ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
19 min
Il polo sportivo va in rete
Dopo lunghe discussioni il Consiglio comunale ha accettato la richiesta di credito da 14 milioni per il progetto.
FOTO
CANTONE
2 ore
Violenti temporali sopra il Luganese e il Mendrisiotto
Meteo Svizzera ha diramato un'allerta di grado tre di breve durata per oggi, e una più lunga per la serata di domani.
CANTONE
5 ore
Nuovo aumento dei premi: «Che ne pensa Berna?»
Il Consigliere nazionale Lorenzo Quadri sull'ipotizzato rincaro delle casse malati per il 2021.
LUGANO
5 ore
Prete arrestato: resterà in carcere almeno per le prossime 6 settimane
La decisione del giudice dei provvedimenti coercitivi. Il 50enne è finito in manette sabato scorso per abusi sessuali
MENDRISIO
6 ore
I fiori come simbolo di rinascita
Ri-Fioriamo Mendrisio è un'iniziativa pensata dal Municipio per abbellire le vie e le contrade del borgo.
MONTECENERI
6 ore
Parte l'estate con Splash e Spa
Gli allentamenti voluti dal Consiglio federale danno luce verde alla riapertura del centro acquatico di Rivera.
NOVAZZANO
7 ore
Aziende che ricevono sussidi e poi licenziano. Scatta l'indignazione
Accuse del MPS sui licenziamenti alla Precicast di Novazzano. Fabrizio Sirica presenta un'iniziativa parlamentare
FOTO
ACQUAROSSA
8 ore
Cade in un dirupo, interviene la Rega
L'uomo ha chiesto l'intervento dell'elicottero, dopo essersi infortunato mentre lavorava a Leontica
CANTONE
8 ore
«Usiamo i ristorni dei frontalieri per i ticinesi in difficoltà»
Lo chiede un’interpellanza presentata al Governo da Tiziano Galeazzi e Boris Bignasca
CANTONE
9 ore
«Nessuna quarantena per chi rientra dall'Italia»
Al via la conferenza stampa a Palazzo delle Orsoline. Norman Gobbi fa il punto della situazione
CANTONE
25.04.2019 - 06:000

«Al Ticino serve solo una mentalità imprenditoriale diversa»

Intervista a Abouzar Rahmani, Ceo di un gruppo agroalimentare internazionale che ha deciso di trasferire alcune attività nel nostro Cantone

LUGANO - Cos’hanno in comune ghiaccio e cioccolato? Un binomio tipicamente svizzero rappresentato però da un uomo con un nome straniero. Stiamo parlando di Abouzar Rahmani, Ceo della Mani International SA, il cui marchio Mani dallo scorso settembre è “Silver Sponsor” dell’Hockey Club Lugano. Fondatore del Gruppo ZHAR, che controlla alcuni marchi alimentari noti da noi come CimaNorma, Rahmani è un imprenditore di esperienza che ha già operato in diversi mercati come Belgio, Olanda, Inghilterra, Ginevra, ed ora Lugano.

Ma cosa l’ha spinto a trasferire parte delle sue attività in Ticino? «Al di là degli aspetti privati - il clima, la cultura e pure mia moglie - ad avermi convinto come imprenditore è il mix fra Svizzera e Mediterraneo. In Ticino si può infatti trovare la qualità e l’organizzazione tipicamente svizzere combinate alla famosa cultura alimentare mediterranea. Per una società che fa del cibo sano una missione come la nostra è quindi un luogo ideale e che non si può trovare altrove», spiega Rahmani.

Ticino terra di talenti - La sua visione di imprenditore è chiara: «Creare aziende e società legate al territorio, dare alla luce qualcosa di valore per la società nel suo insieme». Ma c’è dell’altro, perché secondo il nostro interlocutore il Ticino non solo è terreno fertile per i prodotti di qualità, ma è pure un cantone ricco di risorse. Non parliamo di materie prime, naturalmente. Noci, frutta e cacao vengono infatti importate dai quattro angoli del mondo. Ma di talenti. «È stata una piacevole sorpresa. Il successo di un’attività, almeno per il 50%, è dato dalle persone che vi lavorano. E qui - assicura - ho trovato collaboratori ticinesi, svizzeri e internazionali decisamente affidabili e con parecchia esperienza nel settore agroalimentare».

Le banche danno, le banche tolgono - Il restante 50% riguarda invece l’organizzazione del lavoro, le infrastrutture - uno stabilimento produttivo si trova a Rancate, con una ventina di dipendenti, e chissà che non ne arrivi un altro a breve… - e la mentalità imprenditoriale. Ed è questo probabilmente il tasto dolente della nostra economia secondo Rahmani: «Il Ticino ha un potenziale enorme, specie nell’industria dei beni di consumo di qualità, ma le imprese locali spesso non vengono sostenute a sufficienza. Le banche, ad esempio, dovrebbero essere più attive e sostenere maggiormente le piccole-medie imprese, non essere passive limitandosi ad attività di private banking o investment banking all’estero, come negli Stati Uniti». Un paradosso se si pensa che fino a qualche anno fa erano proprio le banche la locomotiva del nostro cantone.

Soddisfatti dell’HCL malgrado la stagione - Nonostante sia una compagnia con ramificazioni un po’ in tutto il mondo, la ZHAR SA (e di riflesso i marchi a lei affiliati) alle nostre latitudini è ancora poco conosciuta. Proprio per questo è nata la collaborazione con l’HCL. «Non è un approccio nuovo per noi, l’abbiamo già fatto in altri Paesi, come in Olanda e in Belgio. Proprio perché siamo presenti sul mercato degli alimenti naturali e sani, lo sport è un ottimo veicolo per i nostri prodotti. Per il momento siamo soddisfatti della partnership con l’HCL», spiega Rahmani. Nonostante i risultati piuttosto deludenti di questa stagione? «Certo (sorride). Chiaramente più la stagione è lunga e più la visibilità è maggiore. Ma sosteniamo il team a prescindere dal risultato».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-06-03 00:09:03 | 91.208.130.85