ULTIME NOTIZIE Ticino
POSCHIAVO (GR)
1 ora
Incidenti sul lavoro: un imprenditore poschiavino condannato in Italia
Le vittime del sinistro, un uomo decapitato dal cavo di una teleferica e un ferito grave, si trovavano a Grosio (Sondrio)
LUGANO
2 ore
Risultato record: 103'000 utenti al giorno per Tio
Per la prima volta i lettori online superano quelli dei media cartacei. Enrico Morresi: «I contenuti sono più importanti del supporto»
FOTO E VIDEO
LOCARNO
4 ore
Si pattina a suon di Sgaffy. È partito Locarno On Ice
La manifestazione invernale più apprezzata del Ticino festeggia 15 anni con tante novità
CANTONE
5 ore
Fioristi agguerriti: «Così vi facciamo dimenticare i cattivi pensieri»
Vendere una semplice stella di Natale o un amarillis non basta più. Da ormai diversi anni l’Avvento si trasforma in una sfida basata sui colpi di genio. E sulla capacità di stupire
Attualità
5 ore
Dal fotovoltaico allo studio sui batteri: quando la Supsi progetta al fronte
Il mandato che il Cantone ha stipulato con la scuola comprende sedici ambiti. Tra i molti abbiamo selezionato tre progetti
AIROLO
5 ore
A Pesciüm si scia dal 30 novembre
Le condizioni meteo particolarmente favorevoli hanno permesso di preparare le piste
SAN BERNARDINO
6 ore
La neve è arrivata: parte la pre-season
L'apertura parziale delle infrastrutture invernali è prevista per il 23 e il 24 novembre
CANTONE
6 ore
Fumo o svapo: «Meglio buttarsi dal primo piano, piuttosto che dal quinto»
I medici americani chiedono lo stop alla sigaretta elettronica. Tanti i dubbi sullo svapo. Ma in Svizzera il mercato è in ascesa. Ecco cosa ne pensano gli esperti ticinesi. Guarda il video
LUGANO
6 ore
«Chi di conflitto di interessi parla, in conflitto di interesse è!»
Il PLR replica alle accuse leghiste rivolte nei confronti della loro capogruppo in consiglio comunale, Karin Valenzano Rossi
CANTONE
6 ore
I social media riscuotono interesse turistico
Oltre trenta le persone che hanno preso parte a una formazione proposta ai partner di Lugano Region e Mendrisiotto Turismo
LOCARNO
7 ore
Monte Brè, l'incontro in Municipio
L'Esecutivo cittadino ha incontrato i promotori del progetto privato che mira a edificare nuove costruzioni di stampo turistico e alberghiero nel quartiere
BELLINZONA
8 ore
Il premio Robert Wenner ad Andrea Alimonti
Il capogruppo dell'Istituto oncologico di ricerca di Bellinzona riceverà 100'000 franchi per le sue scoperte sulle cellule tumorali
MENDRISIO
8 ore
Un nuovo contratto collettivo per FoxTown
Ne beneficeranno, dal 1° gennaio, oltre 1200 collaboratori attivi nei 160 negozi del Centro
CANTONE
8 ore
«Servizio espresso», basta pagare e ti arriva la patente
Su Facebook compare la pagina "patente di guida". Si ottiene senza esami né prove, ma pagando
CANTONE
8 ore
Violenze contro i figli, confermate le pene
Per i fatti relativi ai genitori di Chiasso, la madre è stata condannata a otto anni mentre il padre a tre. Condannato anche il nonno per non aver sporto denuncia
CONFINE
9 ore
Frana sulla strada per il Bisbino, isolate 900 persone
La strada che collega Rovenna a Cernobbio è stata nel frattempo sgomberata dai massi, ma per il ripristino in sicurezza serviranno giorni
CANTONE
9 ore
Pestaggio di Gravesano, Losanna annulla la sentenza
Il Tribunale federale ha parzialmente accolto il ricorso presentato da uno dei due aggressori, condannato per tentato omicidio intenzionale
BELLLINZONA
10 ore
«Revocate il premio alla carriera a Haber»
Dopo le frasi sessiste, e le scuse dell'artista, arriva l'interrogazione alla città di Bellinzona, sponsor di Castellinaria: «Sessismo, razzismo e xenofobia devono essere denunciati»
CANTONE
11 ore
L'allerta neve resta, ma arriva la pioggia
Precipitazioni, anche importanti, attesa da stasera fino a domenica
CANTONE
11 ore
Reddito mediano: «A quanto ammonta e come si è evoluto?»
L'MpS interroga il Governo chiedendo lumi sullo "sviluppo precario" del nostro Cantone
CANTONE
11 ore
Emirati Arabi Uniti: grande interesse da parte degli imprenditori ticinesi
Il mercato è stato analizzato in una serata organizzata dalla Camera di commercio Cantone Ticino
CANTONE
12 ore
La farmacologia dell’EOC diventa centro di riferimento nazionale
L'istituto dell'Ente valuterà le farmacoterapie dei degenti di dieci grandi case per anziani nei cantoni di Zurigo e Vallese
LUGANO
12 ore
«LASA, chi più chi meno...»
Il gruppo PS-PC critico verso l'introduzione del tempo parziale lavorativo e la mancata decurtazione degli stipendi dei membri di direzione
CANTONE
12 ore
Collaborazione fra Cantone e Supsi, ecco il credito
Il Consiglio di Stato ha adottato il messaggio con la richiesta di un credito di 1’532'000 franchi annui per il periodo 2020/2024
CANTONE/SVIZZERA
12 ore
A Malpensa in bus? «Solo quando il treno si sarà affermato»
La risposta del Consiglio federale a un'interpellanza del deputato leghista Lorenzo Quadri sui collegamenti su gomma tra il Ticino e lo scalo milanese
CANTONE
12 ore
Test per la galleria di base del Ceneri, Tilo sostituiti da bus
Verranno effettuati nella notte tra domenica 24 e lunedì 25 novembre. I passeggeri sono invitati a consultare l'orario online
CANTONE
13 ore
Incidente sull'A2, code da Chiasso
Lo scontro, la cui dinamica non è nota, si è verificato tra Mendrisio e la galleria di San Nicolao
TICINO
21.09.2006 - 11:060
Aggiornamento : 23.11.2014 - 06:51

"Cés (Chironico): una Fondazione dalle stelle alle stalle", interrogazione al CdS

 

BELLINZONA - I Gran Consiglieri Giorgio Canonica, Francesco Maggi, Sergio Savoia, Norman Gobbi, Mario Ferrari, Roland David, Marino Truaisch, Franco Celio e Jacques Ducry, hanno presentato un'interrogazione dal titolo: "Cés (Chironico): una Fondazione dalle stelle alle stalle".
"La Fondazione per la Rinascita di Chiesso/Cés (FRC) - scrivono i deputati - è stata creata nel 1973, col patrocinio dell’avv. Graziano Papa di Pro Natura, dell’allora parroco di Bodio don Emilio Conrad, del dirigente scout Fiorenzo De Taddeo. Scopo è il restauro del monte di Cés, nel rispetto delle caratteristiche tradizionali, e la rianimazione del villaggio (allora abbandonato) in particolare con esperienze di vita comunitaria. Durante una ventina d’anni, la FRC ha perseguito il suo scopo abbastanza efficacemente, con modestia, scarsi mezzi e molto volontariato, in armonia con gli altri proprietari terrieri e con le autorità, acquisendo poco a poco un notevole patrimonio fondiario. Negli anni 90 questa efficacia è calata, col sopravvento nel gruppo operativo di alcuni zurighesi “alternativi”, più ricchi di ideologia fumosa e di arroganza che di competenza gestionale. Negli anni 2000, poi, questo gruppo alieno, rinforzato ultimamente da qualche ticinese fedifrago, ha assunto, in forme golpiste, la maggioranza nel Consiglio di fondazione (CF). Da allora, nessun lavoro che vada oltre la minimale manutenzione è stato intrapreso, le energie dei menatorrone (attualmente, trattasi dei signori Christoph Müller e Fabio Bontadina, di Zurigo, e Rolando Picchetti, di Rivera, con altri) sono state piuttosto rivolte, col massimo disprezzo per la democrazia, all’epurazione dei dissidenti e dei diversi.
Per esempio, la FRC aveva deciso nel 2001 di affittare la sua microazienda agricola a due membri del gruppo operativo, non facenti parte però della conventicola zurighese, i coniugi Christian e Sabine Marent-Schniepp. L’affitto è stato perfezionato, con l’approvazione del contratto, la vendita del bestiame ai nuovi contadini e col loro pagamento della quota annuale. Ma gli zurighesi, dopo aver assunto il controllo della FRC nel 2002, hanno negato spudoratamente l’esistenza del contratto stesso e tentato di forzare i due contadini a partire, con metodi di vero terrorismo psicologico. In difesa dei loro diritti essi hanno dovuto presentare ricorso contro la FRC alla Pretura di Leventina, di cui si attende la sentenza. Intanto il contadino è stato estromesso dal CF, in cui sedeva dal 1983".
 
"La FRC - prosegue il testo - è una fondazione di diritto cantonale, sottoposta dunque alla vigilanza dello Stato, che la esercita tramite la Divisione della giustizia. È perciò lecito interrogare il Consiglio di Stato su diverse attività della FRC che destano preoccupazione:

1. Nel 2000, la FRC ha ottenuto la licenza di costruire una nuova stalla per una dozzina di UBG, con il benestare dell’Ufficio dell’edilizia rurale. Dopo un inizio dei lavori nel 200l e Fr. 30-40’000 di spese, il cantiere è stato abbandonato (gli zurighesi rifiutavano di costruire una stalla per gli aborriti contadini) e appare oggi come un neo-diroccato che deturpa il villaggio (recentemente considerato degno di protezione anche dal Fondo svizzero per il paesaggio).
Come valuta il governo un tale comportamento da parte di una fondazione che ha per scopo il restauro del villaggio?
È vero che la FRC ha tagliato nel 2000 parecchi tronchi di larice destinati alla carpenteria della nuova stalla, che ora giacciono a marcire al margine del bosco?

2. Nel 1998, statuendo su un ricorso presentato da un confinante, il Consiglio di Stato aveva ingiunto alla FRC di chiudere un’apertura nel muro di una sua nuova costruzione.
È vero che la FRC ha fatto orecchio da mercante e solo nel 2002, dopo sollecitazione del Municipio di Chironico, l’apertura è stata chiusa?

3. Nel 2005, la FRC ha ricostruito e ampliato una tettoia adiacente a una stalla di sua proprietà. Nel 2006, ha costruito dei nuovi gabinetti in legno, col sistema del compostaggio a secco.
La FRC ha ottenuto le necessarie licenze di costruzione per tali lavori?

4. La FRC svolge un’attività para-alberghiera, affittando a persone e gruppi due suoi rustici e totalizzando annualmente 1500-2000 pernottamenti.
Questa attività para-alberghiera è stata annunciata agli uffici competenti e le tasse di soggiorno sono state regolarmente pagate?

5. La FRC concede a persone del suo gruppo operativo, riunite in un’associazione chiamata “Arcobaleno-Cés”, un locale nel quale viene gestito un spaccio di alimentari.
Questo “Negozio da mont” dispone di un’autorizzazione?
Dichiara il suo utile al fisco e paga, se del caso, le imposte?

6. La FRC svolge le sue attività impiegando persone iscritte al Servizio civile e collaboratori volontari.
È stato verificato se le persone del Servizio civile sono state utilizzate per il tipo di impiego prescritto dal Servizio civile stesso, e non per altri compiti non autorizzati?

7. I collaboratori volontari sono compensati con denaro contante, vitto e alloggio. Nel 2005, la FRC ha dovuto pagare arretrati e una multa a causa del mancato versamento dei contributi sociali AVS/AI/IPG di una persona. Ma nella contabilità annuale della FRC continuano a figurare Fr. 20-30’000.- di versamenti ai collaboratori, e Fr. 0.00 di  contributi sociali.
La FRC, che si definisce un progetto “ecosociale”, svolge dunque i suoi compiti di “pubblica utilità” sfruttando il lavoro nero?

8. Nel maggio 2003, la Sezione Agricoltura del DFE ha inviato alla FRC un suo parere giuridico sulla questione dell’affitto dell’azienda agricola.
È vero che i dirigenti della FRC hanno respinto tale parere, e ciò senza nemmeno riunire il CF per discuterlo?

9. Con un mandato dell’Ufficio natura e paesaggio, la FRC si occupa della manutenzione delle torbiere alte di importanza nazionale di Varenc, vicino a Cés. Per questo ha tagliato negli scorsi anni diversi alberi, trasportando poi il legname a Cés.
È vero che in questo modo la FRC si è appropriata abusivamente di legna da ardere  di legittima proprietà di un privato terriero di Varenc?

10. In seguito a una istanza d’intervento di un membro minoritario del Consiglio di Fondazione, l’addetto all’Autorità di vigilanza sulle fondazioni ha chiesto nel gennaio 2004 un incontro con una delegazione della FRC.
È vero che, in seguito a ripetute dilazioni da parte dei dirigenti, questo incontro ha potuto aver luogo solo nel novembre 2004, undici mesi dopo?

11. Nel maggio 2004, l’Autorità di vigilanza ha raccomandato alla FRC di provvedere a una revisione del suo statuto, risalente al 1976, non più del tutto conforme alla legislazione e di ambigua interpretazione. Trattasi di uno statuto di un paio di pagine che si può discutere in qualche ora.
La FRC ha dato seguito a questa richiesta, oggi, dopo oltre due anni?

12. Caratteristica dell’attuale statuto della FRC è la norma che assegna all’associazione fondatrice (la “Comunità di Cés”, che conta una ventina di membri ed è pilotata dagli stessi personaggi) il potere di nomina dei membri del CF. In Svizzera solitamente il CF elegge i suoi membri per cooptazione. Fino al 2002, le nomine erano comunque sempre avvenute in forma tacita.
È vero che dal 2002 il gruppo zurighese ha imposto elezioni in forma palese, anche quando il numero dei candidati era eguale al numero dei seggi, con procedure barbariche analoghe al tiro a segno sul candidato, non tanto per eleggere qualcuno, bensì per non rieleggere membri a loro sgraditi nel CF?
È vero che nel 2005, per escludere due membri, la fondatrice, con procedura antistatutaria, ha ridotto di due il numero dei membri del CF, decisione che ha dovuto essere annullata davanti al Pretore di Leventina?

13. Fra le proprietà della FRC figura una grande casa, risalente al 1675: un bene culturale, esempio esternamente ben conservato di architettura rurale alpina del XVII secolo, della stessa epoca della vicina cappella dei santi Pietro e Paolo. Da un documento della FRC in circolazione, risulta l’intenzione di rifarne il tetto in piode e altre parti. Questo restauro parziale sarà affidato a due membri del CF, dilettanti in materia.
Non ritiene il Consiglio di Stato che, prima di metter mano a un edificio così venerando, dovrebbe essere chiesta la consulenza dell’Ufficio dei beni culturali, nonché di architetti e ingegneri sperimentati in questo genere di restauri, che comportano problemi di resistenza delle strutture e dei materiali antichi, di inserimento di tecniche e materiali moderni, ecc.?

14. Qualora le precedenti domande, o buona parte di esse, ricevano una risposta sfavorevole alla FRC, sembrerebbe a tutti intollerabile che una fondazione “di pubblica utilità”, sottoposta all’Autorità cantonale di vigilanza sulle fondazioni, si comporti come qualsiasi privato abusivista e si permetta di ricorrere al lavoro nero, evadere le tasse, rubar legna, rompere senza base legale un contratto d’affitto agricolo, menare per il naso l’Autorità di vigilanza, ecc.
Si dovrebbe dedurre che la FRC è diretta e amministrata da un gruppo di scellerati, privi di senso civico, insofferenti a ogni legge o regolamento, compreso lo stesso statuto della FRC, soprattutto ignari di ogni valore etico.
Particolarmente sconcertante ed eticamente condannabile appare infatti il loro accanimento contro i due picccoli contadini di montagna, sottoposti a minacce e molestie da cinque anni, considerando che si tratta delle uniche persone del gruppo che operano efficientemente per realizzare, nel settore agricolo, gli scopi della FRC. 
Il Consiglio di Stato, se gli estremi fossero da esso verificati, se risultasse in particolare che gli scopi della fondazione non siano adeguatamente perseguiti e che il patrimonio non sia usato in modo oculato, intende adottare misure, anche mediante gli strumenti offertigli dagli art. 80 e segg. del CCS, per rimettere ordine nella FRC, riportarla sui binari giusti, riattivarla nella realizzazione dei suoi scopi statutari? Se del caso, quali misure?"

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-21 23:51:13 | 91.208.130.89