20min/Matthias Spicher
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Swiss congela i voli per Hong Kong
La decisione è stata presa a causa delle rigide misure di quarantena previste per i membri dell'equipaggio
SVIZZERA
1 ora
Venti tempestosi a nord delle Alpi
Sono quelli della tempesta Frank, che questo fine settimana interesserà Svizzera tedesca e Svizzera francese
SVIZZERA
2 ore
Unia: «Si riduca l'orario di lavoro per tutti, referendum se aumenta l'età pensionabile»
Ecco cosa è emerso dall'assemblea dei delegati del sindacato, oggi a Berna
SVIZZERA
3 ore
«Misure tardive, andiamo verso una catastrofe»
L'infettivologo Andreas Widmer, presidente di Swissnoso: «Servono più restrizioni per i non vaccinati»
SVIZZERA
4 ore
Allergene non dichiarato, Migros ritira un lotto di funghi secchi
Il prodotto era in vendita nella Svizzera tedesca, nei supermercati Alnatura bio
VAUD
5 ore
Il CHUV corre ai ripari: «L'ospedale è pieno»
Travolto dai casi di Covid, il Centro ospedaliero vodese potenzierà la prossima settimana le terapie intensive
SVIZZERA
5 ore
«Senza una proposta della Svizzera, non ci sarà mai un piano B»
Un pacchetto bilaterale con l'Ue? Parla l'esperto Nicolas Levrat: «Berna sa che esistono alternative all'accordo quadro»
SVIZZERA
5 ore
«Diffondono il virus senza rendersene conto»
L'epidemiologa Susi Kriemler suggerisce la via dei test regolari per tracciare e contenere i contagi tra i giovanissimi
SVIZZERA
6 ore
Doppio test per l'ingresso in Svizzera: ecco cosa cambia
Da oggi è revocato l'obbligo di quarantena per chi arriva dai paesi a rischio. Ma scatta la strategia dei test
SVIZZERA
14 ore
Messi in quarantena per sbaglio
Viaggiatori che non provenivano da paesi a rischio hanno ricevuto un messaggio d'isolarsi ed evitare contatti
Vallese
16 ore
Incendio sul tetto dell'ospedale
Non ci sono feriti, ma 59 pazienti sono stati evacuati dal piano superiore
SVIZZERA
20 ore
«La gente rischia di perdere la fiducia»
Ospedali al limite, trasporto pubblico in difficoltà. I sociologi sono preoccupati per l'impatto sull'opinione pubblica
SVIZZERA
20.10.2021 - 13:210

Quattrocento milioni alla ricerca

Il Governo federale finanzia i ricercatori svizzeri per permettere loro di partecipare al programma “Orizzonte Europa”

BERNA - Se la montagna non viene a Maometto, Maometto va alla montagna. Ispirandosi a questo detto, oggi il Consiglio federale ha deciso di finanziare direttamente i ricercatori svizzeri con oltre 400 milioni di franchi per il 2021, onde consentire loro di partecipare al programma di ricerca e innovazione europeo "Orizzonte Europa" 2021-2027.

La decisione d'intervenire direttamente è la conseguenza dello status di Paese terzo della Confederazione, dovuto all'abbandono da parte elvetica dei negoziati con l'Ue su un accordo istituzionale.

Fino a nuovo ordine, rammenta una nota governativa odierna, la Svizzera partecipa a "Orizzonte Europa", nonché ai relativi programmi e iniziative, con lo status di Paese terzo non associato, benché Berna aspiri all'associazione completa come in passato.

Benché tale status permetta ai ricercatori operanti in Svizzera di partecipare a circa due terzi del programma, essi non possono ricevere finanziamenti dalla Commissione europea.

Nel corso della sua seduta odierna, il governo ha incaricato il Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca (DEFR) di finanziare direttamente gli attori interessati, approvando gli appositi credito. Inoltre, in collaborazione con il Dipartimento federale delle finanze, il DEFR dovrà vagliare eventuali misure complementari e sostitutive per rafforzare il polo svizzero della ricerca e dell'innovazione.

Il finanziamento diretto è stato istituito con il decreto federale sul pacchetto Orizzonte 2021-2027 del 2020 e copre tutte le parti del programma, tra cui "Orizzonte Europa", il programma Euratom, il programma Digital Europe (DEP) e la partecipazione all'infrastruttura di ricerca ITER.

Circa le eventuali misure complementari e sostitutive per rafforzare sul lungo periodo il polo svizzero della ricerca e dell'innovazione, esse dovrebbero essere realizzate qualora in futuro sia ancora impossibile associarsi al programma.

Per quanto riguarda le misure complementari, i risultati della valutazione saranno disponibili nella seconda metà del 2022 mentre eventuali misure sostitutive saranno presentate nel corso del 2023. L'obiettivo prioritario del Consiglio federale rimane la rapida associazione della Svizzera al programma.

Una decisione attesa - L'idea di un finanziamento diretto da parte della Confederazione era già stata evocata nel giugno scorso. Se l'associazione a "Orizzonte Europa" dovesse subire ritardi o non concretizzarsi è possibile un finanziamento diretto dei ricercatori svizzeri da parte della Confederazione, aveva indicato la Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l'innovazione (SEFRI) in un comunicato diffuso il 26 di giugno.

In quell'occasione, la SEFRI aveva indicato che la Commissione europea aveva aperto i bandi per presentare le proposte di progetti. I ricercatori svizzeri hanno quindi da allora la possibilità di partecipare a "Orizzonte Europa", nonché ai programmi e alle iniziative correlate, e di candidarsi per le componenti del programma e gli strumenti di finanziamento a loro aperti. In questi casi il finanziamento sarebbe stato erogato dalla Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l'innovazione.

Il Parlamento ha dal canto suo già approvato il finanziamento della partecipazione svizzera al pacchetto Orizzonte Europa per un importo di 6,15 miliardi di franchi, così come la possibilità di un finanziamento diretto ai ricercatori elvetici.

La Svizzera era pienamente associata al programma precedente, Orizzonte 2020. La rottura dei negoziati sull'accordo quadro ha suscitato preoccupazioni sul prosieguo della collaborazione della Svizzera ai programmi di ricerca europei. In una dichiarazione comune, parlamentari svizzeri ed europea hanno chiesto al Consiglio federale e all'UE di avviare rapidamente delle trattative sull'associazione completa della Confederazione al programma "Orizzonte Europa".

Il programma "Orizzonte Europa" - Il programma quadro "Orizzonte Europa" (2021-2027) è il più importante programma di ricerca e innovazione al mondo e vanta un budget di oltre 95 miliardi di euro.

Assieme a "Next Generation EU", il pacchetto di misure straordinarie per favorire la ripresa, si prefigge di promuovere la transizione verde e quella digitale in tutta Europa.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-04 14:29:37 | 91.208.130.87