Immobili
Veicoli
foto MSF
Brigitte in missione in un villaggio Naga
+2
ULTIME NOTIZIE Ticino
FOTO
CANTONE
9 ore
A 2'500 metri, meno neve del solito
L'inverno con le vette bianche si fa ancora attendere. Fino a metà febbraio non sono, per ora, previste precipitazioni
BELLINZONA
13 ore
Grande Bellinzona: ecco tre nuove commissioni di quartiere
Gli interessati a far parte di questi organi di rappresentanza potranno candidarsi già dalla prossima settimana.
PURA / CASLANO
16 ore
Scontro tra più auto: due feriti, di cui uno grave
È successo questa mattina poco prima delle 11 in via Colombera a Pura
CANTONE
19 ore
In Ticino aumentano i ricoverati e c'è un nuovo decesso
Salgono i pazienti Covid ospedalizzati a causa del virus, ora 163, di cui 17 in cure intense.
LOCARNO
1 gior
Un 31 gennaio insolitamente silenzioso in Città Vecchia
Anche quest'anno gli organizzatori di Bandir Gennaio hanno gettato la spugna.
CANTONE
1 gior
1348 nuovi positivi e un decesso in Ticino
Sono 158 i pazienti ricoverati, 16 dei quali si trovano in cure intense
AIROLO
2 gior
Sorpasso nel tunnel del San Gottardo, automobilista condannato
Un cittadino degli Emirati Arabi è stato sanzionato per la manovra compiuta lo scorso 24 novembre
LUGANO
2 gior
Davide Enderlin a processo
L'ex consigliere comunale luganese è stato rinviato a giudizio e dovrà rispondere di illeciti per oltre 3 milioni
ARBEDO-CASTIONE
2 gior
Il Motel Castione affonda schiacciato dall'Iva
Negli scorsi giorni la società ha depositato i bilanci, oggi lo stop intimato dal Cantone
CANTONE
2 gior
Cardiocentro nell'EOC: «È stato un primo anno positivo»
L'integrazione è pienamente riuscita e da quest'anno la cardiologia dell'Ente sarà gestita totalmente dal Cardiocentro.
CANTONE
2 gior
Ecco i prossimi radar, molti nel Luganese
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 24 al 30 gennaio
CANTONE
2 gior
Mancata riscossione dell'IVA: «Non devono essere i conducenti a risarcirla»
L'invio di un complemento di fattura dopo circa cinque anni ha fatto storcere il naso a molti.
FOTO
LUGANO
2 gior
«Ringrazio tutto il personale sanitario»
Il presidente della Confederazione ha parlato con i medici e gli infermieri in prima linea nella lotta al Covid-19.
CANTONE
2 gior
«Bene gli applausi agli infermieri, ma diamogli anche 6'000 franchi»
L'MPS ha presentato una serie di emendamenti al Preventivo 2022 focalizzati su sanità, dumping e disoccupazione
LOCARNO
2 gior
Kursaal firma con un nuovo gestore. «Ma noi siamo ancora interessati»
Il Gruppo ACE, che attualmente gestisce la casa da gioco, non nasconde il proprio stupore: «Non sapevamo nulla»
CANTONE
2 gior
Rinnovato il CCL dell'Autolinea Mendrisiense
Si tratta di un contratto collettivo «solido e garante di buone condizioni di lavoro», sottolineano i sindacati.
MENDRISIO/NAYPYIDAW
26.12.2019 - 19:580
Aggiornamento : 22:54

«Il mio Natale in mezzo alla giungla»

La 28enne ticinese Brigitte Rajendram sta vivendo un'avventura d'altri tempi nella foresta birmana, assieme a Medici Senza Frontiere. Il racconto

MENDRISIO/NAYPYIDAW - Brigitte dorme vicino al fuoco, per terra. Si lava a una sorgente d'acqua nella foresta. Viaggia su una motocicletta Yamaha tra i monti scoscesi del Naga, in Birmania, per raggiungere villaggi sperduti a 4-5 ore l'uno dall'altro. Il sentiero è una gincana, a volte per traversare un fiume bisogna caricare la Yamaha su una zattera. Ma a lei piace da matti.


foto MSF
Il viaggio difficoltoso per i sentieri montani

«Non rimpiango le comodità della vita in Svizzera» dice, collegandosi via Skype con Tio/20minuti a 8mila km di distanza. La giovane 28enne momò è partita a settembre in missione con Medici senza frontiere (MSF), e tornerà in Ticino a febbraio. Un viaggio iniziato anni fa, che l'ha portata dal liceo di Mendrisio allo Sri-Lanka, terra d'origine dei genitori. Poi a Ginevra a lavorare per MSF. Infine in Birmania come promotrice sanitaria, in una delle regioni più selvagge del paese.


foto MSF
Brigitte e un membro dello staff di MSF, pronti a partire per la giungla

«Qui sembra di essere in un'altra epoca, le tribù conducono uno stile di vita ancestrale, i paesaggi sono autentici e incontaminati» racconta. La missione non è delle più comode. La Birmania è funestata dal 2016 dai conflitti etnici - la crisi dei rifugiati Rohingya - e anche se nella regione di Naga non ci sono scontri, le condizioni di vita sono al limite. «Le comunità in questi villaggi remoti abitano in capanne di bambù, vivono di caccia e agricoltura di sussistenza» descrive Brigitte. «La scarsa ventilazione nelle abitazioni, il difficile accesso all’acqua potabile e le conseguenti condizioni igieniche, causano diverse malattie». 


foto MSF
«La nostra attività consiste nel sensibilizzare ed educare»

 

I dottori di Medici senza frontiere sono arrivati qui tre anni fa. Dalla loro base a Lahe, un paesino a 1000 metri di altitudine, fanno spedizioni sanitarie in 15 villaggi arroccati nella foresta. «Tubercolosi, bronco-pneumopatia cronica ostruttiva, problemi dermatologici sono le malattie più osservate» spiega Brigitte, che coordina le azioni di sensibilizzazione alla popolazione locale. 

«Il mio compito è informare le comunità sui sintomi delle malattie e le possibili cure, motivarli a scegliere uno stile di vita sano e consapevole, cercando di modificare certe abitudini rischiose per la loro salute». Non solo. Msf nella regione di Naga sta creando veri e propri presidi stabili, formando dei "medici di villaggio" in ogni tribù. «L'obiettivo è creare una rete di operatori sanitari indigeni, che possano somministrare autonomamente le cure di base ai compaesani» spiega Brigitte. «Parliamo di una zona dove occorre affrontare viaggi lunghi e disagevoli per raggiungere l'ospedale più vicino».


foto MSF
Un controllo medico da parte dei operatori di MSF

Per la 28enne ticinese è un lavoro «del tutto nuovo» e ci ha messo un po' ad abituarsi. «All'inizio mi sono sentita spaesata. Disorientata. Catapultata in un contesto diversissimo, lontano dai cari, nella stagione delle piogge!» ricorda. Ma ci ha fatto il callo: la vita comunitaria le piace. «Quando arriviamo nei villaggi, con le nostre motociclette, la gente ci accoglie con calore e curiosità. Ci offrono cibo e ospitalità, sono fantastici». 

Per questo Natale in mezzo alla giungla, Brigitte non chiede molto: un mondo migliore. «Aiutare il prossimo» è il suo progetto per il futuro, quando la missione finirà e tornerà in Svizzera. Come? Deve pensarci su. Chiude la chiamata su Skype. Si rigira nel sacco a pelo davanti al fuoco, sotto le stelle dell'Asia, e si addormenta.

foto MSF
Guarda tutte le 6 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Max1 2 anni fa su tio
Brava Ma per fare del bene non bisogna andare in paesi stranieri Chi lo fa é perché cerca qualcosa per se stesso .. avventura.. emozioni.. radici.. ma cose per se stesso e non per gli altri
bimbogimbo 2 anni fa su tio
@Max1 condivido al 100% quanto scritto da Max1!!!! Meglio fare del bene vicino a casa, ogni giorni, e senza doverlo pubblicizzare.
centauro 2 anni fa su tio
@Max1 Io sono dell'opinione che ci sono troppi posti al mondo dove c'è perennemente bisogno di aiuti e questi posti sono sempre lontani mentre "vicino casa", per nostra fortuna, siamo sufficientemente protetti, è sempre gradito vedere chi si presta a fare del bene...vicino o lontano da casa che sia!
matteo2006 2 anni fa su tio
@Max1 Hai ragione ci vogliono più volontari e aiuti anche in Svizzera MA seguendo il tuo ragionamento ti chiedo allora: se fai volontariato in Svizzera per chi lo fai? Un volontario svizzero non ha "avventure" nelle sue uscite di volontariato? non prova emozioni durante questo tempo? non va a cercare le sue radici e non lo fa per se stesso in quanto più fortunato di chi ha necessità del suo aiuto? Il tuo ragionamento è molto limitativo del perchè una persona fa volontariato, con questo commento copia incolla molto ricorrente in questi blog mi chiedo cosa vogliate raggiungere o cosa vogliate esprimere portando dissenso verso chi aiuta gli altri. Mi chiedo cosa facciate voi prima di criticare chi fa del bene. Qualcuno diceva è più bello fare un regalo che riceverlo e so di per certo che vale anche per quando fai del bene qui, la o in capo al mondo.
centauro 2 anni fa su tio
@matteo2006 Chi fa del bene, indiscutibilmente deve sempre essere apprezzato!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-24 05:22:04 | 91.208.130.86