolo del Signor Giorgio Doninelli, nel quale afferma che la maggioranza dei sondaggio è favorevole, e qui nasce il primo errore, solo il 36 % si è detto favorevole la differenza tra astenuti e contrari il 64% indica che non si è favorevoli. La matematica conta. Anche solo i commenti di questa pagina al momento parlano da soli non si arriva al 16% di favorevoli. Chiedo gentilmente a Tio di pubblicare notizie reali e non di parte, perché molti genitori come il sottoscritto e quasi altre 9000 persone siamo invece preoccupate per la scarsa organizzazione di questa apertura selvaggia. Avete dato grandissima enfasi a questo sondaggio creato ad Hoc per la Conferenza Cantonale Genitori, ma avete dato poco spazio con l'articolo di Davide Ilarietti al fatto che sono state raccolte 9000 firme per evitare questa scempiaggine e che il governo non le sta considerando. La riapertura delle scuole è corretta come anche la riapertura di ogni attività, se fatta con le dovute misure. Per la scuola è una corsa inutile uno scombussolamento per i ragazzi e per i docenti, perché comunque non sarà scuola normale ma ridotta e questo giochino costerà nuovamente svariati milioni per una manciata di giorni da consumare a scuola senza poter garantire la sicurezza dei ragazzi. L'apertura a settembre avrebbe permesso di trovare soluzioni definitive dal trasporto alla mensa alla ricreazione senza dover trovare soluzioni approssimative come le attuali. Nessuno dice che i genitori spaventati abbiano ragione, ma il vero punto è che nessuno da prove del contrario, anzi, anche la maggior parte dei medici sia Elvetici che mondiali chiedono di andarci piano, tranne ovviamente i cervelloni intervistati dal DECS. E se noi genitori apprensivi e piagnucolosi per ipotesi avessimo ragione e a causa di questo metodo sconsiderato di riaprire vi fossero delle complicanze, che siano di ragazzi, genitori o nonni, a quel punto chi ne sarebbe responsabile... Dei nostri governanti nessuno di prenderebbe la responsabilità dell'accaduto, allora semplicemente dovrebbero ascoltare anche chi è contrario alla riapertura. Scusate ma sono molto deluso ed arrabbiato.
Giusy Bernardi 3 mesi fa su fb
Dario Mario concordo su tutto 👍👍👍
Monica Zilocchi Riva 3 mesi fa su fb
Dario Mario bravo.. non ci sono le condizioni per aprire adesso .. sono rischi che possono far aumentare i casi e i morti purtroppo ..
dasz 3 mesi fa su tio
Per favore smettete con questo regime del terrore. I miei figli sono andati sempre al asilo nido, mai smesso. E non si sono ammalati. Amche tra le maestre tutto ok, nessun ammalato. Da febbraio ad ora. Aprite le scuole e via. Si deve tornare alla normalitá. Per il resto basta stare attenti a un po piu di igiene del normale. È spaventoso leggere i vari commenti di terrore, neanche fossimo in una zona di guerra.
Anna Moretti 3 mesi fa su fb
Io oggi ho sentito una decina di genitori e tutti non vedono l’ora! Altro Che 2 su tre 🤣
JefNiro 3 mesi fa su tio
Torno a ripete, aprire per un mese non salva niente a nessun bambino cambierà l'esistenza se si terranno chiuse le scuole ancora in mese. E' solo per far si che i genitori possano tornare a lavorare (così che l'economia riprende). Sarebbe stato corretto valutare la ripresa di tutta la macchina sociale e poi a settembre se ne sarebbe riparlato. Ma come detto, l'economia esige ognuno al suo posto.
MrBlack 3 mesi fa su tio
Io vorrei capire coloro che non vogliono mandare i figli a scuola per paura che si ammalino i figli o i famigliari...Ora abbiamo dei numeri molto bassi, e molti paesi europei in situazioni simili a noi stanno riaprendo le scuole o l’hanno già fatto. A meno di grandi scoperte, a settembre saremo nella situazione di adesso (se va bene) o peggiore. Se dovremmo attendere il vaccino, prima della fine dell’anno non sarà disponibile per la massa. Quindi che farete? Non manderete i vostri figli a scuola fino all’anno prossimo? Non è una provocazione. Voglio capire i vari punti di vista, quindi ringrazio coloro che non vogliono mandare adesso i figli a scuola se vorranno spiegarmi cosa intendono fare in settembre, se non sarà cambiato nulla nel mondo dal punto di vista sanitario per questo virus, come è probabile che sarà.
Massimo D'Onofrio 3 mesi fa su fb
Io sono tranquillo
Fedeltà 3 mesi fa su tio
..ma avete finito tutti di aver paura dell'aria che cammina..è giusto ritornare piano piano alla normalità e quindi anche con le scuole che riaprono....ah vero che siete tutti medici....cerchiamo invece tutti insieme di ritornare a vivere con le giuste precauzioni....
Luca Bosatelli 3 mesi fa su fb
Con quali garanzie andranno a scuola? A partire dai mezzi pubblici alla sanificazione delle aule e aumento all'esposizione del contagio. Tanti dubbi e poche certezze...
Zarco 3 mesi fa su tio
X tale Ivan Scara! Va bene a te , le mie figlie non lo fanno.
Roberto Oliboni 3 mesi fa su fb
E fanno bene a preoccuparsi!
Zarco 3 mesi fa su tio
X tale Davor Safin !!!!!io sono maligno , ma credo che il conto al rovescio lo fai te .........
Spirito1 3 mesi fa su tio
....chi non vuole portare il figlio a scuola e tenerlo a casa a giocare con il gatto benissimo.... benissimo! Sarà bocciato e ripeterà l'anno...
Yvonne Venturelli 3 mesi fa su fb
Non mandateli...e punto! Fate un passa parola....
Spirito1 3 mesi fa su tio
....ma volete tenere i vostri figli ignoranti a giocare in giardino con la palla contro il muro...
Manuela Rocker 3 mesi fa su fb
Io capisco questa decisione.. se non proviamo a vedere come va come facciamo a settembre? Io penso veramente che sia giusto provare a tornare ad una forma di normalità. Se tutti si attengono alle istruzioni date potremo convivere con questo virus del C... e piano piano ritornare a vivere. Se nn va... e le cifre cambiano direzione avranno l’estate x organizzarsi per settembre. In ogni caso moltissimi genitori ritorneranno al lavoro ed avranno bisogno del servizio di accudimento quindi i ragazzi vanno cmq a finire a scuola... Mia opinione personale naturalmente
Vanessa Tognacca Bruschetti 3 mesi fa su fb
Manuela Rocker certo avranno lestate per organizzarsi ma se va male nel frattempo quei poverini che ci rimettono la vita per una decisione stupida?? Bisogna rimetterci delle vite solo per fare una "prova"??!!
Sarah Catherine 3 mesi fa su fb
Manuela Rocker praticamente è un esperimento? E i nostri figli una cavia??
Michele Anzalone 3 mesi fa su fb
Manuela Rocker sono d'accordo, è giusto provare ora e vedere come va, cosí si ha il tempo d'apportare correttivi per settembre in caso. Attendere non serve molto, perché il virus potrebbe comunque restare tra noi per mesi.
Monica Gottardi 3 mesi fa su fb
Sarah Catherine si purtroppo,siamo cavie😪
Livio Marzoli 3 mesi fa su fb
Certa gente meriterebbe che gli infermieri si comportassero con loro come loro si comportano con chi gestisce l'apertura delle scuole.
Ne Ssuno 3 mesi fa su fb
Michele Anzalone provare? Tra la riapertura e i primi esiti della prova ci passano due settimane sa quanta gente rischia se la prova va male di infettarsi?
Gionny Morris 3 mesi fa su fb
Se ci saranno morti .. qualcuno dovrà pagare ..
Ljiljana Zdravkovic 3 mesi fa su fb
Gionny Morris no grazie che si tengono loro soldi e voi mamme vostri figli sani
Dario Mario 3 mesi fa su fb
Come scritto sopra nessuno, Bertoli in primis si assume mai nessuna responsabilità
Giusy Bernardi 3 mesi fa su fb
Gionny Morris già, ma poi sarà piuttosto inutile piangere sul latte versato....
Tiziano Regazzoni 3 mesi fa su fb
Ma dai.....impensabile. la scuola a casa, con tutte le tecnologie che disponiamo non e' fattibile??? Altre nazioni lo hanno fatto con successo...!
Sherif Arifi 3 mesi fa su fb
Tiziano Regazzoni vero ci sono nazioni più "povere ",di noi e fanno lezioni sia online che alla televisione.
Anna Moretti 3 mesi fa su fb
Tiziano Regazzoni la tecnologia non potrà mai sostituire il contatto umano.
Tiziano Regazzoni 3 mesi fa su fb
Anna Moretti ci mancherebbe altro..... ma purtroppo in casi limite come questo, potrebbe essere una soluzione.
Patrizia Gemelli 3 mesi fa su fb
Dopo oltre 60 giorni chiuse in casa, senza vedere nonni, genitori o chiunque altro (come giusto che sia), se mia figlia si ammala perchè obbligata ad andare a scuola denuncerò il CF per esposizione al pericolo della vita altrui. 8 giorni di scuola potrbbero vanificare il nostro e il vostro sacrificio.......è chiaro anche che non mi butterò appena aperti neanche nei negozi o ristoranti!!!
Massi Verzasconi 3 mesi fa su fb
È bello che tu sia così protettiva e amorevole nei confronti di tua figlia, comunque puoi stare tranquilla visto che tutti gli esperti confermano che i bambini si ammalano poco e anche se si ammalano lo fanno in forma molto blanda :)
Patrizia Gemelli 3 mesi fa su fb
Massi Verzasconi veramente non tutti.......il nostro medico cantonale infatti non è daccordo! Decido io per il bene mio e di mia figlia, non faccio fare da cavia a una bimba ......!!!!
Monica Gottardi 3 mesi fa su fb
Massi Verzasconi forse loro si,ma poi portano a casa....
Monica Gottardi 3 mesi fa su fb
Patrizia Gemelli brava
Ne Ssuno 3 mesi fa su fb
Massi Verzasconi si ma il problema non è quello ma il fatto che possono diffondere il virus
norway555 3 mesi fa su tio
Mossa sbagliata. Per l 11.5. Hanno dato il libera tutti in contemporanea per negozi ristorazione musei... e giusto le scuole ci mancavano mettendo in movimento pure tutti noi genitori . Per 13 giorni potevano risparmiare l apertura affrettata e pasticciata. Le piattaforme digitali stanno funzionando benissimo anche per le elementari per tirare avanti e si riapriva a settembre con una formula ben studiata. Bertoli ha sbagliato. Lui poteva aspettare! Ora tutto insieme non capiremo gli effetti singoli degl allentamenti!
Cristina Santoro 3 mesi fa su fb
non capisco questa apertura per poco tempo! sopratitto xchè si debbono fare tante modifiche per pochi giorni. era meglio usare il tempo per sistemare le aule in modo definitivo affinchè a settembre tutti avessero potuto iniziare insieme. Forse questobperiodo poteva essere dedicato agli studenti carenti o che hanno avuto difficoltà a seguire il programma online e portarli al livello di quelli che con l'aiuto dei genitori hanno potuto seguire lo studio online....
Alessandro Forte 3 mesi fa su fb
Cristina Santoro ottima idea 💡👍🏻👍🏻👍🏻
Michela De Domenico 3 mesi fa su fb
Cristina Santoro studio online???? Alle elementari zero!
Cristina Santoro 3 mesi fa su fb
Michela De Domenico che peccato. Se si fossero registrate tutte le lezioni di 1 anno scolastico, in questo periodo si potevano passare le registrazioni.Per questo esiste un direttore del DECS...
Davor Safin 3 mesi fa su fb
I miei stanno già facendo la conta alla rovescia per andare...
Davor Safin 3 mesi fa su fb
Giusto aprire le scuole ma stiamo scherzando riapriamo tutto e le scuole no ma voi siete fuori di testa i bambini hanno bisogno di interagire tra di l'oro e bisogna aprire anche tutti i camp estivi.
Sheryl Cataldo 3 mesi fa su fb
Davor Safin anche io la penso come te. Se i bambini sono i meno colpiti eppure quelli che rinunciano di più
Laura DC 3 mesi fa su fb
E 2 genitori su 3 saranno i primi a correre al parco giochi appena toglieranno le transenne, saranno quelli che quest’estate intaseranno le rive dei fiumi e dei laghi (e le piscine se riapriranno), i primi a correre nei bar e nei ristoranti.... a scuola no perché è rischioso ma in giro si perché non si può mica tenerli in casa tutta l’estate..........
Sabrina Fonseca 3 mesi fa su fb
Laura DC esatto
Tania Bomio 3 mesi fa su fb
Laura DC che poi sbaglierò i bimbi se la son già passato quando questo inverno le classi erano decimate
Laura DC 3 mesi fa su fb
Tania lo credo anch’io....
Noemi Oechslin 3 mesi fa su fb
Laura DC 👌🏻
Gilda Bergonzoli 3 mesi fa su fb
Tania Bomio concordo.
Cristina Cannas-Angelini 3 mesi fa su fb
Laura DC brava ben detto!
Dario Mario 3 mesi fa su fb
Gentile Laura DC, lei parla a vanvera, sta esponendo una sua ipotesi offensiva nei confronti di chi come me è apprensivo per il proprio figlio. Ne fiumi, ne laghi ne piscina, nulla di tutto questo, mio figlio a quasi 15 anni e non esce da quasi due mesi...Non esce in modo assoluto...sia coerente e non si permetta di giudicare chi come me e tanti altri hanno un'idea diversa dalla sua. Buona piscina
Laura DC 3 mesi fa su fb
Dario a dire la verità lei è l’unico che sta giudicando! Perché se lei è coerente con quello che dice e con quello che fa, non si sarebbe sentito preso in causa!!!
La Babi 3 mesi fa su fb
Come quelli prima della chiusura di tutto, che no il bambino a scuola no, poi me lo ritrovavo al centro commerciale con la madre a comperare scarpe... ahhhh la coerenza 😱🤣 quindi la dinamica da lunedì 11 maggio sarà quella che hai descritto tu ora 👍
Monica Gottardi 3 mesi fa su fb
Dario Mario anch'io ho paura,mio figlio 16 anni,mai uscito,solo in giardino.
Ale Fle 3 mesi fa su fb
Laura DC non rigiri la frittata. Lei ha giudicato Dario Mario ha esposto un fatto...
Jessy Giu 3 mesi fa su fb
Laura DC e esattamente il mio pensierl
Laura DC 3 mesi fa su fb
Anch’io ho esposto un fatto... quello che succederà tra qualche settimana....
Sabrina Fonseca 3 mesi fa su fb
Ma a nessuno “ interessa anche il parere dei bambini” i loro sentimenti, emozioni , tanti stanno bene anche a casa sicuramente, ma tanti hanno bisogno un minimo di normalita’, di rivedere i compagni i maestri ecc, soprattutto x chi finisce un ciclo della loro vita ( ultimo anno d asilo, quinta elementare ecc) e sicuramente stanno prendere tutte le misure x garantire sicurezza a tutti, pensate anche alla salute psicologica dei bambini
Alessandro Forte 3 mesi fa su fb
Sabrina Fonseca hai ragione anche tu ... però io sinceramente un po’ di paura ce l’ho .... dai contiamo sulla responsabilità dei docenti e speriamo bene
Sabrina Fonseca 3 mesi fa su fb
Alessandro Forte sicuramente ci terranno anche loro alla loro salute
Tela Sandra 3 mesi fa su fb
Sabrina Fonseca io non ho figli ma a tutti i bimbi che ho chiesto tutto contenti di tornare dagli amici !
Monica Pedrioli 3 mesi fa su fb
Sabrina Fonseca Bravissima! Mi chiedo in quanti abbiano chiesto ai propri figli 'saresti contento di tornare a scuola'? Perché i ragazzi non vedono l'ora di ricominciare! La paura, da genitore, c'è... ma personalmente non sono contraria. Sono più preoccupata per l'apertura di negozi e ristoranti! Visto l'assalto ai vari do it da quelli che evidentemente devono essere diventati tutti giardinieri! 🤔
Simonetta Conconi-Parli 3 mesi fa su fb
Sabrina Fonseca sono perfettamente d’accordo! I miei figli non vedono l’ora di rientrare a scuola! E noi abitiamo in una casa grande, con giardino e piazzale. Ognuno ha il proprio computer ed il proprio spazio. E boschi e passeggiate dietro casa. Ma questa non è la vita che devono fare bambini e ragazzi! Hanno bisogno di tornare a scuola, rivedere i compagni, riprendere le attività sportive. Sono ragazzi, scoppiano di vita. E sono molto più attenti e prudenti degli anziani. Anche io ho paura. Ad ogni minimo possibile sintomo mi prenderà il panico, ma la vita deve andare avanti, la vita deve essere più forte della paura. Ce lo insegneranno loro, i nostri figli.
Sabrina Fonseca 3 mesi fa su fb
Simonetta Conconi-Parli si sono piu saggi di noi sicuramente , i miei sono adolescenti, ma io lavoro come mamma diurna , quindi coinvolta al 100 per cento, avendo bimbi in eta’ prescolare , che scolare
Lisa Ferrari 3 mesi fa su fb
Monica Pedrioli io l ho fatto. Ho detto a mio figlio se vuole tornare al asilo du decidere lui. Ha detto di sì e lo mando
Milano Milano 3 mesi fa su fb
Tela Sandra e infatti è proprio questo il problema...
Desi Gabrielli 3 mesi fa su fb
Monica Pedrioli io...ho chiesto..ma non son contenti di non far ginnastica; arti plastiche ecc....😂
Dario Mario 3 mesi fa su fb
Tutti voi avete i figli che stanno scalpitando per tornare a scuola, un breve sondaggi tra i compagni del mio e pare invece che siano tutti felici di stare a casa.... Tornare a Settembre o a metà agosto avrebbe solo permesso di organizzare tutto molto meglio..a quelle mamme che hanno scritto gli istituti stanno preparando tutto per garantire la sicurezza hanno mai pensato che in 10 giorni garantire sicurezza partendo da zero é impossibile...
Sabrina Fonseca 3 mesi fa su fb
Dario Mario dal 16 marzo esiste il servizio d accudimento quindi e da allora che lavorano anche sul rientro a scuola, docenti e direttori sono quasi tutti i giorni presenti a scuola , non hanno fatto vacanza come magari tanti pensano , avevano messo anche in conto di riaprire e poi a settembre siamo di nuovo da capo, meglio cominciare gia a provare adesso piano piano che almeno il nuovo anno scolastico parte molto meglio
Giusy Bernardi 3 mesi fa su fb
Sabrina Fonseca alle mie non pó fregá de meno
Mary Morozov 3 mesi fa su fb
Giusy Bernardi la mia non vuole tornare all asilo..sono privileviata dato che e' facoltativo..sta a casa!
Monica Gottardi 3 mesi fa su fb
Dario Mario anche per me era meglio settembre,avrebbero potuto preparare tutto in sicurezza
Ne Ssuno 3 mesi fa su fb
In effetti immagino che sul Titanic tutti i genitori si siano girati e abbiano chiesto "tesoro, vuoi salire sulla scialuppa o resti a giocare coi tuoi amichetti?" Guardi la prenda con ironia, ma in una situazione del genere con tutto il bene che posso volere a mio figlio sto a preoccuparmi del cosa vuole?
Adriana Giannotti 3 mesi fa su fb
Sabrina Fonseca siiiiiiiiiiiiiii bravaaaaa
Adriana Giannotti 3 mesi fa su fb
Lisa Ferrari che dolce!
Raffaele Tilola 3 mesi fa su fb
Io non mi preoccupo, ho deciso che i miei non vanno punto e basta! Fine del problema.
Devida Malacrida 3 mesi fa su fb
Raffaele Tilola idem
Dulce Martins 3 mesi fa su fb
Raffaele Tilola 💯 i
seo56 3 mesi fa su tio
Mi auguro che chi di dovere faccia un passo indietro e tenga chiuso le scuole. È scellerato aprirle il medesimo giorno che apre la ristorazione...
Lulu Stanco 3 mesi fa su fb
È una cosa inverosimile...per andare quanto tempo? Una faticata per niente
Ivan Scara 3 mesi fa su fb
Però va bene se si ritrovano al campetto di calcio, va bene se si ritrovano nelle strade, va bene se si ritrovano nei piazzali delle scuole!!!!!!
Romina Nazzaruolo 3 mesi fa su fb
Ivan Scara soliti commenti, penso che chi è ansioso e contrario alla scuola non li manda di certo al campetto in 50. Saranno i figli di quelli che li vogliono mandare pur di toglierseli di torno 😅😂
Elena Ele 3 mesi fa su fb
Ivan Scara pero se non si ritrovano da nessuna parte perché stanno a casa non che ben?! Nn mettiamo tt insieme a poi anche se fosse che uno va a sgranchire le gambe alle 16:30 del pomeriggio non è vietato
Debby Gianinazzi 3 mesi fa su fb
👏👏👏👏👏
Ivan Scara 3 mesi fa su fb
Però è quello che succede!!! Poi chiaro, ognuno ha la sua opinione!! Io ho la figlia che è ben felice di tornare a scuola; da un lato per ritrovare i compagni e dall’altra xchè stufa di fare “scuola da casa”. Sarà che cerco di vedere le cose dal lato positivo ma, in ogni caso, sono stufo di tutto questo polemizzare!!
Milano Milano 3 mesi fa su fb
Romina Nazzaruolo non è una questione d’essere ansiosi ma d’avere buon senso
Desi Gabrielli 3 mesi fa su fb
Ivan Scara purtroppo ne ho visti...sta ai genitori...non so cosa sia giusto o no....
Anna Rota-Biadici 3 mesi fa su fb
Ivan Scara esatto, e a queste persone andrà anche bene andare a mangiare la pizza, in gelateria, al Mc, ai negozi di vestiti, ecc ecc...
Giusy Bernardi 3 mesi fa su fb
Ivan Scara non certo i miei!! Al max in giardino 👍👍
Kristina Iyrii 3 mesi fa su fb
Altro che preoccupata 😠 non esiste proprio, decido io per mia figlia se andare o no.Aprire ok ma bisogna togliere l'obbligo e cacciare quel pagliaccio bertoli !!!!!!
Christina Corini 3 mesi fa su fb
Kristina Iyrii idem a Ginevra !
Sheryl Cataldo 3 mesi fa su fb
Christina Corini guarda hanno detto che lo scopo non è tanto la didattica quanto il ritrovarsi discutere sulla situazione e sensibilizzare sulle norme di igiene ecc. È un po' quello di fare una chiusura e esprimere un pochino le varie emozioni e condividerle.
Giancarlo Giovanettina 3 mesi fa su fb
Se decidi di mandare i tuoi figli a scuola perché non vedono l'ora di rivedere i loro amici e tu e la tua famiglia siete in salute, ti capisco. Se invece decidi, di tenerli a casa perché li senti a rischio, ti capisco comunque. Se devi uscire tutti i giorni a lavorare perché la tua situazione finanziaria non ti permette di vivere, ti capisco. Se invece vuoi stare a casa perché hai un “cuscino finanziario” e sei in grado di vivere diversi mesi senza lavorare, ti capisco comunque. Se riapri la tua attività commerciale per cercare di evitare il fallimento, ti capisco. Se preferisci stare a casa, ti capisco comunque. Capisco che tutti abbiamo opinioni / visioni / reazioni diverse a questa crisi. Quello che ho difficoltà a capire è perché tanta rabbia e tanto odio. La maggior parte dei post che ho visto in questi giorni erano pieni di violenza e cattiveria gratuita rivolti a persone che non condividevano la stessa opinione, questo deve finire. Dov'è il rispetto? Impegniamoci insieme a metterci un po’ più spesso nei panni degli altri. Copia e incolla in grande numero per condividere il rispetto. (L’unico a cui aderisco!)
Christina Corini 3 mesi fa su fb
Sheryl Cataldo grazie 😀 lunedì mi chiama la maestra veddiamo grazie
Miriam Newbern Benetti 3 mesi fa su fb
Kristina Iyrii esatto! Sono con te!!!
Senad Besida Maslic 3 mesi fa su fb
Certo che siamo preoccupati.
Francesco Ceraudo 3 mesi fa su fb
Io mia figlia non la mando di sicuro... perché rischiare? A settembre le cose magari vanno meglio, anche x la protezione di bambini e docenti si possono provare più cose x garantire la sicurezza... in Italia stanno provando x settembre nelle aule come sistemarsi e con varie protezioni...
Muriel Rovelli 3 mesi fa su fb
E due genitori su tre porteranno i bambini in vari centri commerciali appena riaperti ...
Tania Bomio 3 mesi fa su fb
Muriel Rovelli chissà quanti di loro che reclamano per la scuola come aprono i ristoranti saranno i primi clienti 🙈poi sbaglierò ma i bimbi si sono già attaccati il tutto a dicembre gennaio febbraio quando le classi erano dimezzate 😉
Francesco Ceraudo 3 mesi fa su fb
Muriel Rovelli Io non di sicuro non lo abbiamo fatto e non lo faremo... questa è una cosa seria non voglio pentirmi x tutta la vita x una uscita....
Sabrina Fonseca 3 mesi fa su fb
Muriel Rovelli esattoo mio stesso pensiero
Muriel Rovelli 3 mesi fa su fb
Francesco Ceraudo e fai bene . Ma sono sicura che sarai un eccezione
Paola Confortini 3 mesi fa su fb
Io non li portavo nemmeno prima
Anouk Berger 3 mesi fa su fb
Ho 3 figli ..quando hanno chiuso quasi tutto..hanno chiuso öe scuole..ed era giusto adesso aprono tutto ..io ho aperto ia mia attività..con le regole che dobbiamo seguire da una settimana..mio marito ha sempre lavorato visto che lavora nella sanità..per me anche le scuole vanno aperte con regole..o diversamente,,iniziare è impprtantet per tutti,..per non ammalarsi di altre cose..poi non vorrei che quello che sono contro l apertura delle scuole sono quelli che vogliono la riapertura delle dogane per andare fare la spesa in Italia..!!
Laura DC 3 mesi fa su fb
Muriel concordo... voglio vedere quest’estate quanti di questi bambini saranno chiusi in casa.....
Muriel Rovelli 3 mesi fa su fb
Anouk Berger certo che sono gli stessi 😊
Moser Nathalie 3 mesi fa su fb
Vabbè ora non basiamoci sugli stolti, sempre esistiti Giuro che son contro apertura scuola com'ero contro carnevale e com'ero pro Lockdown Non esco e non cambio idea! Al momento per me è "osserva e valuta" Sono a rischio , non ho alcuna intenzione di rischiare ne la mia ne la salute di altri
Paola Privitera 3 mesi fa su fb
Evelyne Bitterli concordo ... anche noi chiusi in casa da 55 gg e non ho nessuna intenzione di uscire nemmeno dall’11 maggio ... purtroppo in troppi non la pensano come noi
Francesco Ceraudo 3 mesi fa su fb
Anouk Berger Chi ci dice che le regole stabilite sono giuste? Visto che è una cosa nuova? Io non voglio fare la cavia da laboratorio... che si studia fino a settembre un sistema abbastanza sicuro x bambini e docenti.... perché tutta questa fretta.... prima di tutto il diritto alla salute dopo arriva il resto....
Evelyne Bitterli 3 mesi fa su fb
Paola Privitera, quelli che andranno in giro sono quelli che hanno preso sotto gamba le misure di sicurezza e mandavano i figli in giro. Chi è veramente preoccupato non va in giro, sta a casa come abbiamo fatto noi😊 kmq sono convinta che i contagi aumenteranno, ieri sono uscita per andare a fare la spesa e mi sono spaventata di come la gente ha abbassato la guardia 😱.
Paola Privitera 3 mesi fa su fb
Evelyne Bitterli lo penso anche io ... e io non esco nemmeno a fare la spesa, perché ho troppa paura
Anouk Berger 3 mesi fa su fb
Francesco Ceraudo rispetto chi la pensa diversamente..ma io penso che sia altrettanto importante riprendere una vita,con il corona virus purtroppo..per non ammalarsi di altre patologie,sopratutto che tutto sta riaprendo e la gente ricomincia a muoversi e parecchio..e io credo che ci saranno di sicuro più regole a scuola che per öe strade..come pensate fare quest' estate..con o figlit utti a casa?ne dubito..e purtroppo tanti genitori che chiedono di non aprire le scuole..sono i primi a trasgredire le regole dove conviene a loro....
Evelyne Bitterli 3 mesi fa su fb
Paola Privitera, ti capisco, di solito esco una volta alla settimana, ma dopo ieri sinceramente ho paura. La gente in gira senza mascherina che ti si appiccica per prendere le cose sugli scaffali 😱. Calcola che era circa 10 giorni che non uscivo e ho notato una differenza enorme nel comportamento della gente😢 tra ieri e 10 giorni fa!
Paola Privitera 3 mesi fa su fb
Evelyne Bitterli per colpa di questi che noi staremo in casa ancora di più 😡
Francesco Ceraudo 3 mesi fa su fb
Anouk Berger Chi non le rispetta e incosciente, parlo x me ho già annullato le vacanze estive meno usciamo è meglio e, in tutta Europa stanno studiando x settembre come mettere in sicurezza bambini e docenti speriamo che succede anche qua...in ogni caso voglio evitare ogni tipo di rischio e x me la scuola adesso è un rischio...poi rispetto i pensieri di tutti....
Francesco Ceraudo 3 mesi fa su fb
Evelyne Bitterli Si lo notato anche io se salgono ancora i contagi siamo nella M....anche la scuola è un rischio.... non so come fanno a dormire la notte questi che decidono senza aver chiesto il parere di genitori e docenti....
Anouk Berger 3 mesi fa su fb
E allora chiudiamo tutto ma tutto e tutti..
Muriel Rovelli 3 mesi fa su fb
Francesco Ceraudo vedendo la gente in giro oggi dalle nostri parti (alto malcantone) direi che la scuola è il male minore
Anouk Berger 3 mesi fa su fb
Evelyne Bitterli io ne ho visto di tutti i colori anche quelli che facevano video sé vedevano 3 ragazzi in giro ma erano anche quelli a chiamarmi durante la quarantena sepotevo andare fare i capelli a domicilio (sono parrucchieria..😅 chiaramente cosa che non ho fatto . Qui meglio precisare..o quelle mamme che mi chiedono di firmare per la non apertura delle scuole e da quando ho riaperto il mio salone vengono dal parrucchiere con i figli..quanta coerenza ho sentito e visto..interessante l essere umano...
Milano Milano 3 mesi fa su fb
Muriel Rovelli ma davvero non riuscite a capire la differenza tra fare un giro al centro commerciale e stare a scuola?
Muriel Rovelli 3 mesi fa su fb
Milano Milano si si certo che la capisco:: la scuola è più sicura
Evelyne Bitterli 3 mesi fa su fb
Francesco Ceraudo appunto è questo il punto, la decisione è stata presa senza tenere conto dei pareri dei diretti interessati. Poi il DECS ha dettato un sacco di regole che in così poco tempo non possono essere messe in atto!inoltre uno dei scopi principali della riapertura era anche l'accudimento, ma visto che andranno 2 giorni alla settimana, il problema rimane!
Alice Battisti Sargenti 3 mesi fa su fb
Muriel Rovelli siamo più di un eccezione...
Muriel Rovelli 3 mesi fa su fb
Alice Battisti Sargenti una su tre 😉
Alice Battisti Sargenti 3 mesi fa su fb
Evelyne Bitterli concordo in pieno !
Muriel Rovelli 3 mesi fa su fb
Alice Battisti Sargenti comunque capisco benissimo le vostre motivazioni e i dubbi . Ma quello che posso osservare è che manca, nella maggior parte dei casi, la coerenza
Alice Battisti Sargenti 3 mesi fa su fb
Muriel Rovelli purtroppo è vero ci sono molte persone poco coerenti... io non rientro in queste e sentire sempre generalizzare infastidisce!
Alice Battisti Sargenti 3 mesi fa su fb
Muriel Rovelli hai ragione purtroppo manca in tanti
Evelyne Bitterli 3 mesi fa su fb
Alice Battisti Sargenti appunto, noi siamo rimasti a casa, esco solo io una volta alla settimana per fare la spesa. Perciò la mia decisone di non voler mandare i figli a scuola è in linea con quello che ho fatto finora. E finché sarà necessario limiterò le uscite al massimo😊
Muriel Rovelli 3 mesi fa su fb
Evelyne Bitterli e se dovesse andare avanti un anno per esempio ?
Anthina Agostini 3 mesi fa su fb
Anouk Berger 👌👏
Anthina Agostini 3 mesi fa su fb
Tania Bomio quelle che alle 11.30 corrono a casa a preparare il pranzo 😂
Evelyne Bitterli 3 mesi fa su fb
Muriel Rovelli, visto che sono a casa limiterò le uscite. Abbiamo la fortuna di avere un terrazzo di 150 m2. Perciò come finora planifico attività ricreative e metterò una piscinetta per l'estate come l'anno scorso. E a settembre manderò i miei figli a scuola. Scuola che sarà pronta ad affrontare il ritorno degli allievi in sicurezza. Penso che per almeno 2 anni dovremo essere prudenti ed evitare tutto ciò che non è indispensabile. Già prima non ero una che andava al bar, ristorante, cinema, e frequentavo poco i negozi perciò continuerò a farlo😉 Ormai faccio parte di quelli che non fanno girare l'economia😂
Muriel Rovelli 3 mesi fa su fb
Evelyne Bitterli ma non pensa che per i bambini sia un periodo molto lungo senza contatti sociali ?
Tania Bomio 3 mesi fa su fb
Evelyne Bitterli purtroppo non tutte le famiglie hanno la fortuna di avere la terrazza di 150 mq
Evelyne Bitterli 3 mesi fa su fb
Muriel Rovelli hanno contatto sociale, hanno ripreso ad andare dal papà, e vedono i cugini. Kmq d'estate durante le vacanze non è che vedono spesso gli amici. Il mio grande fa gli anni ad agosto e ho deciso di non organizzare più la festa con gli amici, perché non arriva quasi nessuno. E kmq un mese in più senza vedere i compagni non cambia nulla, per il momento non ne soffrono. Però a settembre è un altro discorso, credo sia importante riprendere la scuola anche per i contatti sociali. Ma almeno a settembre sarò tranquilla di mandarli perché ho fiducia nella scuola e so che metteranno tutto in regola per la riapertura. Mentre adesso se devo mandarli con l'angoscia loro lo risentono e non credo che sia il massimo.
Evelyne Bitterli 3 mesi fa su fb
Tania Bomio, beh questo è vero, continuo a dire che siamo super fortunati. Kmq un minimo di contatti sociali ci sono, vanno dal papà e vedono i cugini, inoltre fanno le video chiamate con i compagni e la maestra. È vero che non è la stessa cosa, però hanno capito benissimo la situazione e si divertono e per il momento non ne soffrono. Però è vero che questa situazione non può durare in eterno. A settembre devono riprendere la scuola è importante, ma sarà tutto diverso, avranno il tempo di organizzare tutto a regola d'arte. E kmq 12 giorni in più o in meno non è che fa questa grande differenza. Sarà più uno stress per noi genitori e una preoccupazione rimandarli a scuola adesso ed i nostri figli lo risentiranno. Dunque vedo pochi aspetti positivi e vantaggi in questa riapertura affrettata.
Ne Ssuno 3 mesi fa su fb
Tania Bomio magari potesse essere così, ma fosse così avremmo avuto l'emergenza già in quei mesi
Wunder-Baum 3 mesi fa su tio
Pienamente d'accordo con lei.
Ombretta Magliani 3 mesi fa su fb
E hanno ragione, le scuole è meglio non riaprirle ora.
Tania Bomio 3 mesi fa su fb
Ombretta Magliani parlo in generale le scuole no , i ristoranti parrucchieri estetiste si e poi si vedono famiglie intere a far spesa
Ombretta Magliani 3 mesi fa su fb
Tania Bomio Ma secondo me hanno sbagliato a concedere l' apertura di questi esercizi, in Italia saranno gli ultimi ad aprire. E per le famiglie le do' ragione, purtroppo dipende dalla coscienza di ognuno di noi.
Alessandro Forte 3 mesi fa su fb
A mio parere per così poco tempo effettivo di scuola si poteva evitare di riaprire e verificare prima più gradualmente come andavano le altre riaperture... stiamo rischiando grosso ... speriamo bene
Dafina Dinnocenzo Pjetërnikaj 3 mesi fa su fb
Alessandro Forte a casa li stanno bombardando di compiti poverini...hanno dimenticato cosa è un giorno di riposo...e a scuola non e tutto sicuro..speriamo bene 👋👋
Alessandro Forte 3 mesi fa su fb
Dafina Dinnocenzo Pjetërnikaj 👋🏻vero ... speriamo 🤞
Cerasela Di Giacomo 3 mesi fa su fb
Dafina Dinnocenzo Pjetërnikaj hai veramente ragione...sono esauriti
Desi Gabrielli 3 mesi fa su fb
Dafina Dinnocenzo Pjetërnikaj bombardando non direi ...almeno i miei....il giusto...
Dafina Dinnocenzo Pjetërnikaj 3 mesi fa su fb
Desi Gabrielli scuola media?tutti i corsi attitudinali??senza essere spiegato praticamente nulla da due mesi??non direi proprio
Desi Gabrielli 3 mesi fa su fb
Dafina Dinnocenzo Pjetërnikaj azz.....non avete reclamato?
Dafina Dinnocenzo Pjetërnikaj 3 mesi fa su fb
Desi Gabrielli da chi??🙈🙈
Desi Gabrielli 3 mesi fa su fb
Dafina Dinnocenzo Pjetërnikaj scrivere in fb non serve a nulla, dovevate scriver al direttore- direttrice....
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-14 23:05:58 | 91.208.130.87