Cerca e trova immobili

ZURIGOSenza patente con auto rubata, alcol e droga investì una poliziotta: 14 anni di carcere

22.05.23 - 16:11
Un ragazzo di soli 21 anni è stato giudicato colpevole di tentato omicidio intenzionale.
Deposit (simbolica)
Senza patente con auto rubata, alcol e droga investì una poliziotta: 14 anni di carcere
Un ragazzo di soli 21 anni è stato giudicato colpevole di tentato omicidio intenzionale.

ZURIGO - Il Tribunale d'appello del canton Zurigo ha condannato oggi a 14 anni di reclusione un 21enne che nel 2020 investì e ferì gravemente una poliziotta a Zurigo. La Corte lo ha ritenuto colpevole, tra le altre cose, di tentato omicidio intenzionale.

Oltre al carcere, il tribunale gli ha inflitto una multa di 1'200 franchi. In prima istanza il giovane era stato condannato a 11 anni e tre mesi di reclusione per ripetute lesioni personali gravi. 

Durante la reclusione il giovane dovrà sottoporsi a una terapia ambulatoriale. La perizia psichiatrica ha identificato un disturbo della personalità dissociale e un problema di dipendenza. Già in prima istanza, il Tribunale distrettuale della città sulla Limmat aveva ordinato una terapia ambulatoriale per curare i disturbi psichici del ragazzo.

Il Ministero pubblico aveva chiesto una condanna di 16 anni di prigione e una multa di 4'000 franchi per tentato omicidio. La difesa aveva domandato una pena di sei anni al massimo per lesioni personali gravi ed esposizione al pericolo della vita altrui nonché un'ammenda di 800 franchi. La sentenza non è ancora definitiva e può essere impugnata davanti al Tribunale federale.

Il dramma - I fatti risalgono alla sera del 28 febbraio di tre anni fa. L'imputato ha ammesso di essersi recato nella zona dei "box del sesso", in compagnia della sua fidanzata e di altri tre amici, pur essendo privo di patente e con l'auto sottratta al padre. Il tutto dopo aver consumato alcolici, cocaina e cannabis.

Il giovane ha affermato di non ricordare esattamente ciò che accadde. I fatti però sono incontestati: uno dei passeggeri ha scattato foto di prostitute e gli agenti della polizia cittadina che si trovavano sul posto gli hanno ordinato di fermare l'auto per un controllo.

Una gamba quasi tranciata - In un primo momento il giovane alla guida ha dato l'impressione di seguire l'ordine, ma «improvvisamente e in modo del tutto inaspettato» ha fatto una brusca retromarcia, per poi accelerare con il suo SUV grigio, investendo la detective 38enne. Mentre il giovane continuava ad accelerare, la donna è stata trascinata per quasi 16 metri con la gamba incastrata nel parafango anteriore. Una volta liberatasi da quella posizione, la sua gamba è stata investita dalla ruota posteriore e quasi tranciata.

Ricoverata con ferite gravissime, la poliziotta è stata sottoposta a un intervento chirurgico d'urgenza ed è rimasta ricoverata per diverse settimane in condizioni critiche. La donna lavora oggi a tempo parziale, ma è stata trasferita al servizio interno della polizia: i medici avevano a lungo temuto che non potesse più riprendere la sua attività.

«Per sentirsi figo» - Il conducente del SUV era in un primo tempo riuscito a fuggire ed è stato arrestato il giorno successivo nella sua abitazione. Da allora si trova in detenzione preventiva. Durante questo periodo si è scoperto che il giovane aveva ripetutamente sottratto l'auto al genitore, sfrecciando di notte a velocità elevata e senza patente nelle strade di quartiere.

Imprese, quest'ultime, spesso filmate dal ragazzo «per sentirsi figo», ha ammesso il giovane in tribunale. Nonostante ciò, l'imputato ha detto di avere imparato molto in prigione e di essere disposto a sottoporsi ad una terapia.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE