Cerca e trova immobili

BASILEADonazione da 900 milioni di franchi per un nuovo istituto di ricerca medica

19.06.24 - 10:03
La somma, messa a disposizione dalla Fondazione Botnar, servirà per lo studio di vaccini e terapie a favore dei bambini.
Deposit
Fonte Tages Anzeiger
Donazione da 900 milioni di franchi per un nuovo istituto di ricerca medica
La somma, messa a disposizione dalla Fondazione Botnar, servirà per lo studio di vaccini e terapie a favore dei bambini.

Una cifra enorme da usare principalmente per lo studio di vaccini e terapie a favore dei bambini. Si tratta di un miliardo di dollari (circa 900 milioni di franchi) che la Fondazione Botnar di Basilea ha deciso di mettere a disposizione per la creazione di un nuovo istituto di ricerca nell'area di Basilea.È uno dei maggiori importi mai donati. Per un periodo di 15 anni, a partire dal 2027, la Fondazione Botnar di Basilea metterà a disposizione tale cifra.

La volontà - Circa 300 scienziati si dedicheranno alla ricerca sul sistema immunitario dei giovani. I risultati saranno utilizzati per combattere le malattie attraverso, ad esempio, la ricerca di nuovi vaccini. L'intenzione è di concentrarsi sulla cosiddetta ingegneria immunitaria, che sarà utilizzata per sviluppare nuove procedure diagnostiche e terapie. «Si tratta di adattare cellule e molecole del sistema immunitario in modo che abbiano un beneficio terapeutico. Verranno messe in essere anche la ricerca sul genoma, l'intelligenza artificiale e altri metodi informatici», dice in un comunicato stampa Stephen Wilson, a capo del Istituto Botnar di ingegneria immunitaria che aggiunge come «il sistema immunitario dei giovani differisce in modo significativo da quello degli adulti, ma è ancora troppo poco studiato»

Partenariati - Gli obiettivi di ricerca del nuovo istituto si sovrappongono in larga misura a quelli del Dipartimento di Scienza e Ingegneria dei Biosistemi (D-BSSE) del Politecnico di Zurigo, che ha sede a Basilea. «Il nuovo istituto è una grande opportunità», afferma il vicepresidente Christian Wolfrum. «Abbiamo obiettivi di ricerca simili», afferma Wolfrum. L'obiettivo, come detto, è sviluppare nuove soluzioni per combattere le malattie con l'aiuto del sistema immunitario ovvero le immunoterapie, che «oggi sono un pilastro importante della terapia del cancro», aggiunge.

Futuro - A partire dal 2027, tutto ciò si svolgerà nel campus principale dello Switzerland Innovation Park di Bachgraben, ad Allschwil. Tuttavia, l'edificio, progettato dagli architetti Herzog & de Meuron di Basilea, non è ancora stato costruito. Al termine di un lungo processo di valutazione svoltosi lo scorso anno, il sito di Basilea ha avuto la meglio su altre sedi in America, Israele, Singapore e Inghilterra anche grazie al fatto che nella regione di Basilea sono presenti più di 40 aziende biotecnologiche e farmaceutiche attive nel campo dell'immunologia e in grado di portare sul mercato i nuovi sviluppi della ricerca.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE