Immobili
Veicoli

SVIZZERAInfermieri che lasciano il lavoro, in Svizzera sono 300 ogni mese

12.05.22 - 00:01
Il trend preoccupa l'ASI che - nella Giornata internazionale dell'infermiere - chiede un intervento immediato
Depositphotos (photographee.eu)
SVIZZERA
12.05.22 - 00:01
Infermieri che lasciano il lavoro, in Svizzera sono 300 ogni mese
Il trend preoccupa l'ASI che - nella Giornata internazionale dell'infermiere - chiede un intervento immediato

BERNA - Ogni mese circa 300 infermieri lasciano la professione. In occasione della Giornata internazionale dell'infermiere che ricorre oggi l'associazione del ramo chiede misure immediate per frenare questa tendenza.

Nel primo trimestre di quest'anno risultavano vacanti circa mille posti in più che nel quarto trimestre 2021, scrive in una nota odierna l'Associazione svizzera degli infermieri (ASI). Anche la prassi dimostra che la situazione si sta inasprendo, ha dichiarato a Keystone-ATS la direttrice dell'ASI Yvonne Ribi. Per porre fine all'esodo l'organizzazione chiede che i Cantoni reagiscano subito con una riduzione delle ore lavorative, con indennità e con compensazioni del tempo di lavoro.

«Evidentemente in molti cantoni manca la volontà politica e la cognizione che servono urgentemente miglioramenti», afferma nel comunicato la Ribi, secondo cui è pericoloso aspettare le decisioni della Confederazione. Singole aziende danno il buon esempio, mentre altre hanno difficoltà a svolgere i propri compiti: reparti vengono chiusi oppure sale operatorie non vengono utilizzate perché manca il personale di cura.

Il 28 novembre 2021 il popolo aveva approvato alle urne l'iniziativa"Per cure infermieristiche forti". In gennaio il Consiglio federale ha deciso di attuare il testo in due tappe: le misure riguardanti la formazione e la fatturazione diretta - ossia la possibilità per gli infermieri di fatturare determinate prestazioni direttamente all'assicurazione malattia - saranno introdotte rapidamente senza una nuova consultazione. Quelle relative alle condizioni di lavoro e alla remunerazione delle prestazioni richiederanno invece più tempo.

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA