TiPress
CANTONE
07.09.2018 - 16:010
Aggiornamento : 16:46

Cardiocentro: ecco l'iniziativa popolare

La Nuova Fondazione, non profit, avrà un Consiglio di fondazione composto da 7 membri, rileverà tutti i contratti di lavoro e resterà nell'immobile già occupato. Godrà inoltre di piena autonomia

LUGANO - Una nuova Fondazione non profit sotto il cappello dell’Ente ospedaliero cantonale (EOC), ma in piena autonomia rispetto allo stesso. È questa la proposta elaborata dal gruppo “Grazie Cardiocentro” per «superare l’impasse» attuale.

Manca poco, infatti, al previsto ritorno del Cardiocentro in mano pubblica. Nel 2020, lo ricordiamo, la struttura medica dovrebbe tornare sotto l’EOC, ma il gruppo di sostegno “Grazie Cardiocentro” aveva promesso che avrebbe lottato per «assicurare anche in futuro la stessa qualità delle cure». Per raggiungere questo scopo, era stata annunciata un’iniziativa popolare, presentata concretamente oggi in conferenza stampa.

Nuova Fondazione - La soluzione proposta rispetta l’impegno di trapassare il patrimonio della Fondazione Cardiocentro Ticino (FCCT) all’EOC nel dicembre 2020 (così come da contratto stipulato tra le parti), con la condizione che l’EOC le conferisca un “vestito giuridico” diverso nella forma di una nuova Fondazione non profit.

L’iniziativa - il cui primo firmatario è il Prof. Tiziano Cassina, vicedirettore sanitario del Cardiocentro e primario di Cardioanestesia e Cure intensive – prevede una modifica della Legge sull’Ente Ospedaliero Cantonale (LEOC), con l’aggiunta di un nuovo articolo.

Il Consiglio di fondazione - La vecchia Fondazione Cardiocentro Ticino cesserà di esistere così com’è, in favore della Nuova Fondazione Cardiocentro Ticino (NFCCT) con una nuova governance. Il primo Consiglio di fondazione sarà nominato dal Consiglio di Stato su proposta di quattro soggetti: Cardiocentro (che proporrà 3 membri), Consiglio di amministrazione dell’EOC (2 membri), mondo universitario (1 membro nel contesto del Master in medicina umana e della nuova facoltà di scienze biomediche) e Commissione del personale (1 membro). Nessuno degli attori avrà la maggioranza e potrà di conseguenza imporre alcuna decisione in solitaria.

Il personale - L’iniziativa prevede esplicitamente che vengano rilevati dalla Nuova Fondazione tutti i contratti di lavoro, senza distinzioni di ruolo e a tempo indeterminato.

L’EOC garantirà la continuità dell’attività della Fondazione Cardiocentro Ticino nella Nuova fondazione Cardiocentro Ticino, che manterrà la vocazione non profit e di pubblica utilità riprendendone lo scopo e lo statuto (con durata illimitata). La Nuova Fondazione godrà di piena autonomia, in ogni ambito della propria attività, rispetto all’EOC.

L’immobile - L’EOC costituirà inoltre un nuovo diritto di superficie (dell'immobile già occupato) in favore della Nuova Fondazione Cardiocentro per la durata di 99 anni.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
F/A-18 2 anni fa su tio
Io non capisco perché non si rispettano i patti, non capisco tutti questi movimenti anti EOC, però una domanda per i firmatari dell'iniziativa l'avrei ed è la seguente: visto che la missione per un dottore è curare la gente che sta male e visto che del loro quotidiano non cambierebbe niente, mi fa specie tutta questa paura che hanno di perdere cosa? Soldi? La questione è solo questione di soldi? Quindi se è così il cardiocentro è sopratutto un business a favore di pochi? Ora comincio a capire perché in ticino c'è la più alta percentuale di operazioni al cuore....., sarà che i ticinesi sono un popolo cardiopatico o sarà che ci si inventa qualche operazione di troppo per mandare avanti il business? Poi ci domandiamo il perché degli aumenti sistematici delle casse malati, diciamo che tutti pagano ma solo pochi guadagnano.
seo56 2 anni fa su tio
Cosa non si fa per salvaguardare “ül cadreghin”... chi paga il contribuente! Caro Mocetti i contratti e le volontà altrui vanno rispettate. A lei fa comodo l’iniziativa popolare perché avete “spaventato” le persone facendogli credere che il Cardiocentro sotto l’EOC sarebbe “morto”. Ho solo una parola.... VERGOGNA!!
Sciacallo 2 anni fa su tio
Il tutto per poter continuare il magna magna
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-11-26 22:18:39 | 91.208.130.89