TIO/20M/GIORDANO
Il regista Giona Pellegrini con la giornalista Roberta Nicolò
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
In Ticino è come se fosse morto un piccolo paese
Il Covid ha creato un "buco" nelle statistiche demografiche: 857 decessi in più in un anno.
BELLINZONA
1 ora
Altra lite tra giovani, un ragazzo finisce in ospedale
Spunta anche una mazza. L'accusa principale ipotizzata sarebbe quella di tentato omicidio
CANTONE
2 ore
Anche oggi non si parla di “ecomafia”
Ancora "rimandata" l'interpellanza di Pronzini sui presunti inquinamenti a opera della Silo & Beton Melezza SA
CANTONE
3 ore
«Aprire le terrazze? Creerebbe tensioni»
Massimo Suter deluso dalla decisione del Consiglio Federale. E anche dalla prospettiva di una riapertura "a metà"
CANTONE
4 ore
Affitti abusivi: «Il Parlamento ha perso un'occasione»
L'ASI punta il dito contro il Granconsiglio, dopo la bocciatura dell'iniziativa popolare. E guarda alle urne
CONFINE
4 ore
Vaccinazione di massa a Viggiù: «Prima i frontalieri»
L'intera popolazione del Comune, che dal 16 febbraio si trova in zona rossa, sarà sottoposta al vaccino anti-Covid.
CANTONE
5 ore
«Non vogliamo una Pasqua come quella del 2020»
Norman Gobbi, presidente del Consiglio di Stato ticinese, ospite di Piazza Ticino. Guarda il video.
CANTONE
5 ore
100'000 franchi dal Cantone per gli ex dipendenti dell'aeroporto
Il Gran Consiglio ha votato il contributo a fondo perso che sarà gestito dalla Città per allestire il piano sociale
CANTONE
5 ore
Già più di mille over-75 hanno riservato la vaccinazione
Partenza razzo per la procedura d'iscrizione online lanciata ieri e valida per il nuovo centro cantonale di Giubiasco.
CANTONE
6 ore
Berna ha deciso: la reazione di Norman Gobbi
Il presidente del Consiglio di Stato ticinese ora live su piazzaticino.ch. Guarda la diretta video.
CANTONE
6 ore
Decreto d'abbandono nei confronti di don Chiappini
Si chiude così l'indagine attorno alla vicenda della donna che viveva nell'abitazione del prete luganese
CANTONE
7 ore
La pernice bianca è salva
Il Gran Consiglio ha dato sostegno all'iniziativa che chiedeva di vietarne la caccia in Ticino
MENDRISIO
7 ore
Processioni storiche: verso un’edizione speciale
L’edizione 2021 avrà uno svolgimento inedito, pensato per rispettare la delicata situazione pandemica.
CANTONE
9 ore
Lotta alla pandemia, i deputati ticinesi appoggiano il Consiglio di Stato
Si è tenuta oggi la consueta riunione fra la Deputazione ticinese alle Camere e il Governo cantonale.
BODIO
10 ore
La Posta si sposta... in farmacia
Anche a Bodio il gigante giallo "trasloca" nel settore sanitario
LUGANO
03.03.2020 - 06:060
Aggiornamento : 08:40

Bimba abusata a 5 anni: ora è un film

“Non sono più cappuccetto rosso”, la struggente storia della giornalista ticinese Roberta Nicolò approda al cinema

La terribile vicenda, dopo essere approdata in libreria nel 2015, prende adesso la forma di un cortometraggio dal forte impatto. La regia è di Giona Pellegrini.

LUGANO - Abusata all’età di cinque anni da un imbianchino che lavorava nella casa di una vicina. È la storia della giornalista ticinese Roberta Nicolò, classe 1972. Una vicenda terribile che dopo essere approdata in libreria nel 2015 (“Non sono cappuccetto rosso”), oggi è diventata un film. La stessa Roberta Nicolò racconta come vede, da diretta interessata, il cortometraggio “Non sono più cappuccetto rosso”.   

Dopo avere pubblicato la sua storia in un libro, ora l'ha trasformata in un film. Perché?
«Perché dopo l’uscita del racconto molte persone, altre vittime, mi hanno contattata condividendo le loro emozioni. Tanta condivisione mi ha profondamente commossa. Da allora porto la mia esperienza dove serve, contribuendo attivamente alla sensibilizzazione e alla promozione della prevenzione».

Il film rappresenta dunque un passo ulteriore nell’ambito di questa sensibilizzazione?
«Mi sono chiesta come potere lanciare un piccolo segnale di speranza e arrivare anche a chi, magari, non preferisce la lettura. Amo il cinema e la risposta è stata naturale: farne un film. Il cinema ha un linguaggio diretto e potente. È un mezzo di comunicazione universale che parla davvero a tutti. Ho chiamato il regista Alberto Meroni che ha subito risposto con entusiasmo e mi ha proposto di lavorare con il giovane regista Giona Pellegrini».

La pellicola si chiude con un palloncino rosa che vola via, nel cielo. Che significato attribuisce a questa scena?
«La scena di chiusura rappresenta il trauma che si fa leggero e vola via. È il simbolo della libertà che raggiungi attraverso la terapia. La psicoterapia è un percorso che aiuta a comprendere le ragioni profonde del tuo malessere. Ti accompagna e ti sostiene dandoti la forza per affrontare i traumi e i dolori della tua vita».

Quale è stata la sua esperienza a tal proposito?
«Affrontando la rabbia, la frustrazione, il dolore acquisisci gli strumenti che ti permettono di lasciare andare. Di liberarti del peso che ti stai portando dentro. Un peso che solo tu puoi levarti di dosso. Il fardello si fa quindi leggero e tu puoi affrontare la vita con uno spirito nuovo».

Ci sono anche tanti silenzi. Devastanti. 
«Il silenzio sottolinea il fatto che le parole, soprattutto le parole della sofferenza, hanno un significato intimo e molto personale. Che hanno un valore profondissimo. La loro assenza, nel film, fa sì che sia lo spettatore a dover mettere le parole. A dover prestare attenzione agli sguardi, ai gesti. Quell’attenzione che non è sempre facile avere nella vita di tutti i giorni. Questo crea un impatto forte». 

Qual è la scena che più l’ha colpita?
Difficile dire quale scena preferisco, perché ogni scena è un pezzetto di me. Ma forse, quella in cui la protagonista entra nell’ascensore, trovando la forza di affrontare il suo passato, è la più significativa. Rappresenta l’istante preciso nel quale per lei si apre la possibilità di una vita del tutto nuova.  

I casi dichiarati di pedofilia in Svizzera sembrano essere sempre di più. Qual è la sua sensazione ogni volta che ne sente parlare? 
«Dice bene. Sembrano. Oggi, per fortuna, se ne parla di più, si fa prevenzione, e questo fa sì che un abuso possa essere scoperto e denunciato con maggiore facilità rispetto al passato. Così emergono più casi e questo è un bene. Ma ancora tanto c’è da fare. Ogni nuovo caso fa male e dimostra, una volta di più, quanto la prevenzione sia importante e vada incrementata e sostenuta. Anche in questo caso le parole hanno un grande peso, occorre ricordare che quando si parla di abuso su minore ci si muove su un terreno delicatissimo». 

Oggi come sta Roberta Nicolò? 
«È da chiarire che né il libro, né il film sono strumenti per superare il trauma. Il trauma l’ho superato più di dieci anni fa con la psicoterapia. È molto importante capire questo perché sennò si rischia di dare un’informazione sbagliata. Dopo la fine della terapia, sono passati diversi anni prima che scrivessi “Non sono cappuccetto rosso”. Espormi pubblicamente non ha cambiato nulla dal punto di vista terapeutico. La soluzione dei problemi è arrivata con il lavoro intenso fatto con la mia psicologa». 

Quindi?
«Io sto bene, sono serena e soprattutto abbastanza forte per mettere la mia esperienza a servizio della prevenzione. Il libro e il film rappresentano solo un contributo per sensibilizzare il pubblico sul tema e offrire un sostegno a chi, con professionalità e competenza, si occupa di prevenzione e di accompagnamento alle vittime. E non da ultimo di prevenzione rivolta ai possibili abusanti. È a loro che ci si rivolge in caso di bisogno. Ognuno fa il suo mestiere. Io lavoro nella comunicazione, e quindi uso questa competenza per portare l’attenzione sul tema. Ma sono i professionisti coloro ai quali dobbiamo affidarci per affrontare i nodi della nostra vita. Senza la terapia non sarei qui a raccontare la mia storia».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-02-24 22:15:44 | 91.208.130.87