Keystone
Per Coira, non si chiude (foto d'archivio)
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
2 ore
Un "corridoio vasariano" a luci rosse tra Iceberg e Moulin Rouge
Progetto di passerella per unire i due locali erotici in un solo postribolo da 60 stanze
CANTONE
2 ore
Valle di Blenio senza radar, Luganese sotto stretta sorveglianza
La prossima settimana nessun radar mobile in Valle di Blenio. Nel Luganese possibili controlli in ben 23 località.
CUGNASCO-GERRA
4 ore
Insieme all’autunno arrivano sempre le castagne
Gli organizzatori invitano tutti per sabato 25 settembre, vi aspetteranno musica, divertimento e tante caldarroste.
CANTONE
5 ore
Nella Valle del Sole baciati dal sole
Dopo un anno di pausa, si è svolta ieri la Giornata cantonale dei Sentieri.
CADENAZZO
5 ore
Due anni di lavori per 7 km di strada: «È inevitabile»
La strada cantonale tra Cadenazzo e lo svincolo di Rivera avrà un cantiere per 24 mesi.
VERZASCA
5 ore
Chiusa per una notte parte della cantonale Gordola-Sonogno
La strada in zona Lavertezzo chiesa sarà chiusa da giovedì 30 settembre alle 20 al primo ottobre alle 5.30.
MENDRISIO
6 ore
Maltempo in arrivo: domenica il treno del Generoso si ferma
Per questioni di sicurezza, i convogli non circoleranno e il Fiore di pietra resterà chiuso
FOTO
LOCARNO
8 ore
Pompieri in via Bustelli, incendio in una lavanderia
La strada è stata chiusa. Sul posto sono accorsi i pompieri, un'ambulanza e alcuni agenti di polizia
CANTONE
8 ore
Entrata in Svizzera: ecco il modulo per notificare il secondo test
Dallo scorso 20 settembre all'ingresso nel nostro paese per i non vaccinati vale la regola del doppio test
FOTO
CANTONE
9 ore
In trecento per “Ti ho raccolto”
La scorsa domenica l'evento ha avuto successo nonostante la pioggia
CANTONE
9 ore
Altri 15 contagi in Ticino
Le strutture sanitarie accolgono 19 pazienti con sintomi gravi della malattia. Sei si trovano in cure intense.
CASLANO
10 ore
Una giornata per (ri)pulire Caslano
L'evento "Verde Pulito" si terrà nella giornata di domani sul lungolago della località malcantonese.
CANTONE
10 ore
Vaccinazione: un weekend dedicato agli adolescenti
Il primo fine settimana di ottobre verranno riaperti quattro centri cantonali.
GRIGIONI
28.03.2020 - 00:070

Cantieri ancora aperti nel Moesano: «Ora basta, governo grigionese!»

Per Nicoletta Noi-Togni, è il «paradosso di essere praticamente ticinesi»: «Dovremo interrogarci e fare una scelta».

SAN VITTORE - Dopo che, in giornata, il Consiglio federale ha aperto uno spiraglio, per i Cantoni, per adottare in casi eccezionali misure per la lotta al nuovo coronavirus che vadano oltre quanto disposto da Berna (un riferimento, questo, ad alcun decisioni del Ticino), Nicoletta Noi-Togni torna alla carica per chiedere a Coira che si chiudano i cantieri anche nel Moesano come già deciso per il nostro cantone.

«Oggi Berna vi ha messo una soluzione su di un piatto d’argento», lamenta la sindaca di San Vittore (GR) e granconsigliera grigionese in una "Lettera aperta alla popolazione e ai media" (sotto il testo completo) in cui si rivolge con malcelata esasperazione al Consiglio di Stato retico. «Con una “finestra” giuridica che vi avrebbe permesso di equiparare il Moesano al Ticino nella lotta al Coronvirus. Cosa avete risposto? Avete risposto no», aggiunge. 

Ed è in particolare la motivazione di quel "no" a lasciare Noi-Togni basita: «Cosa devo pensare di tutto ciò? Che ancora non sapete che le urgenze sanitarie, e non solo le urgenze, del Moesano devono venir accolte dal Ticino perché altrimenti ne andrebbe della vita della gente della nostra regione?», si chiede. Al Ticino i Grigioni dovrebbero guardare come a un esempio nel contrasto alla diffusione del coronavirus: «Non importa niente a Coira che il Ticino stia facendo di tutto per evitare il maggior numero possibile di contagi, mentre il Moesano, per volontà del suo Governo, non lo può fare?», scrive la sindaca di San Vittore.

«Ancora una volta il paradosso di essere regione praticamente ticinese ma di non esserlo politicamente», continua, accusando il governo retico di «sordità e testardaggine» per quanto riguarda le peculiarità delle vallate italofone che compongono il distretto. E aggiunge una considerazione sibillina: «Il Moesano dovrà interrogarsi su tutto ciò e magari finalmente prendere una decisione».

E conclude: «A questo punto, il potere legislativo che ha la sorveglianza sul potere esecutivo del Governo, dovrebbe insorgere. Io lo sto facendo».

Lettera aperta alla popolazione e ai media

Cio’ che dico al Governo grigionese dopo le affermazioni di Berna e di Coira.

Adesso però basta Governo grigionese!! Oggi Berna vi ha messo una soluzione su di un piatto d’argento. Con una “finestra” giuridica che vi avrebbe permesso di equiparare il Moesano al Ticino nella lotta al Coronvirus. Cosa avete risposto? Avete risposto no, che non è necessario perché le strutture sanitarie grigionesi coprono il fabbisogno originato dall’epidemia Coronavirus e che il Moesano resta nella situazione attuale. Cosa devo pensare di tutto ciò? Che ancora non sapete che le urgenze sanitarie – e non solo le urgenze – del Moesano devono venir accolte dal Ticino perché altrimenti ne andrebbe della vita della gente della nostra regione? Deve forse chi sta male venire a Coira con dispendio di tempo che può essere prezioso e di personale già al limite della fatica? Quale logica, quale buon senso, quale sentimento in tutto ciò? Non importa niente a Coira che il Ticino stia facendo di tutto per evitare il maggior numero possibile di contagi, mentre il Moesano, per volontà del suo Governo, non lo può fare? La possibilità è oggi data da Berna. Con una simile disposizione noi potremmo far chiudere, con buona coscienza, ciò che va chiuso, senza penalizzare ditte e imprese. A questo punto non lo possiamo fare. Ancora una volta il paradosso di essere regione praticamente ticinese ma di non esserlo politicamente. Da tantissimi anni conviviamo con questa situazione che tutto richiede men che sordità e testardaggine da parte del Governo. Che le dimostri ora, a fronte di una calamità sanitaria di simile portata, è inconcepibile. Dove è andata a finire l’arte politica del compromesso e l’attitudine di solidarietà tra regioni e cantoni, lo stesso spirito confederale? Il Moesano dovrà interrogarsi su tutto ciò e magari finalmente prendere una decisione. Non far succedere tutto ciò sarebbe stato semplice: equiparando il Moesano al Ticino in uno stato di grave necessità, di emergenza sanitaria nella lotta al Coronavirus. L’ho chiesto come sindaca e deputata in Gran Consiglio subito, più di un mese fa. Constato che le visite in loco hanno portato solo al contrario di ciò che avrebbe dovuto essere. A questo punto, il potere legislativo che ha la sorveglianza sul potere esecutivo del Governo, dovrebbe insorgere. Io lo sto facendo.

Nicoletta Noi-Togni

Keystone
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-24 20:11:40 | 91.208.130.86