Cerca e trova immobili

SVIZZERA«Le persone non sanno più come pagare l'affitto»: l'allarme di Caritas

25.06.24 - 10:01
La crisi dell'alloggio accresce la povertà: «Servono interventi immediati»
Foto TiPress
Fonte ATS
«Le persone non sanno più come pagare l'affitto»: l'allarme di Caritas
La crisi dell'alloggio accresce la povertà: «Servono interventi immediati»

BERNA - «Le persone con un reddito basso non riescono più a sostenere i costi per l'abitazione. Inoltre, in tutta la Svizzera mancano alloggi a prezzi accessibili». Caritas Svizzera: «Servono interventi immediati da parte della politica e del mondo economico». È più di un grido di allarme quello lanciato dall'associazione, impegnata ad affrontare situazioni sempre più critiche.

«Ogni giorno in Caritas siamo confrontati con persone che non sanno più come pagare l'affitto», ha dichiarato Peter Lack, direttore di Caritas Svizzera, durante una conferenza stampa tenutasi questo martedì (25 giugno) a Berna.

Nel suo nuovo documento di posizione sul tema dell'alloggio, Caritas mette in luce l'impatto della carenza di spazi abitativi sulle famiglie in condizioni finanziarie precarie. «La situazione del mercato immobiliare è critica - hanno sottolineato con preoccupazione - in molti Cantoni, il tasso di appartamenti sfitti è ben al di sotto dell'uno per cento, e gli alloggi a prezzi accessibili scarseggiano. Inoltre - hanno aggiunto - i prezzi delle pigioni e le spese accessorie aumentano. Questo grava soprattutto sul budget delle famiglie più indigenti, che spendono in media oltre un terzo del loro reddito per l'alloggio e l'energia, mentre l'onere per un'economia domestica media corrisponde solo alla metà».

Un reddito mensile di 4'000 franchi, una pigione di 1'872 - Sophie Buchs, direttrice di Caritas Ginevra, ha citato un esempio recente: un padre separato sta cercando un appartamento più grande per poter ospitare i due figli. Con un reddito mensile di circa 4000 franchi, l'uomo fatica a trovare una soluzione abitativa adeguata, poiché l'affitto medio per un appartamento di quattro locali nella regione di Ginevra è di 1872 franchi, pari al 46 per cento del suo reddito. Sophie Buchs ha dichiarato: «Ginevra sta vivendo da molti anni ciò che il resto della Svizzera stata sperimentando solo ora: una grave carenza di alloggi che ha portato a un rincaro degli affitti, creando difficoltà economiche anche per la classe media».

Alloggi rumorosi e in ubicazioni sfavorevoli hanno effetti negativi sulla salute - La crisi dell'alloggio non riguarda solo l'aspetto finanziario: secondo il Rapporto nazionale sulla salute, la situazione abitativa è inadeguata per oltre l'83 per cento delle famiglie colpite dalla povertà. «Le persone con un budget limitato di solito vivono in appartamenti rumorosi e mal isolati, situati in ubicazioni sfavorevoli e in prossimità di strade trafficate», ha spiegato Aline Masé, responsabile Servizio Politica sociale presso Caritas Svizzera. Una situazione abitativa così precaria ha effetti negativi sulla salute fisica e mentale delle persone interessate.

Pertanto, «Caritas sollecita politica ed economia ad adottare rapidamente misure concrete, come i sussidi all'alloggio basati sul reddito, già corrisposti nei Cantoni di Basilea Città, Basilea Campagna e Ginevra, nonché in alcuni Comuni dei Cantoni Vaud e Ticino. Tutti i livelli di governo - incalzano i responsabili di Caritas Svizzera - devono inoltre effettuare investimenti significativi nella promozione di alloggi a prezzi accessibili. I Cantoni e i Comuni dispongono già delle competenze necessarie in tal senso, ad esempio adeguando le normative urbanistiche per le ristrutturazioni e le nuove costruzioni o incentivando le società di costruzione di abitazioni di utilità pubblica».

E proprio su questo punto il direttore Lack ha dichiarato che «la politica dell'alloggio è strettamente legata alla lotta contro la povertà, ed è più urgente che mai».

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE