Immobili
Veicoli
Imago
SVIZZERA
07.12.2021 - 16:310

Ex poliziotto federale condannato per accettazione di vantaggi

L'invito di una settimana in Siberia pagato da Mosca ha inguaiato l'ex funzionario della Polizia giudiziaria federale

Fonte ATS
elaborata da Redazione

LOSANNA - La condanna di un ex funzionario della Polizia giudiziaria federale (PFG) specialista della Russia è definitiva. Il Tribunale federale (TF) ritiene che la sua condanna per accettazione di vantaggi sia giustificata per aver accolto nel 2016 un invito per una settimana di caccia all'orso in Siberia a spese di Mosca.

La Corte d'appello del Tribunale penale federale (TPF) aveva rinunciato a imporre una sanzione contro il ricorrente. Ciò è possibile quando lo stesso imputato è così gravemente toccato dalle conseguenze del suo atto che una condanna sarebbe inappropriata.

In questo caso, i giudici della corte con sede a Bellinzona avevano tenuto conto che l'esperto russo, ora 61enne, aveva perso il suo lavoro quando aveva più di 55 anni e aveva grandi difficoltà a trovare un'altra occupazione.

Davanti al Tribunale federale l'uomo ha chiesto di essere assolto dall'accusa di accettazione di vantaggi. In una sentenza pubblicata oggi, i giudici di Mon Repos hanno respinto il suo appello e confermato integralmente il verdetto dei loro colleghi di Bellinzona.

Ritengono che l'accusato, che ha lavorato come specialista della Russia per alcuni anni per il Ministero pubblico della Confederazione (MPC), fosse consapevole che questo invito di una settimana fosse un vantaggio indebito. Anche se in passato aveva partecipato a weekend di caccia con l'approvazione dei suoi superiori, ciò non costituiva un'autorizzazione implicita per tale viaggio. L'invito era stato rivolto all'esperto russo dall'allora capo dell'ufficio del procuratore generale russo.

Il MPC era stato in contatto con il funzionario di polizia prima e dopo il viaggio nell'ambito delle richieste di assistenza giudiziaria. Per il TF l'invito era suscettibile di "adescarlo" e influenzarlo.

Il ricorrente non ha avuto alcun potere decisionale. Tuttavia, in qualità di esperto della Russia ha di fatto avuto una posizione chiave e gli ha permesso di influenzare direttamente o indirettamente lo svolgimento dei procedimento in corso.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-26 18:34:14 | 91.208.130.87