Immobili
Veicoli
Imago
SVIZZERA
09.12.2021 - 15:300

Settore turistico ottimista per la stagione invernale

Le prenotazioni sono superiori allo scorso anno, in particolare nelle regioni di montagna

ZURIGO - Gli operatori turistici svizzeri prevedono una stagione invernale 2021/22 in significativa crescita rispetto all'anno precedente. I livelli delle prenotazioni per l'imminente periodo festivo e per l'intera stagione invernale sono chiaramente al di sopra dell'anno precedente, che è stato d'altronde molto debole a causa della pandemia di coronavirus.

È quanto ha indicato oggi Svizzera Turismo, basandosi sui risultati di un sondaggio condotto tra i fornitori di prestazione del settore. Si tratta comunque di risultati da prendere con le pinze, sottolinea l'organizzazione di categoria: l'inchiesta è stata effettuata alla fine di novembre - prima che la situazione peggiorasse di nuovo con il diffondersi della nuova variante Omicron.

Soprattutto le zone di montagna si sono mostrate cautamente ottimiste: a fine novembre calcolavano il 34% di pernottamenti in più rispetto all'inverno scorso. Se questa previsione dovesse avverarsi, il livello dell'ultimo inverno prima della pandemia (2018/19) sarebbe quasi raggiunto, ha precisato Svizzera Turismo. Nelle campagne e nelle città l'incremento sarebbe in media del 32%.

A rompere le uova nel paniere è però giunta la nuova variante del virus: soprattutto i turisti provenienti dall'estero potrebbero infatti decidere di cancellare le ferie in Svizzera. L'incertezza - secondo Svizzera Turismo - è davvero grande.

La possibilità che il governo introducesse una quarantena obbligatoria ha fatto temere una perdita considerevole di ospiti da mercati esteri importanti come Germania, Benelux, Francia, Italia e Gran Bretagna, soprattutto in vista delle feste natalizie. Nel frattempo, il Consiglio federale ha allentato queste norme - ma l'incertezza rimane.

Il regime di test più severo e il possibile ulteriore inasprimento così come le restrizioni di capacità incontrano il favore degli operatori del settore, anche se rendono la situazione più difficile.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-26 04:00:24 | 91.208.130.85