ULTIME NOTIZIE Ticino
AGNO
10 min
Infortunio in via Stazione, fuori pericolo il 41enne
L'uomo, tuttavia, ha riportato lesioni gravi e si trova ancora in ospedale
FOTO
ROVEREDO
29 min
Cerca funghi, finisce nel riale. Soccorso in elicottero
L'uomo è stato trasportato all'Ospedale Civico di Lugano.
FOTO
LOSONE
1 ora
Malore nei pressi del fiume, arriva la Rega
Sul posto anche la Polizia, un'ambulanza e un'automedica
CANTONE
2 ore
«Chi vigila sul Governo non deve essere al Governo»
L'Mps lancia un'iniziativa parlamentare per l'istituzione di una commissione ad hoc.
CANTONE
3 ore
«Più piste ciclabili e spazi per i più piccoli»
Lo chiede la Federazione Ticinese di Ciclismo, che si è riunita oggi in assemblea
CONFINE
3 ore
L'ultimo saluto a don Roberto: «Ha dato la vita per gli ultimi»
La messa in suffragio del sacerdote si è celebrata questa mattina a Como
FOTO
LUGANO
4 ore
Vernice? No, l'alga tossica
Immagini suggestive quelle inviate da un lettore.
CANTONE
8 ore
Pulire i fondali del Lago Maggiore? «Trovato letteralmente di tutto»
I sub dell'Associazione Delta Divers si sono impegnati nella pulizia dei fondali durante il Clean-up day 2020
LUGANO
18 ore
Esce di strada di fronte allo stadio
L'incidente è avvenuto questa sera in via Trevano. Illesi i tre occupanti del veicolo
CANTONE
18 ore
«In questa crisi la Svizzera ha mostrato la sua coesione»
Ignazio Cassis e Christian Vitta hanno ripercorso questa sera i punti salienti della pandemia.
LOCARNO
22 ore
«Vogliamo le bici sui bus»
I Verdi del Locarnese chiedono alle Fart di togliere il divieto
CANTONE
22 ore
Inchiesta Lega: spunta il nome di Tettamanti
I magistrati italiani indagano sui conti pro-Salvini. Ma dal Ticino arriva la smentita di Fidinam
CHIASSO
12.12.2017 - 09:530
Aggiornamento : 12:06

I senzatetto che dormono sotto il campanile: «Così fuggiamo il freddo»

Con la neve aumenta la fila fuori dai (pochi) dormitori in Ticino. Casa Astra lancia un appello. Le storie di Ion e Marius: «Siamo venuti in Ticino per lavorare, non vogliamo farci mantenere»

CHIASSO - Un tetto sopra la testa Ion e Marius* lo hanno trovato: è il campanile di Chiasso. Pochi lo sanno, ma nelle fondamenta della torre di San Vitale c'è uno scantinato, a cui si accede da un'anticamera che dà sulla via. Due wc, tre materassi stesi per terra (vedi foto). Qui trovano ospitalità i senzatetto in fuga dal freddo: arrivano da tutto il Ticino e dalla vicina Italia. 

«Siamo qui per lavorare» - «Dormire in stazione in questo periodo è impensabile, si gela e ci sono continui controlli della polizia, anche in piena notte» raccontano i due ospiti. Entrambi romeni, di 39 e 49 anni, sono arrivati nella città di confine in cerca di lavoro. «Non vogliamo farci mantenere da nessuno» assicurano. 

La famiglia lontana - Per le persone senza fissa dimora che vanno e vengono alla frontiera, la casa «è solo uno dei problemi» afferma Marius. Di professione saldatore, è in Ticino da «un paio di settimane» spiega. Prima ha lavorato in Italia per anni, poi la disoccupazione. «A casa in Romania ho due figli piccoli e una moglie, non sanno che vita faccio» si giustifica, chiedendo di non essere fotografato.

Lavoro e cibo - La ricerca di lavoro e di cibo, è la principale occupazione di Ion e Marius in queste fredde giornate d'inverno. Il primo è «quasi introvabile, soprattutto in questa stagione» raccontano. Il secondo se lo procurano alle mense dei poveri – «ogni giorno andiamo a Lugano, da Fra Martino» – oppure presso gli esercenti. Ion mostra uno scarto della lavorazione del maiale che ha recuperato in una macelleria: «La gente è generosa. Non si butta via niente. Basta sapere dove andare a chiedere». La sera però le mense dei poveri sono chiuse: quasi sempre i due senzatetto saltano la cena. 

«Ricerca difficile» -  La via d'uscita? E' difficile. «Senza permessi, come possiamo trovare una sistemazione? L'impressione è che le autorità qui ci tollerino sperando che, per sfinimento, prima o poi ce ne andremo altrove. Ma dove?» protesta Ion. Il 39enne va e viene dal Ticino da un paio di anni ormai facendo lavoretti in nero, come giardiniere, elettricista, manovale. In passato Ion ha abitato anche a Casa Astra, a Mendrisio. Ma con il freddo degli ultimi giorni, il centro d'accoglienza ha avuto un picco di richieste: da domenica è “tutto esaurito”.

I posti scarseggiano - Lunedì l'associazione ha dovuto dire di “no” ad altre quattro persone. «Dispiace, ma in questi momenti dovrebbero essere le autorità a farsi carico della situazione d'emergenza» avverte il responsabile del centro Donato Di Blasi. Il problema è annoso: i posti nelle strutture d'accoglienza sono contati – 15 al centro Emmaus di Rivera, 4 presso la parrocchia di Chiasso, oltre i 24 di Casa Astra – e finiscono subito. Ogni inverno, con l'arrivo della neve, i senzatetto si mettono in fila per entrare. Sono vagabondi provenienti dall'estero ma anche giovani scappati di casa, adulti separati, inquilini sfrattati. «Non tutti dormono per strada. Alcuni sono ospiti presso amici, oppure dormono nel garage o nell'auto, o in edifici abbandonati, in attesa che si liberi un posto» spiega Di Blase. 

La lunga attesa - Spesso però questi alloggi provvisori si rivelano più pericolosi della strada: dopo l'incendio in uno scantinato a Massagno, in cui un anno fa perse la vita un senzatetto italiano, si è corsi ai ripari. Ma i tempi sono lunghi. A Locarno circa 25 posti letto saranno pronti per l'inverno prossimo, a Casa Martini. Altri 20-30 dovrebbero essere realizzati a Bellinzona presso Casa Marta «probabilmente entro i prossimi due anni» spiega Di Blasi, e lancia un appello: «Nel frattempo basterebbe che il Cantone mettesse a disposizione una sede della protezione civile, magari a Lugano». È qui infatti che si concentra il maggior numero di senzatetto. Ma al momento, sul Ceresio non esiste un solo dormitorio. E le notti sono sempre più fredde.

* nomi di fantasia

 



foto tio.ch/20minuti
Guarda le 2 immagini

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-19 17:54:53 | 91.208.130.89