ULTIME NOTIZIE Ticino
MENDRISIO
9 min
Niente Fiore di pietra fino a maggio
Ritardata anche l'apertura della Ferrovia Monte Generoso. Il camping, invece, sarà attivo dal 27 marzo
LUGANO 
2 ore
Più che Lombardi «luganese»
Da qualche giorno Filippo Lombardi è a tutti gli effetti domiciliato nella città dove intende correre per il Municipio
CANTONE
2 ore
I tamponi a scuola sono un lusso
Mentre il Decs è alle prese con la variante inglese, gli istituti privati fanno da sé. Il caso "esclusivo" della Tasis.
CANTONE
8 ore
Motoslitte da usare «nel rispetto delle norme»
Il club ticinese che riunisce gli appassionati del mezzo stigmatizza gli abusi rilevati una decina di giorni fa
STABIO
11 ore
Dopo l'assemblea digitale, il PLR in corsa per il Municipio di Stabio
La sezione ha ratificato le liste in vista delle elezioni comunali del prossimo 18 aprile 2021
CANTONE
13 ore
Frontale nella galleria del San Gottardo
L'incidente si è verificato ieri pomeriggio. Il bilancio è di due feriti, di cui uno grave
CANTONE
14 ore
Luci rosse spente: «Le nostre ragazze ora lavorano a Berna»
Lo sconcerto del gerente dell'Oceano: «La coerenza? Quali distanze sociali si possono garantire in un bordello?»
ITALIA / CANTONE
15 ore
«Stressate» dalla scuola: 13enni fiorentine scappano in Ticino
Sono state localizzate grazie ai telefoni cellulari e individuate su un treno diretto a Lugano
STABIO
15 ore
Due aree di svago per valorizzare il bosco
Nei pressi di Santa Margherita verranno create una zona didattica e una ricreativa.
LUGANO
27.04.2005 - 07:290
Aggiornamento : 10.11.2014 - 03:39

Un tram in città? Un'idea di oltre 200 milioni di franchi

LUGANO- Reinserire il tram in città? Perchè no. Oggi l'idea appare molto meno utopica rispetto a 12 anni fa quando per la prima  volta venne avanzata la proposta di rispolverare il tram.  Era il 1993 quando l'Associazione traffico e ambiente (ATA)  avanzò la tesi di un tram traversante da nord a sud la città di Lugano. Un'idea che fu però accantonata e che viene ripresa oggi con alcune importanti innovazioni e con uno studio dal titolo "Una linea di tram a Lugano: il rilancio di un'idea" che è stato presentato ieri sera  alla sala Multiuso di Paradiso, di fronte - in realtà - a un pubblico troppo poco numeroso: appena una trentina di persone.

L'idea dei promotori dell'iniziativa è quella di collegare i "grandi attrattori in periferia a sud e a nord della città con un mezzo pubblico veloce, silenzioso, pulito, passando dal centro cittadino".  Un'idea che oggi - secondo Werner  Herger che ha curato lo studio e Gian Paolo Torricelli, presidente ATA per il Ticino  - sembra essere molto più fattibile che in passato: "Lugano è diventata negli ultimi anni ancora più grande, riveste un ruolo importante, si sono venuti a creare dei poli urbani di notevole entità, ma non ha un asse portante che ci permette di immaginare il suo sviluppo futuro", ha spiegato Torricelli

I promotori hanno comunque precisato che  non si tratta di  "un progetto fatto e finito", bensì di valutare la situazione attuale e capire in che modo può essere concretizzato il progetto.

Ma veniamo al tragitto e vediamo quali poli urbani si intendono collegare  attraverso il tram.
Si parte da nord, o meglio da Cornaredo (polo questo che in futuro dovrebbe vedere la nascita della galleria del Vedeggio, che attualmente ha un cinema multisala, scuole e negozi, quindi una realtà urbana molto vitale) e si procede verso il centro sfruttando la linea del fiume Cassarate. Si arriverebbe quindi fino a Campo Marzio (dove in futuro la Città intende realizzare un grosso centro alberghiero e congressuale). Da qui il tram si sposterebbe verso il centro (forte punto di attrazione urbana), procederebbe per Paradiso, e quindi si inoltrerebbe fino al Pian Scairolo (vera e propria isola commerciale).
Un progetto che permetterebbe di spostarsi dal centro di Lugano a Grancia in appena 10 minuti.  "Non è certo un progetto di facile realizzazione- ha spiegato Werner Herger - ma non è sicuramente impossibile. Lo spazio in fondo c'è. Una combinazione tranviaria permetterebbe di risparmiare 250 automobili, che equivalgono a un chilometro e mezzo di colonna in meno".

Ma è anche questione di costi, i quali si aggirano tra i 160 milioni e i 210 milioni di franchi. Soldi che secondo Herger potrebbero arrivare in parte dal Cantone, e in parte anche  dalla Confederazione che a quanto pare sarebbe intenzionata ad appoggiare nei prossimi anni una politica di contributi economici a favore degli agglomerati e della viabilità. "Lo so, sono molti soldi, ma è poca roba rispetto a quanto si spende per la viabilità in Svizzera, e ciò  quindi mi fa sperare bene nella fattibilità del progetto. Alle Camere federali c'è la proposta di un fondo per gli agglomerati, quindi è il momento di avere un'idea forte e valida".

Sal Feo





YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-20 08:21:28 | 91.208.130.86