Cerca e trova immobili

SVIZZERA«Svizzera nel mirino degli estremisti? Nessun indizio concreto di attentati»

24.12.23 - 11:05
Le festività portano in dote anche timori riguardanti la sicurezza. Il SIC: «La minaccia potenziale c'è, ma altri Paesi sono più esposti».
Keystone
La polizia tedesca davanti al Duomo di Colonia.
La polizia tedesca davanti al Duomo di Colonia.
Fonte SIC / ats
«Svizzera nel mirino degli estremisti? Nessun indizio concreto di attentati»
Le festività portano in dote anche timori riguardanti la sicurezza. Il SIC: «La minaccia potenziale c'è, ma altri Paesi sono più esposti».

BERNA - Secondo il Servizio delle attività informative della Confederazione (SIC) non vi sono al momento indizi su concreti piani di attentati in Svizzera. La minaccia potenziale rimane comunque alta, è stato riferito all'agenzia Keystone-ATS.

A causa del rischio attentati le autorità tedesche hanno aumentato la sicurezza presso il Duomo di Colonia. Pure a Vienna sono state incrementate le misure per le feste natalizie.

Anche se bisogna sempre rimanere vigili, in Svizzera non sono state prese maggiori misure specifiche, ha sottolineato oggi il SIC. La Confederazione fa comunque parte del mondo occidentale e rimane di conseguenza un potenziale obiettivo degli estremisti islamici.

Sempre secondo l'opinione del SIC, altri Paesi sono più esposti. È il caso ad esempio di quelle realtà che sono intervenute militarmente per combattere il gruppo dello Stato islamico.

Estremismo pericolo maggiore - Lo scenario terroristico più plausibile in Svizzera è legato all'estremismo di matrice jihadista, che potrebbe ispirare singole persone. Stando al SIC, attacchi potrebbero colpire luoghi scarsamente protetti, come assembramenti di persone, e potrebbero venire sferrati anche con scarsi mezzi logistici e materiali.

L'attacco di Hamas a Israele e il conseguente conflitto scoppiato in Medio Oriente potrebbero inoltre esporre al pericolo obiettivi ebraici o islamici.

Tre arresti in Austria, uno in Germania - Tre persone sospettate di essere coinvolte in una rete islamista sono state arrestate in Austria. Lo hanno reso noto le autorità che hanno anche dichiarato di aver rafforzato la sicurezza intorno alle chiese e ai mercatini di Natale a causa di un «aumento del rischio». «Non c'è alcuna minaccia immediata di un attacco a Vienna», ha dichiarato un portavoce della polizia. Ieri la polizia austriaca aveva dichiarato in un comunicato stampa che «agenti terroristici in Europa stanno invocando attacchi a eventi cristiani, soprattutto intorno al 24 dicembre». Secondo quanto riportato dal sito web del quotidiano tedesco Bild, i servizi di sicurezza di Austria, Germania e Spagna avevano ricevuto indicazioni sul fatto che un gruppo islamista vorrebbe compiere diversi attentati in Europa, gli obiettivi di questi attacchi potrebbero essere le messe di Natale a Colonia, Vienna e Madrid. Il giornale afferma inoltre che una persona è stata arrestata in Germania.

Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

prophet 3 mesi fa su tio
se ripenso alla cartina dei pericoli mondiali all’entrata dell’allora caserma Forte Airolo nel 1994…allo stato attuale direi solo questione di tempo…

John Wayne 3 mesi fa su tio
L'attentatore era conosciuto e sotto stretto controllo. Intanto però ha ammazzato e con questa frase la mettono via a tarallucci e vinello. Qualche anno fa al Festival di Cannes ho visto far smontare gli obiettivi delle macchine fotografiche dei fotografi per paura di attentati (ma hanno controllato i telefoni o powerbank), come in altri posti frugare nelle borse fatto da gente che si lascia scappare fumogeni, petardi, droga nascosta nei pacchetti di sigarette, dove tutti lo sanno ma nascondono la polvere sotto al tappeto.
NOTIZIE PIÙ LETTE