Keystone
SVIZZERA
13.08.2020 - 10:330

Ignazio Cassis difende le sue dichiarazioni su Cina e diritti umani

Secondo il Ministro degli Esteri ticinesi quelle affermazioni si limitano a riassumere cose già dette più volte.

Le parole di Cassis avevano suscitato critiche da parte degli ambienti economici e dalle autorità cinesi.

BERNA - Il ministro degli Esteri Ignazio Cassis difende le sue dichiarazioni sulla Cina che hanno suscitato critiche da parte degli ambienti economici elvetici e delle autorità cinesi. Quelle affermazioni si limitano a riassumere cose già dette più volte. Non c'è nulla di nuovo e non si tratta di una svolta nelle posizioni della Svizzera, ha sostenuto Cassis in un'intervista pubblicata oggi dai giornali CH-Media.

Secondo Cassis, la reazione del ministero degli Esteri cinese è stata «relativamente delicata» visto che si è limitato a definire «infondate e non costruttive» le sue allegazioni. È una reazione prevedibile ed è una risposta normale che quando si tratta di cose spiacevoli, ha aggiunto.

«Nelle discussioni con la mia controparte cinese, simili questioni sono emerse spesso in modo più chiaro». Ci sono cose più e meno belle nel rapporto tra due Paesi, ha detto Cassis. «Manteniamo buone relazioni economiche con la Cina e parliamo di diritti umani allo stesso tempo, come è giusto che sia».

All'inizio del mese, il responsabile del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) aveva detto alla "SonntagsBlick" che la Cina si stava allontanando dalla «via dell'apertura» e che le violazioni dei diritti umani erano in aumento.

Con Pechino «prima abbiamo stabilito relazioni economiche e poi abbiamo parlato di diritti umani». Ma la Cina è cambiata, e «la Svizzera deve difendere i suoi interessi e i suoi valori in modo più fermo, in particolare rafforzando il diritto internazionale e il sistema multilaterale», aveva dichiarato al domenicale il ministro ticinese.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Marta 1 mese fa su tio
io sono d'accordo. non perché siamo una formica di fronte ad un elefante dobbiamo stare zitti ..non dimentichiamo poi che il bel regalo del Covid viene da proprio da lì..
miba 1 mese fa su tio
Senza ombra di dubbio uno tra i peggiori consiglieri federali che la Svizzera abbia mai avuto... Ed ora che fa? Ha anche la buona idea di opinare (soggettivamente) su AFFARI INTERNI della Cina. Che vergogna!
roma 1 mese fa su tio
...non ne combinamai una giusta...mai all'altezza, voltamarsina sempre...penso sia venuto il momento di congedarlo.
streciadalbüter 1 mese fa su tio
La Svizzera alla Cina fa lo stesso effetto di una pulce all`elefante.Gio`do dida,Cassis.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-25 19:37:29 | 91.208.130.86