foto tio.ch/20min
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
6 ore
In Ticino è come se fosse morto un piccolo paese
Il Covid ha creato un "buco" nelle statistiche demografiche: 857 decessi in più in un anno.
BELLINZONA
7 ore
Altra lite tra giovani, un ragazzo finisce in ospedale
Spunta anche una mazza. L'accusa principale ipotizzata sarebbe quella di tentato omicidio
CANTONE
8 ore
Anche oggi non si parla di “ecomafia”
Ancora "rimandata" l'interpellanza di Pronzini sui presunti inquinamenti a opera della Silo & Beton Melezza SA
CANTONE
9 ore
«Aprire le terrazze? Creerebbe tensioni»
Massimo Suter deluso dalla decisione del Consiglio Federale. E anche dalla prospettiva di una riapertura "a metà"
CANTONE
10 ore
Affitti abusivi: «Il Parlamento ha perso un'occasione»
L'ASI punta il dito contro il Granconsiglio, dopo la bocciatura dell'iniziativa popolare. E guarda alle urne
CONFINE
10 ore
Vaccinazione di massa a Viggiù: «Prima i frontalieri»
L'intera popolazione del Comune, che dal 16 febbraio si trova in zona rossa, sarà sottoposta al vaccino anti-Covid.
CANTONE
10 ore
«Non vogliamo una Pasqua come quella del 2020»
Norman Gobbi, presidente del Consiglio di Stato ticinese, ospite di Piazza Ticino. Guarda il video.
CANTONE
11 ore
100'000 franchi dal Cantone per gli ex dipendenti dell'aeroporto
Il Gran Consiglio ha votato il contributo a fondo perso che sarà gestito dalla Città per allestire il piano sociale
CANTONE
11 ore
Già più di mille over-75 hanno riservato la vaccinazione
Partenza razzo per la procedura d'iscrizione online lanciata ieri e valida per il nuovo centro cantonale di Giubiasco.
CANTONE
12 ore
Berna ha deciso: la reazione di Norman Gobbi
Il presidente del Consiglio di Stato ticinese ora live su piazzaticino.ch. Guarda la diretta video.
CANTONE
12 ore
Decreto d'abbandono nei confronti di don Chiappini
Si chiude così l'indagine attorno alla vicenda della donna che viveva nell'abitazione del prete luganese
CANTONE
13 ore
La pernice bianca è salva
Il Gran Consiglio ha dato sostegno all'iniziativa che chiedeva di vietarne la caccia in Ticino
LUGANO
14.10.2019 - 09:210
Aggiornamento : 11:48

Lavorereste così, a sette piani dal suolo?

In Ticino gli infortuni sul lavoro sono il calo. Ma quelli più gravi, tra cui le cadute dall'alto, restano un problema

LUGANO - A strapiombo sulla strada. Sotto, un dislivello di sette piani. L'operaio maneggia un trapano, il compagno – senza protezioni – lo tiene con una corda. Non è la foto cult degli operai in pausa pranzo sul Rockfeller Center. Ma a modo suo lo scatto, che immortala un gruppo di carpentieri al lavoro su un tetto di Massagno, è emblematico. 

Infortuni in calo - Gli incidenti professionali sono in calo in Ticino: quelli coperti dalla Suva sono passati da 8030 nel 2014, a 7677 l'anno scorso. Il miglioramento riguarda anche i cantieri edili: da 203 infortuni ogni mille addetti nel 2011, si è scesi a 179. «I lavoratori sono maggiormente sensibilizzati, merito anche delle campagne di formazione svolte negli anni» spiega la portavoce Regina Pinna-Marfurt. Le statistiche mostrano che «la maggioranza degli infortuni gravi sono evitabili con le opportune precauzioni».  

Cadute letali - Il problema è che i miglioramenti si sono ottenuti «soprattutto per gli incidenti leggeri e le bagatelle» precisa il direttore della Società impresa e costruttori (Ssic) Nicola Bagnovini. «Gli infortuni letali o con danni permanenti sono più difficili da contrastare». Secondo le statistiche svizzere, uno su tre è dovuto proprio a una caduta dall'alto.

«Sicurezza al primo posto» - Il tetto di Massagno è solo uno dei tanti, in cui lo sprezzo del pericolo diventa norma. Gli operai – ha spiegato a tio/20minuti il titolare dell'impresa – «stavano eseguendo un lavoro delicato in condizioni difficili». Si spingono sul cornicione «a proprio rischio e pericolo, non avrebbero dovuto» sottolinea il titolare. Sul tetto manca il cavo salvavita a cui assicurarsi. «A volte bisogna arrangiarsi, ma come azienda mettiamo la sicurezza al primo posto». 

Abitudine o necessità? - La colpa è a monte, si schermisce l'imprenditore. «I margini nel settore sono sempre più rosicati, e costringono tante aziende a lavorare di corsa». Per Bagnovini è piuttosto una questione di cultura: «A volte basterebbero piccoli accorgimenti. Ma certe abitudini lavorative sono difficili da sradicare». Secondo Dario Cadenazzi, responsabile Unia per l'edilizia, il fattore tempo è invece determinante: «Quando i lavoratori sono incalzati, una delle prime cose su cui sorvolano è la sicurezza» spiega il sindacalista. «Molti fanno fatica a dire "stop”». Poi a rischiare di cadere giù, come le statistiche della Suva, sono loro. 

foto tio.ch/20min
Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
gigipippa 1 anno fa su tio
Ma anche chi progetta uno stabile potrebbe pensare alle manutenzioni.
TI.CH 1 anno fa su tio
Incoscienza - lazzaronite per preparare le protezioni - fiato sul collo dei datori di lavoro o dei capi che dicono che si perde tempo - paura di perdere il posto di lavoro se reclamano-troppo pochi controlli.
Tato50 1 anno fa su tio
Dipende da quanti anni ha la corda ;-))) Facendo le dovute proporzioni al TG 2 di ieri hanno detto che in 10 anni ci sono stati 17'000 morti sul posto di lavoro in Italia. Da noi, nel 2018, sono stati 55, già troppi per una piccola Nazione ! Nel caso in oggetto, vista la foto, non mi sembra che il tipo che tiene la corda sia pronto in caso di caduta del collega. Forse, come dice SosPettOso ci sarebbero altri modi per far "sicurezza" !!
mats70 1 anno fa su tio
Visto che siamo il paese delle multe, via una bella multa alla ditta..
SosPettOso 1 anno fa su tio
"...ma come azienda mettiamo la sicurezza al primo posto..." Che tipo di sicurezza? Quella economica del titolare? Anche se non c'è il cavo salvavita basterebbe far passare la corda attorno alla gabbia dell'ascensore...
Ben8 1 anno fa su tio
E come dovrebbero farlo?
negang 1 anno fa su tio
@Ben8 Magari mettendo un ponteggio dal basso. Chiaro che costa .. oppure lavorando con delle piattaforme idrauliche sempre che arrivino fino a quella altezza, Poi pero' il rifacimento del tetto ti costa il doppio .
ctu67 1 anno fa su tio
io abbatterei il palazzo e lo rifarei da nuovo !!!
curziocurzio 1 anno fa su tio
Ma dalla foto si vede che sono installatori di ponteggi e stanno montando le protezioni laterarali di un ponteggio da tetto, per poi eseguire il rifacimento del tetto in sicurezza.
negang 1 anno fa su tio
@curziocurzio Si ma magari si puo' montare le protezioni in modo piu' normale . .per ex usando una piattaforma idraulica e lavorando non a testa in giu' con in mano un pesante trapano ..
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-02-25 04:06:32 | 91.208.130.87