Immobili
Veicoli
Helvetas/Andrea Cippà
+4
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
2 ore
«Ma quindi casa tua è in affitto?», c'è una nuova truffa su WhatsApp
Che segue una analoga di poco meno di un anno fa. E il consiglio del Centro di cibersicurezza di Berna vale ancora
CANTONE
7 ore
Le api ticinesi stanno un po' meglio di quelle svizzere
I nostri apicoltori sono attualmente impegnati nel raccolto primaverile. «Il miele di quest'anno è di qualità».
CANTONE
7 ore
Giovani ucraini e i compiti in vista dell'autunno
Alcuni deputati della Lega chiedono lumi su come il Decs si sta organizzando il vista del prossimo anno scolastico.
FOTOGALLERY E MAPPA
CANTONE
9 ore
Da Breggia a Braggio: alla scoperta dei nostri mulini
Tredici in Ticino e uno in Calanca: ecco le strutture che apriranno le porte durante la Giornata Svizzera dei Mulini.
MENDRISIO
15 ore
Dopo lo stop pandemico a Mendrisio ritorna la Festa della Musica
Più di 20 gruppi e 7 palchi per animare le vie del Borgo, venerdì 24 e sabato 25 giugno
CANTONE/SVIZZERA
17 ore
San Gottardo preso d'assalto: 10 km di coda
Durante la notte la situazione si era calmata, ma in prima mattinata era già da bollino nero
CANTONE
1 gior
I frontalieri in telelavoro «vanno regolarizzati»
Un'interrogazione firmata Plr e Ppd chiede al Consiglio di Stato di attivarsi
CAPRIASCA
1 gior
Tesserete-Bidogno-Bogno: strada chiusa per tre ore e mezza
I lavori di pavimentazione stradale avranno luogo giovedì 2 giugno.
LUGANO
1 gior
Lugano Bike Emotions premia Nino Schurter
Il campione del mondo sarà presente sabato 28 maggio in compagnia di altri protagonisti del mountain bike svizzero.
CANTONE
1 gior
Un nuovo Comitato per l’ATTE cantonale
Otto i nuovi volti. Riconfermato quale Presidente l'uscente Giampaolo Cereghetti.
CUGNASCO GERRA
1 gior
Dieci anni dopo, in memoria di Alan
Giubileo per la Birra Bozz. Il titolare Richy Bozzini porta avanti il sogno del fratello, morto di cancro alle ossa.
CANTONE
1 gior
Alex Farinelli nel Comitato centrale dell'ACS
Il sindaco di Comano (e consigliere nazionale) prende il posto di Simone Gianini, che lascia la carica dopo 4 anni.
LUGANO
1 gior
“Famiglia in bicicletta”: la scultura che promuove le piste ciclabili
L'artista Gabriela Spector rende omaggio agli sforzi del comune di Lugano per sviluppare la mobilità dolce.
CANTONE
1 gior
In Ticino 50 nuovi casi e sei pazienti Covid in meno
I ricoverati scendono così a 37 in tutto. Nessuno è in cure intense.
CANTONE / BANGLADESH
05.02.2018 - 06:010
Aggiornamento : 10:30

Un ticinese fra i Rohingya: «I rifugiati non hanno niente»

Con Helvetas, Andrea Cippà sta progettando ingegnosi bagni in Bangladesh. Graditi quanto il cibo

OLIVONE / DACCA - Dopo l’ultima violenta persecuzione da parte dell’esercito birmano, che da agosto ha costretto oltre 650mila Rohingya a cercare rifugio nel vicino Bangladesh, i profughi vecchi e nuovi di questa minoranza musulmana attendono nei campi l’opportunità di ricostruirsi un giorno una vita.

Martedì, il presidente della Confederazione, Alain Berset, farà loro visita a Kutupalong, dove la Svizzera presta aiuto umanitario. Da quel campo profughi è da poco tornato in Ticino Andrea Cippà, esperto di acqua e servizi igienici attivo in Bangladesh per conto di Helvetas. Per l’organizzazione umanitaria svizzera, il 53enne di Olivone ha coordinato il lancio di un progetto di latrine e cucine alimentate a biogas sviluppato in collaborazione con un’ong locale e finanziato dalla Catena della solidarietà (v. più sotto). Gli abbiamo chiesto come sia stata la sua esperienza laggiù.

Signor Cippà, come è stato accolto dai profughi nei campi?

I rifugiati Rohingya sono abbastanza socievoli, non ti guardano con diffidenza, ma non ti vengono nemmeno incontro per parlare con te. Sicuramente uno dei problemi è la lingua. Loro sanno che noi non la parliamo quindi fare il primo passo non è così facile. Gli operatori del posto, invece, hanno un accesso ai rifugiati molto più diretto e frequente.   

La crisi dei Rohingya appare lontana al pubblico ticinese. La minore empatia delle persone che le stanno intorno incide sulla sua motivazione?

È vero che è una crisi che qua in Ticino è meno sentita rispetto a quella in Siria o in Paesi più vicini. Per me, però, è stata una missione esattamente come le altre. Per quanto riguarda i miei familiari e amici, poi, sono abituati a vedermi tornare a casa fra un’emergenza e l’altra dal 1994: non fa praticamente più notizia che io sia stato in un Paese in difficoltà o in guerra. Anche in questa occasione mi hanno chiesto quello che mi chiedono quando vado in Etiopia o in Medio Oriente: “Com’è andata?”, “Come stanno?”.

Con Helvetas lei ha distribuito kit sanitari e coordinato il lancio di un progetto di servizi igienici. I profughi apprezzano questi aiuti o preferiscono cibo e vestiti?

I rifugiati non hanno niente e qualsiasi tipo di aiuto, sotto qualsiasi forma, è bene accetto. Quando non si ha niente, sia un sacco di riso sia un recipiente in plastica sia la plastica per coprire il tetto di una capanna vanno bene. Loro di certo non verranno mai a dirti “Non voglio questo kit” perché le necessità e i bisogni sono tanti e la risposta umanitaria riesce a coprirne solo una piccola parte.

Quando tornerà in Bangladesh?

Nelle prossime 2-3 settimane la ong locale, l’NGO Forum for Public Health, dovrebbe selezionare sette luoghi per installare queste latrine e cucine, che saranno poi discussi con la popolazione locale, con gli altri partecipanti alla risposta umanitaria e con le autorità. A quel punto tornerò giù per verificare che la coordinazione abbia funzionato e per seguire il processo di appalto dei lavori.  

I progetti di Helvetas - Nel Cox’s Bazar - il distretto bengalese in cui si concentrano quasi tutti i profughi Rohingya provenienti dal Myanmar - Helvetas ha distribuito dei kit igienico-sanitari a 1’000 famiglie in collaborazione con Handicap International. In occasione dell’ultima visita di Andrea Cippà sul campo, poi, ha dato ufficialmente inizio al progetto di costruzione di latrine e cucine alimentate a biogas, finanziato dalla Catena della Solidarietà e condotto in stretta collaborazione con l’organizzazione locale NGO Forum for Public Health.

Il progetto mira a garantire un miglior accesso all’igiene, prevenire le malattie e migliorare l’alimentazione dei profughi grazie alla costruzione di cucine. Le latrine sono collegate a un digestore in cui si libera biogas, che viene poi collegato ai fornelli delle cucine e usato per alimentarli. Il sistema, spiega Helvetas, riduce l’esigenza di usare legna da ardere (e quindi di deforestare l’area) e neutralizza in gran parte i batteri fecali, riducendo i rischi di contagio.

Le organizzazioni presenti nell’area - Nel Cox’s Bazar sono attive in questo momento 35 organizzazioni umanitarie fra agenzie Onu e ong, indica l’Inter Sector Coordination Group (ISCG), che coordina gli interventi.

Helvetas/Andrea Cippà
Guarda tutte le 8 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
matteo2006 4 anni fa su tio
Mi piacerebbe sapere quanto hanno a disposizione queste organizzazioni e quanto mettono a disposizione di queste persone bisognose (di risposta sapremo quanto finisce nelle loro tasche).
tip75 4 anni fa su tio
con tutto il rispetto per chiunque si mette a disposizione del prossimo io mi chiedo...aiutate anche le persone in difficoltâ che vivono in ticino o in svizzera? aiutate anche i vostri familiari o il vostro vicino o chi ne ha bisogno? no perché solitamente è più semplice guardare e andare lontano...si evita un po' di imbarazzo
matteo2006 4 anni fa su tio
@tip75 Avranno i loro interessi. ;-)
F.Netri 4 anni fa su tio
@tip75 No! Loro vanno matti solo per gli islamisti di tutto il mondo!

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-27 02:17:20 | 91.208.130.85