Helvetas/Andrea Cippà
+4
ULTIME NOTIZIE Ticino
FOTO
LUGANO
33 min
Bus doppio prende la rotonda e... ci rimane incastrato
È successo oggi proprio davanti alla stazione di Lugano, il traffico è rimasto bloccato in entrambe le direzioni
MENDRISIO
1 ora
Lo sportello della polizia chiude per due giorni
Venerdì 25 e lunedì 28 settembre avranno luogo dei lavori presso la sede.
CANTONE
1 ora
«Siamo molto delusi, è inaccettabile»
Casse malati, in Ticino è record di rincari. Il Covid non ha abbattuto i premi. La diretta con il direttore del DSS
CANTONE
1 ora
Anche Lugano corre per il WEF
Tra le opzioni al vaglio anche Montreux e il Bürgenstock.
CANTONE
2 ore
«Un aumento scandaloso di cui Berset è complice»
La Lega attacca frontalmente il Consigliere federale dopo l'ennesimo rincaro dei premi delle casse malati in Ticino.
CAMPIONE D'ITALIA
5 ore
C'è un nuovo sindaco a Campione
Si chiama Roberto Canesi, commercialista 72enne della lista "Campione Rinasce".
SANT'ANTONINO
5 ore
Il Municipio premia Genovese Gaetano
Il podista si è distinto per gli ottimi risultati sportivi.
FOTO E VIDEO
QUINTO
6 ore
Travolto da un veicolo sul lavoro, grave un operaio
L'uomo era impegnato presso un cantiere a Piotta. È stato trasportato in ospedale con la Rega.
CONFINE
6 ore
Dopo gli arresti, il voto: la Valsolda "volta pagina"
Nel comune italiano di confine, commissariato dopo il fermo del sindaco, ha vinto la lista guidata da Laura Romanò.
STABIO
6 ore
Il Municipio si guadagna il “Family Score”
A rilasciarlo è stata l'associazione Pro Familia della Svizzera.
MAGGIA
7 ore
Un cane nel riale, arrivano i pompieri
L'intervento ha avuto luogo ieri sera, in territorio di Maggia.
FOTO
CANTONE
7 ore
Gran successo anche per la quarta edizione di #UnBelSabat
L'iniziativa di UBS ha registrato la presenza di oltre 150 volontari divisi tra il Monte Verità e il laghetto di Muzzano
CANTONE
8 ore
Coronavirus: in Ticino altri tre casi
Le persone ricoverate negli ospedali a causa del covid-19 restano due
LUGANO
8 ore
Lidi, l'estate che non t'aspetti
In luglio e agosto il Lido e la piscina di Carona hanno addirittura incrementato l'affluenza rispetto agli scorsi anni.
CANTONE
8 ore
La scuola "ai tempi del Covid-19" piace più agli allievi che ai docenti
Il loro carico di lavoro è aumentato, così come quello dei genitori. Si sono sentiti sotto pressione e/o ansiosi
ORIGLIO
9 ore
«Sono centinaia, ce li troviamo quasi in casa»
Il sindaco Alessandro Cedraschi sulla presenza di cinghiali vicino al Paese: «Continuiamo a sollecitare il Cantone».
CANTONE
11 ore
Un brutto male nei rubinetti
Si chiama clorotalonil, è vietato in Svizzera perché cancerogeno. Ma in alcune località del Mendrisiotto sfora i limiti.
LUGANO
11 ore
Cassarate, si cercano volontari per ripulirne le sponde
Dopo il successo dell'appuntamento di luglio si riparte per «rendere bello e vivibile il nostro bene pubblico».
GAMBAROGNO
18 ore
«Il mio Rodolfo non merita di finire così»
Waldis Ratti, 63 anni, "piange" per lo storico ristorante di famiglia. Un patrimonio che rischia di svanire.
CANTONE / BANGLADESH
05.02.2018 - 06:010
Aggiornamento : 10:30

Un ticinese fra i Rohingya: «I rifugiati non hanno niente»

Con Helvetas, Andrea Cippà sta progettando ingegnosi bagni in Bangladesh. Graditi quanto il cibo

OLIVONE / DACCA - Dopo l’ultima violenta persecuzione da parte dell’esercito birmano, che da agosto ha costretto oltre 650mila Rohingya a cercare rifugio nel vicino Bangladesh, i profughi vecchi e nuovi di questa minoranza musulmana attendono nei campi l’opportunità di ricostruirsi un giorno una vita.

Martedì, il presidente della Confederazione, Alain Berset, farà loro visita a Kutupalong, dove la Svizzera presta aiuto umanitario. Da quel campo profughi è da poco tornato in Ticino Andrea Cippà, esperto di acqua e servizi igienici attivo in Bangladesh per conto di Helvetas. Per l’organizzazione umanitaria svizzera, il 53enne di Olivone ha coordinato il lancio di un progetto di latrine e cucine alimentate a biogas sviluppato in collaborazione con un’ong locale e finanziato dalla Catena della solidarietà (v. più sotto). Gli abbiamo chiesto come sia stata la sua esperienza laggiù.

Signor Cippà, come è stato accolto dai profughi nei campi?

I rifugiati Rohingya sono abbastanza socievoli, non ti guardano con diffidenza, ma non ti vengono nemmeno incontro per parlare con te. Sicuramente uno dei problemi è la lingua. Loro sanno che noi non la parliamo quindi fare il primo passo non è così facile. Gli operatori del posto, invece, hanno un accesso ai rifugiati molto più diretto e frequente.   

La crisi dei Rohingya appare lontana al pubblico ticinese. La minore empatia delle persone che le stanno intorno incide sulla sua motivazione?

È vero che è una crisi che qua in Ticino è meno sentita rispetto a quella in Siria o in Paesi più vicini. Per me, però, è stata una missione esattamente come le altre. Per quanto riguarda i miei familiari e amici, poi, sono abituati a vedermi tornare a casa fra un’emergenza e l’altra dal 1994: non fa praticamente più notizia che io sia stato in un Paese in difficoltà o in guerra. Anche in questa occasione mi hanno chiesto quello che mi chiedono quando vado in Etiopia o in Medio Oriente: “Com’è andata?”, “Come stanno?”.

Con Helvetas lei ha distribuito kit sanitari e coordinato il lancio di un progetto di servizi igienici. I profughi apprezzano questi aiuti o preferiscono cibo e vestiti?

I rifugiati non hanno niente e qualsiasi tipo di aiuto, sotto qualsiasi forma, è bene accetto. Quando non si ha niente, sia un sacco di riso sia un recipiente in plastica sia la plastica per coprire il tetto di una capanna vanno bene. Loro di certo non verranno mai a dirti “Non voglio questo kit” perché le necessità e i bisogni sono tanti e la risposta umanitaria riesce a coprirne solo una piccola parte.

Quando tornerà in Bangladesh?

Nelle prossime 2-3 settimane la ong locale, l’NGO Forum for Public Health, dovrebbe selezionare sette luoghi per installare queste latrine e cucine, che saranno poi discussi con la popolazione locale, con gli altri partecipanti alla risposta umanitaria e con le autorità. A quel punto tornerò giù per verificare che la coordinazione abbia funzionato e per seguire il processo di appalto dei lavori.  

I progetti di Helvetas - Nel Cox’s Bazar - il distretto bengalese in cui si concentrano quasi tutti i profughi Rohingya provenienti dal Myanmar - Helvetas ha distribuito dei kit igienico-sanitari a 1’000 famiglie in collaborazione con Handicap International. In occasione dell’ultima visita di Andrea Cippà sul campo, poi, ha dato ufficialmente inizio al progetto di costruzione di latrine e cucine alimentate a biogas, finanziato dalla Catena della Solidarietà e condotto in stretta collaborazione con l’organizzazione locale NGO Forum for Public Health.

Il progetto mira a garantire un miglior accesso all’igiene, prevenire le malattie e migliorare l’alimentazione dei profughi grazie alla costruzione di cucine. Le latrine sono collegate a un digestore in cui si libera biogas, che viene poi collegato ai fornelli delle cucine e usato per alimentarli. Il sistema, spiega Helvetas, riduce l’esigenza di usare legna da ardere (e quindi di deforestare l’area) e neutralizza in gran parte i batteri fecali, riducendo i rischi di contagio.

Le organizzazioni presenti nell’area - Nel Cox’s Bazar sono attive in questo momento 35 organizzazioni umanitarie fra agenzie Onu e ong, indica l’Inter Sector Coordination Group (ISCG), che coordina gli interventi.

Helvetas/Andrea Cippà
Guarda tutte le 8 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Sabrina Trevisan 2 anni fa su fb
Non c era bisogno dell' intervista per sapere che sta pora gente non ha niente!!!
matteo2006 2 anni fa su tio
Mi piacerebbe sapere quanto hanno a disposizione queste organizzazioni e quanto mettono a disposizione di queste persone bisognose (di risposta sapremo quanto finisce nelle loro tasche).
Puya Jazayeri 2 anni fa su fb
Complimenti per l'intervista interessante e per il progetto
tip75 2 anni fa su tio
con tutto il rispetto per chiunque si mette a disposizione del prossimo io mi chiedo...aiutate anche le persone in difficoltâ che vivono in ticino o in svizzera? aiutate anche i vostri familiari o il vostro vicino o chi ne ha bisogno? no perché solitamente è più semplice guardare e andare lontano...si evita un po' di imbarazzo
matteo2006 2 anni fa su tio
@tip75 Avranno i loro interessi. ;-)
F.Netri 2 anni fa su tio
@tip75 No! Loro vanno matti solo per gli islamisti di tutto il mondo!
Mirtha Bergerhoff 2 anni fa su fb
Que tristeza!
Angelo Michele Maiorano 2 anni fa su fb
Gli sceicchi arabi musulmani sono come il Vaticano per i cristiani: alla fine chiedono aiuto sempre ai laici
Rabab Ibrahim 2 anni fa su fb
Brava!!! E sono musulma a anche io
Sandra Rezzonico-Abderhalden 2 anni fa su fb
Povera gente...?...
Damiano Iannino Schipilliti 2 anni fa su fb
HELVETAS quella che pubblica un post in cui dice che senza canone non ricevere contributi o fare fatica perché non se ne parlerebbe? Fateveli fare dalla ssr
Luca Mer 2 anni fa su fb
Non ero al corrente! Mi potrebbe indicare quel post? Dopo tanti anni di contributi a Helvetas, smetterò con effetto immediato. Grazie!
Damiano Iannino Schipilliti 2 anni fa su fb
ora lo cerco ,, mi e arrivato su fb
Luca Mer 2 anni fa su fb
Grazie! Mi dica anche se vede propaganda simile da parte di Terres des Hommes e SWISSAID, che se del caso taglio subito anche loro con effetto immediato.
Jeremy White 2 anni fa su fb
Infatti, qui Hanno Tutto

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-22 17:55:22 | 91.208.130.87