Immobili
Veicoli
Depositphotos (belchonock)
Il Tribunale cantonale lo ha riconosciuto non colpevole.
ZURIGO
18.04.2022 - 17:230

Uno stupratore risarcito (con centomila franchi)

L'uomo ha ricevuto trattamenti giudicati inadeguati per il suo problema psichico dovuti a una perizia difettosa.

Le nuove perizie gli hanno attestato una schizofrenia ebefrenica, che spesso provoca comportamenti irresponsabili che lo hanno spinto a commettere i reati sessuali in maniera inconsapevole.

ZURIGO - Uno stupratore di 36 anni del cantone di Zurigo riceverà centomila franchi di risarcimento dallo Stato. L'uomo, con problemi psichici, è stato trattato erroneamente per anni a causa di una perizia non corretta.

Nel 2010, quando aveva 24 anni, il giovane è stato condannato a quattro anni di reclusione dal tribunale distrettuale di Zurigo e posto in un istituto per giovani adulti. Riesaminando il caso l'anno seguente, la Corte cantonale ha ridotto la pena a tre anni, ma ha mantenuto l'internamento. Dopo quattro anni, quando è stato rilasciato con la condizionale, il giovane ha ancora commesso reati sessuali. È quindi stato arrestato di nuovo e posto diversi mesi in custodia di sicurezza.

In seguito, due nuove perizie gli hanno attestato un disturbo mentale - schizofrenia ebefrenica, che spesso provoca comportamenti irresponsabili - che lo hanno spinto a commettere i reati sessuali in maniera inconsapevole. Quindi non era colpevole. Di conseguenza il Tribunale cantonale ha annullato le condanne del 2010 e del 2011 e assolto pienamente l'imputato, riferisce una sentenza pubblicata recentemente. La vecchia perizia iniziale sul suo stato mentale è stata ritenuta difettosa e poco dettagliata.

Secondo la più alta corte cantonale, l'uomo avrebbe dovuto essere sottoposto da tempo a una terapia stazionarie. Né nella struttura per giovani adulti né in detenzione di sicurezza è stato trattato il disturbo mentale dell'uomo.

Il Tribunale ha quindi stabilito un risarcimento di 100'000 franchi per i quattro anni di misure "inadeguate" e per la custodia di sicurezza.

Nel 2015, è stato finalmente ricoverato per quattro anni per curare il suo disturbo. Ora vive in una struttura con assistenza nella regione di Zurigo.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-06-26 12:49:52 | 91.208.130.87