20min/Marco Zangger
SVIZZERA
25.11.2021 - 14:590

Puntualità, affidabilità e sicurezza per le FFS del futuro

L'azienda ha presentato oggi la strategia 2030 per uscire dalle difficoltà dovute alla crisi sanitaria

BERNA - Solidità del sistema ferroviario e stabilità finanziaria. Sono questi i cardini della strategia elaborata dalle Ferrovie federali svizzere (FFS) per l'orizzonte 2030. L'azienda intende concentrarsi sui clienti e su concetti base in ambito ferroviario come puntualità, affidabilità e sicurezza.

La situazione non è semplice. La pandemia ha scavato un deficit record di 617 milioni di franchi nel 2020, hanno spiegato oggi i dirigenti dell'azienda in conferenza stampa a Berna. Il Ceo delle FFS Vincent Ducrot ha evocato colloqui in corso con il Consiglio federale sul finanziamento. Dato che sono in gioco fondi a lungo termine, le valutazioni saranno effettuate in modo approfondito, ha precisato.

Per Ducrot, per prima cosa è dunque necessario garantire la solidità del sistema ferroviario e un finanziamento sostenibile entro il 2025. La puntualità è buona, ma «volatile», ha rilevato, facendo notare come ciò sia anche dovuto ai 150 cantieri di quest'anno.

Le nuove esigenze dei clienti - Oltre a conseguenze finanziarie, il coronavirus ha portato alla luce anche le nuove esigenze della clientela e la necessità di una maggiore flessibilità, che permetta di non farsi sorprendere da mutamenti nei comportamenti di viaggio.

Secondo le ultime previsioni della Confederazione, la mobilità continuerà ad aumentare, anche grazie a offerte di trasporto sostenibili a livello climatico. La crisi sanitaria ha però anche accelerato i cambiamenti nel modo di lavorare, implementando in particolare il telelavoro. Le FFS dovranno pertanto adeguarsi anche a questi mutamenti.

Concretamente, l'azienda vuole adattare l'orario per meglio venire incontro a chi viaggia nel tempo libero durante i fine settimana. L'obiettivo è creare collegamenti diretti tra gli agglomerati e le destinazioni turistiche o sportive, ha annunciato Ducrot. In questo contesto, è prevista la realizzazione di più parcheggi per auto e biciclette nelle stazioni.

Più informazione - Fra le priorità sottolineate dal Ceo figura anche una migliore informazione dei clienti in caso di interruzioni. Le FFS si concentrano anche su un nuovo sistema tariffario, che sia più semplice. Alliance Swiss Pass sta lavorando a una serie di proposte, che dovrebbero essere disponibili entro la fine del 2022.

Secondo la presidente del consiglio d'amministrazione, Monika Ribar, è il momento giusto per lanciare la nuova strategia. La ferrovia deve uscire dalla modalità di crisi, ha affermato. Nel 2019, anno da record, con una crescita dei passeggeri del 6%, era emerso in modo chiaro che la questione climatica sta diventando sempre più importante per la scelta del mezzo di trasporto.

La strategia si baserà ancora sull'orario cadenzato ed è stata descritta da Ribar come un'evoluzione piuttosto che una rivoluzione. Per raggiungere questo obiettivo, le FFS stanno digitalizzando il loro core business. Per rendere la manutenzione ancora più efficiente, le ferrovie puntano sulla costruzione del nuovo stabilimento di Castione. L'azienda intende infine essere neutrale a livello climatico entro il 2030, consumare meno energia e favorire l'economia circolare.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-28 16:32:36 | 91.208.130.85