CONSIGLIO FEDERALEElettricità, al via la costituzione di una riserva da 1000 MW

25.01.23 - 14:15
L'Esecutivo elvetico ha deciso: già da febbraio va costituita una riserva di energia
20 Minuten Agency
Fonte ats
Elettricità, al via la costituzione di una riserva da 1000 MW
L'Esecutivo elvetico ha deciso: già da febbraio va costituita una riserva di energia

BERNA - Per scongiurare eventuali black-out o altri contrattempi già quest'anno, dal 15 di febbraio dovrà essere costituita una riserva di energia pari a 1000 Megawatt (MW). È quanto prevede l'ordinanza, con durata limitata al 2026, sulla riserva invernale adottata oggi dal Consiglio federale. Questa "riserva complementare" apporta energia supplementare al sistema elettrico e arricchirà la scorta idroelettrica, in cui già viene stoccata energia.

L'ordinanza regola l'impiego di una riserva di energia idroelettrica, di centrali elettriche di riserva e di gruppi elettrogeni di emergenza nonché impianti di cogenerazione aggregati per rafforzare l'approvvigionamento elettrico invernale in Svizzera.

Il testo di legge, elaborato per far fronte a picchi di carico, si basa su uno studio dell'Elcom, la commissione federale dell'energia elettrica, che prevede a partire dal 2025 una potenza di riserva pari a 1000 Megawatt.

Affinché le disposizioni esplichino un effetto già nel corso di quest'inverno, vengono ora integrate nell'ordinanza sulla riserva invernale. Di durata limitata alla fine del 2026, l'ordinanza dovrà essere sostituita da una normativa in forma di legge.

Corrente non destinata al mercato
Le centrali elettriche di riserva, i gruppi elettrogeni di emergenza e gli impianti di cogenerazione aggregati, produrranno elettricità esclusivamente per la scorta e non per il mercato.

Per le nuove centrali elettriche di riserva sono previsti bandi pubblici, da svolgere a partire dalla primavera del 2023 con l'obiettivo di trovare i siti e i gestori più adatti e di approvvigionarsi della necessaria potenza elettrica al rapporto qualità-prezzo più conveniente.

Eventuale obbligo di partecipazione
Qualora la scorta non possa essere costituita nell'entità necessaria, i proprietari di centrali elettriche di riserva idonee, o altre imprese, potranno essere obbligati a partecipare alla riserva.

Per tale servizio, i gestori delle centrali di riserva otterranno un compenso per i costi fissi e, in caso di prelievo effettivo, un'indennità che comprenda anche i costi generati dall'esercizio delle centrali.

Il finanziamento avverrà mediante il corrispettivo per l'utilizzazione della rete di trasporto. Saranno quindi i consumatori a sostenere i costi della riserva.

I costi
I costi per le centrali elettriche di riserva esistenti (Birr, Cornaux), le centrali idroelettriche di riserva, i gruppi elettrogeni di emergenza e gli impianti di cogenerazione aggregati per il periodo 2023-2026 sono stimati complessivamente a circa 2 miliardi di franchi.

Da ciò conseguirà un aumento delle tasse per l'utilizzazione delle rete a carico dei consumatori nel periodo dal 2024 al 2026 (le tariffe per il 2023 sono già state fissate), pari a una media di circa 1,2 centesimi per chilowattora (0,5 ct./kWh per le centrali elettriche di riserva e 0,7 ct./kWh per l'energia idroelettrica di riserva).

Riserva di consumo
Oltre a questa scorta di energia, entro la primavera verrà elaborato un piano per la costituzione di una riserva di consumo che sarà implementata già nell'inverno 2023/24 e nell'ambito del quale i grandi consumatori si impegneranno a risparmiare energia in modo mirato in cambio di un'indennità. A seconda dell'esito dei lavori, questa riserva sarà integrata nell'ordinanza.

COMMENTI
 
Isone 1 sett fa su tio
Perchè non andate a spegnere la luce e a staccare la spina dell'auto elettrica a casa di Simonetta, tanto per cominciare?
Paolo-Basilea 1 sett fa su tio
Zherosystem. Com ho sbagliato link
Paolo-Basilea 1 sett fa su tio
Perché non batterie di stoccaggio al sale? Esistono, costano poco e sono efficienti. Zhero.net
Princi 1 sett fa su tio
si si staremo a vedere , consiglio federale peggio degli azzurri
NOTIZIE PIÙ LETTE